WWE 2K20 – Recensione

WWE 2K20 – Recensione

E’ difficile riportare a parole quanto disastroso sia quest’anno il capitolo di WWE 2K, perché solo dopo averlo provato si percepisce significativamente la caduta che si è avuta.
Fino allo scorso anno, tutto stava procedendo per il meglio, con un impennata qualitativa registrata soprattutto con i capitoli 2K18 e 2K19.
Poi qualcosa si è rotto, con l’abbandono (o licenziamento?) dello storico team di Yuke’s (i padri fondatori della saga WWE da quasi vent’anni) e il non troppo riuscito passaggio di testimone a Visual Concepts (sviluppatori dell’amato/odiato NBA 2K).
Noi di Gamepare, date le premesse, abbiamo voluto prenderci un po’ più di tempo per valutare questo gioco, concedendo anche il beneficio del dubbio che si doveva dare. Speranza mal riposte, dato che la situazione non è migliorata, anzi…
Come detto, nelle ultime due stagioni la saga WWE stava vivendo un buon momento, con una modalità carriera rinnovata, il ritiro della Showcase mode e una buona giocabilità collettiva.

Nonostante le promesse degli sviluppatori, WWE 2K20 è un gioco profondamente incompleto, rotto, non fixabile (l’hashtag #FixWWE2K20 è sempre presente nelle pagine social del gioco e addirittura nelle arene WWE) e che conferma il metodo approssimativo che l’accoppiata 2K e Visual Concepts ha nei propri lavori, incapaci di completarli entro i tempi stabiliti.
Il risultato è evidente. Modelli poligonali approssimativi, downgrade grafico (alcuni dataminer hanno trovato codici riciclati dai 2K18 e 2K19), bug, comandi ingestibili e una giocabilità complessivamente bersagliata da imprecisioni a metà tra il disastroso e il tragicomico. Il sistema di aiming, in particolare, è incommentabile!
Online la situazione non migliora. La lentezza del matchmaking è estenuante, con accoppiamenti casuali tra giocatori e inciampi online che rendono ingiocabile la modalità. Ancora ancora se si gioca 1vs1, ma quando si prende parte a multi match a più persone… tanti auguri! Suggeriamo di giocare al caro vecchio multiplayer locale, come ai vecchi tempi di Here Comes The Pain.

wwe-2k20-bug

 

Qualcosa di buono comunque c’è. WWE 2K20 vanta coma al solito un roster esagerato, e la sempre valida community online che genera personaggi e costumi alternativi. Un vero punto di forza, sebbene limitato, dato che, al momento, non è possibile creare cinture personalizzate (promesso l’arrivo in un prossimo aggiornamento).
Interessante anche l’arrivo del tag team misto, basato sulla serie di match Mixed Tag Team Challenge andata in onda nel 2017 e 2018, e la serie Originals.
Quest’ultimo è una serie di DLC (ovviamente a pagamento, cara vecchia avida 2K…) che porta alcuni costumi alternativi a tema Halloween per alcuni lottatori, e una nuova Showcase mode presentata dal New Day.
Personalmente, accogliamo positivamente  anche il nuovo sistema di comandi, con lo spostamento del contrattacco sul tasto Triangolo. Questo aiuta a rendere più immediato il contrattacco stesso, soprattutto online, ma occhio a non abusarne, pena svuotare in fretta la barra della difesa.

Per quanto riguarda l’offline, tre sono le modalità più significative.
Nella  Showcase Mode  quest’anno viene raccontata la storia della Women’s Revolution, il cambiamento che si ha avuto in WWE grazia anche alle quattro Horsewomen, che è culminato con il primo main event di Wrestlemania a tinta rosa. Ripercorreremo alcuni dei match più importanti di questa scalata, intervallati da alcune interviste con Charlotte e socie.
Parlando di scalata, si proseguer con le Torri, in stile Mortal Kombat che offrono sfide e ricompense  periodiche . La principale però avrà come protagonista Roman Reigns, nella quale potremmo rivivere alcune tappe che hanno portato il Big Dog ad essere l’uomo di punta della compagnia di Stamford.
Entrambe le modalità offline offrono ricompense e gettoni sbloccabili, che si potranno utilizzare in game o durante la Mia Carriera.

WWE 2K20 3-44 screenshot
Purtroppo ci tocca parlare anche di questa sezione, che definire imbarazzante sarebbe un complimento.
Protagonisti sono Red e Tre, un ragazzo e una ragazza he sognano di diventare leggende WWE dai tempi del liceo. E niente, questa è la loro storia… loro che passano vent’anni  a riscuotere successo, a battere avversari fino alla tanto agognata cerimonia di consegna dell’anello. Una sceneggiatura mediocre, con dialoghi imbarazzanti e una sottile vena di presa per il culo dei giocatori, che in più occasioni vengono umiliati e bullizzati dagli antagonisti del gioco con frasi tipo “chi segue il wrestling è uno sfigato!”… Ok Boomer, ma se il gioco lo crei per venderlo, non so se è una buona idea fare così!

I troppi difetti, i continui crash, l’online ingestibile, il poco divertimento e soprattutto il fatto che le goffe patch di aggiornamento cancellino i dati salvati degli utenti hanno spinto molti utenti a chiedere addirittura il rimborso!
In conclusione, ce la sentiamo di consigliare WWE 2K20? Ovviamente no!

Seguite l’unboxing di WWE 2K20 fatto da Tommy K in collaborazione con il canale TW Web Radio

Tenetevi i vostri quattrini e continuate con il 2K19, sperando che ci sia un prossimo WWE 2K, possibilmente fatto meglio.

WWE 2K20
5.5 / 10 Recensione
Gameplay6.5
Grafica5
Longevità5
Pro
  • Roster vario
  • Showcase mode
  • Editor Community
  • Colona sonora limitata ma valida
  • Contro
  • Online instabile
  • Bug e Glitch
  • Gioco incompleto
  • Mia Carriera ridicola
  • Patch insufficienti
  • Downgrade grafico
  • Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 165 Articoli
    Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *