Eccesso d’hype: Rovina per interi brand

Eccesso hype Rovina per interi brand

Nel corso del tempo anche il nostro settore preferito ci ha saputo regalare svariate strategie di marketing che si sono rivelate a dir poco subdole. Oggi mi soffermerò a parlare d’hype, cioè l’aspettativa che si manifesta in noi di fronte a trailer all’apparenza solenni, andando a capire in che modo questo automatismo unito al sistema attuale abbia logorato interi brand!

Dopo la visione di un trailer coi fiocchi, gran parte dell’utenza si aspetta la conseguente uscita di un capolavoro degno di nota, questo meccanismo crea delle dinamiche interne che si rivelano essere un’arma a doppio taglio, infatti la merce finale spesso non risulta essere all’altezza del trailer e quindi il tutto viene categorizzato come prodotto deludente. Senza alcun trailer, sicuramente non ci sarebbe stato hype e il gioco sarebbe stato apprezzato per tutte le caratteristiche positive del caso e quindi non comparato ad un filmato ingannevole.

Dati alla mano, l’esempio più eclatante c’è stato durante l’E3 2005 con il trailer di Killzone 2, le polemiche su questa vicenda ancora echeggiano forti sui forum dedicati. In seguito Guerrilla Games confermò che il video mostrato non era tratto dal gioco ma voleva rappresentare un punto di arrivo che si sperava di raggiungere a sviluppo ultimato. Tra le altre menzioni onorabili come non citare i trailer fittizi di No Man’s Sky e Dead Island.

Di seguito il video della storico di Killzone 2 E3 2005:

Adesso tocca a voi, quale trailer vi ha ingannato/deluso di più durante quest’ultimo decennio videoludico? Felice 2020 ragazzi e al prossimo articolo su Radical Chic Gaming!

Informazioni su Antonio Feole 19 Articoli
Mi definisco ironicamente come un veterano dell'armata videoludica, diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*