The Legend of Zelda Skyward Sword HD – Recensione

the-legend-of-zelda-skyward-sword

In questi ultimi tempi stiamo assistendo al porting di parecchi titoli datati su Nintendo Switch. Il più recente di questi è proprio The Legend of Zelda Skyward Sword, la riedizione di un titolo uscito in precedenza su Nintendo Wii, che aveva venduto “solo” 3.52 milioni di copie. Non solo anche grazie ai voti che ai tempi avevano la media del 10/10, ma soprattutto pe la sua qualità e bellezza al tempo innegabili. Ora con questa versione rimasterizzata per la nuova console abbiamo possibilità di farlo provare a chi se lo fosse perso, per mancanza di console o perché nati prima della sua uscita originale.

Il confronto con The Legend of Zelda: Breath of the Wild ci viene naturale, ma non dobbiamo dimenticarci che Skyward Sword era stato pensato per essere giocato con i controller Motion Plus. È ovvio quindi che gran parte del lavoro di Nintendo è stato speso nella conversione Wiimote – Joy-Con ma anche per tradurre tutti gli input di movimento in semplici tocchi di analogico, per tutti quelli che preferissero un sistema di controllo più classico.

Ma com’è quindi questa versione rimasterizzata? Ebbene, nonostante la bellezza originale del titolo resti intoccata, questa versione è un porting ben riuscito ma con molte caratteristiche che potevano essere modificate considerando sia gli anni del titolo che le caratteristiche di Nintendo Switch.

Si parte per l’avventura

Link si trova all’accademia sull’isola volante di Oltrenuvola, pronto per partecipare all’esame di volo, insieme al suo fidato Solcanubi. Dopo la gara, durante la premiazione, Zelda viene catturata da un misterioso tornado che compare improvvisamente. Non resta altro da fare che scoprire sia successo e salvare la principessa. Link, guidato nelle ricerche da una voce, trova un’antica spada creata dalla Dea Hylia e destinata all’eroe prescelto, e così ha inizio la sua avventura…

Zelda con Link

Durante questa introduzione scopriremo come usare i comandi di gioco e  avremo la possibilità di prendere dimestichezza con entrambe le modalità di controllo. Personalmente ho preferito utilizzare le funzionalità gestuali dei controller Joy-Con, per un’esperienza più fedele all’originale ma anche perché  mi è sembrato molto più scomoda la modalità portatile. Sicuramente, chi ha giocato al più recente Breath of the Wild, si troverà un po’ spiazzato con i controlli di gioco. Ma non temete: dopo qualche minuto sarete degli ottimi giocatori.

Link stupito

Ma non è tutto rose e fiori: qualche difetto, per lo più dovuto agli anni, c’è. La gestione della telecamera , infatti, non sempre risulterà ottimale: l’inquadratura a volte potrebbe essere limitante, e sarebbe bastata qualche accortezza per migliorare questa pecca durante il processo di porting. Un altro difetto che ho riscontrato è che, purtroppo, il titolo risulta molto più godibile e sicuramente più fluido utilizzando la console in modalità fissa. Questo potrebbe costituire un difetto non indifferente considerando che, utilizzata in modalità portatile, l’originale magia dei Wiimote (in questo caso dei Joy-Con) va completamente perduta perché i comandi sono stati modificati radicalmente.

Personalmente ritengo che avrebbero dovuto concentrare più sforzi nella conversione dei comandi e della telecamera così da avere uno Zelda Skyward Sword HD più attuale e maneggevole.

Trovare la giusta strada e risolvere i rompicapi

In The Legend of Zelda Skyward Sword HD, per quanto riguardo il gameplay, scopriremo presto che all’inizio tutto procede lentamente per poi velocizzarsi una volta iniziato il viaggio alla ricerca di Zelda. I contenuti di gioco sono pressoché inalterati dalla versione Wii e dopo l’introduzione saremo lasciati liberi di esplorare e di scontrarci contro i vari nemici armati con la nostra spada e il nostro arco, facendo sempre attenzione a non esaurire la nostra vita, o meglio, i nostri cuori.

Qualche piccola differenza di contenuti però c’è. Skyward Sword HD ci permette di utilizzare alcuni AMIIBO, che potremmo attivare durante il gioco, ma con un enorme punto interrogativo. Per questo, però, vi rimando all’articolo Nintendo ha colpito ancora!

Pianta carnivora

Come già detto, il titolo ha i suoi anni, ma comunque dimostra di essere sempre Zelda. Durante la nostra avventura ci cimenteremo in vari rompicapi che, anche se il più delle volte risolveremo velocemente, in alcune situazioni ci metteranno in difficoltà a causa, anche, dell’unicità e l’originalità di soluzioni che questa saga nel corso degli anni ha richiesto ai propri giocatori.

Un altro segno del tempo è visibile quando dovremo cercare la strada giusta per proseguire l’avventura. Anche il solo capire dove dovremo dirigerci potrebbe diventare quasi faticoso. Infatti, nonostante apparentemente possa sembrare un open world, Skyward Sword HD è un gioco lineare con percorsi stabiliti, ma con una grande mappa interamente esplorabile nella quale potremmo facilmente perderci. Bisogna quindi fare attenzione ai dialoghi con i vari personaggi e a ogni singolo indizio ed elemento, anche perché spesso gli accessi ai dungeon sono nascosti e richiedono precise azioni per essere aperti. Ovviamente, come nel titolo originale, possiamo potenziare il nostro armamentario nel negozio di Oltrenuvola, grazie alle rupie raccolte in giro, sconfiggendo nemici e rompendo vasi.

Santuario dell'esilio di Zelda

Conclusione

The Legend of Zelda: Skyward Sword HD, ha quasi tutte le carte in regola per essere giocato per la prima volta o rigiocato dai più anziani. Quello che è sicuro e che sarebbe dovuto uscire prima dell’ultimo capitolo della serie perché ora gli anni di differenza si sentono e il rivoluzionario Breath of the Wild non fa altro che accentuare questo divario. Se siete però interessati alla Lore dell’universo di Zelda non potete perdervi questo capitolo che rappresenta, cronologicamente, dove tutto ha avuto inizio.

The Legend of Zelda Skyward Sword HD
8.3 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica8.5
Longevità9.5
Pro
  • Controlli con Joy-Con in versione TV ottimi
  • Grafica un po' invecchiata, ma con un ottimo adattamento
  • Vecchio, ma ancora con il suo fascino
Contro
  • Controlli da migliorare in versione portatile
  • Senti la mancanza dell'open world
  • AMIIBO o no? Questo è il problema
  • Inizio molto lento
Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2614 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*