Nickelodeon All Stars Brawl – Recensione

Nickelodeon All Stars Brawl è sviluppato da Ludosity ed edito da GameMill Entertainment e Maximum Games. Con il “supporto” di Nickelodeon e delle sue IP, questo platform fighter si presenta tanto sgangherato quanto originale.

Potremmo considerarlo un coniuge di Slap City, altro lavoro di grande qualità di Ludosity, dal quale più che meccaniche di gioco eredita la creatività e le animazioni bislacche, anche se sarebbe bene col tempo ne ereditasse pure l’interfaccia sopraffina.

Nickelodeon All Stars Brawl si discosta in molti modi dagli altri esponenti del genere, pur mantenendo tante meccaniche che sono familiari e care agli appassionati.

Infatti non si limita ad affinare la formula imposta dalla serie Super Smash Bros., ma va ben oltre e si discosta da tanti capisaldi del genere presentandosi come qualcosa di veramente nuovo e andando a creare terreno inesplorato in un genere che solo da poco sta cominciando ad espandersi.

Se qualche termine presente nella recensione non vi fosse familiare potete trovare un glossario a questo LINK

Pizze in faccia

Il gameplay è decisamente il punto forte del gioco; velocissimo, dinamico, creativo ed espressivo, pad alla mano ci vuole qualche ora per abituarsi ai comandi, ma appena scatta la magia ogni azione che si compie è un piacere per le mani.

Il movimento dei personaggi si avvale di alcuni capisaldi dei platform fighters, come wavedash e la da poco introdotta dash dance, ma li semplifica il giusto in modo da darne accesso anche ai giocatori novizi e diminuire la possibilità anche per i veterani di commettere errori di input.

Un aspetto che concorre molto a questa semplificazione è la natura digitale degli input. Nella stragrande maggioranza dei platform fighters questi sono analogici e per un esperto del genere Nickelodeon All Stars Brawl può risultare molto strano a primo acchito proprio per questo motivo.
Come detto basta poco ad abituarsi e il digitale ha molti pregi che mancano all’analogico, ma è vero anche il contrario e bisogna infatti rinunciare ad input storici come il Tap Jump per via di questo aspetto. Non c’è però da perdere la speranza, gli sviluppatori stanno tenendo d’occhio il gioco da molto vicino e hanno già implementato cambiamenti importanti, succederà sicuramente ancora molto altro anche dal lato input.

I combattimenti sono come detto estremamente veloci e le combo oltre ad essere molto piacevoli da effettuare sono di una sfacciataggine prossima all’imbarazzo. In senso buono, sia chiaro.

Non è infatti raro perdere stock da colpi subiti a zero percento, o perché trascinati nella blastzone da un turbine di cazzotti o per la pura forza bruta di certi attacchi.

Il gioco difensivo è forse un po’ carente, ma questo porta a doversi muovere cercando di non esporsi troppo ma rimanendo sempre pronti a cogliere tutte le occasioni per mettere un colpo a segno. Questa dinamica porta Nickelodeon All Stars Brawl a ricordare più di tutti gli altri platform fighters proprio l’originale Super Smash Bros. del Nintendo 64. Solo mille volte più veloce.

Non esistendo alcuna schivata aerea uscire dalle combo non è un compito facile e bisogna sfruttare bene la Directional Influence per creare spazi e inganni in cui inserire un colpo basso o avere l’occasione di saltare lontano.
In questo aspetto concorre un sasso-carta-forbice fra gli attacchi pesanti che in molti casi aiuta a sfuggire da posizioni di svantaggio e punire giocate troppo aggressive.

Di meccaniche ce ne sono ancora moltissime di cui poter parlare, ma tagliando corto il gameplay di questo titolo è una ventata d’aria fresca nel panorama e offre ampio spazio per trovare il proprio stile ed essere creativi.

Prendete le forbici arrotondate

Il look di Nickelodeon All Stars Brawl è piuttosto balordo, ha indubbiamente un suo charme e certe animazioni sono davvero belle, ma non credo si possa dire che sia ben riuscito. Almeno non completamente.

Il tutto sembra tenuto assieme da pinzette e gomma da masticare, ma è anche vero che probabilmente il budget che il team di sviluppo ha ricevuto non conteneva altro che quelle e forse della colla vinilica.
Insomma per i potenti mezzi a loro disposizione gli sviluppatori hanno anche fatto un lavoro pregevole e la mancanza di coesione fra i personaggi che sembra apparire palese ad un primo sguardo, non è affatto così accentuata se si lascia il tempo all’occhio di abituarsi.

Inoltre tutto ciò che concerne i personaggi è molto leggibile e se anche doveste avere dei dubbi su hitbox o simili nella modalità allenamento c’è la possibilità di visualizzarle, cosa francamente non da poco e che dovrebbero implementare molti più giochi.

Nickelodeon All Stars Brawl - 02

Meno buona la leggibilità degli scenari invece, in quelli più semplici non ci sono grosse pecche, solo qualche scelta di colori non ottimale che porta il tutto a fondersi un po’ troppo e a non creare nette distinzioni tra terreno calpestabile e sfondo.
Gli stage più complessi però a tratti sono davvero insopportabili, ci sono arene in cui non è affatto chiaro su cosa si possa camminare e su cosa no a colpo d’occhio e non sono rare piattaforme indistinguibili dallo sfondo. A peggiorare questo aspetto è anche il layout completamente ottuso di certi scenari decisamente non riusciti.
Ci sono anche alcune chicche davvero carine però, come lo scenario stradale già visto in Slap City e che personalmente apprezzo molto o l’arena spaziale di Ren & Stimpy.

Il comparto audio si trova in una situazione simile a quello grafico.
Gli effetti sonori sono pochi ma funzionali e piacevoli, la mancanza di voci per i personaggi è un peccato ma non inficia la godibilità del gioco come potrebbe sembrare.

Le musiche sono tutte originali e se non sono sempre ben riuscite è anche vero che ci sono alcune tracce veramente splendide. Sul serio: ascoltate Jellyfish fields con attenzione, rimarrete stupiti.

È un mondo piccolo

Le modalità a disposizione non sono molte purtroppo. Per il giocatore singolo c’è solamente una semplicissima modalità arcade, piuttosto godibile ma nulla di ché.
Ci si può ovviamente sfidare in locale o online, si può come è classico giocare da 2 a 4 persone con la possibilità di aggiungere CPU per rimpiazzare giocatori mancanti e le sfide possono essere tutti contro tutti o a squadre.
Il comparto tecnico del gioco online non è affatto male, buone le lobby e discrete le modalità di ricerca automatica. Il netcode è rollback, non è dei migliori ma è anche vero che a farlo funzionare è stata una singola persona, tenendo questo in mente è un risultato niente male.

Molto apprezzabile anche la modalità sport, anch’essa tratta dall’altro figlio di Ludosity, è però un peccato che in questo gioco non ci siano stage appositi come invece succede al parente.

Ultima ma non ultima la modalità allenamento. Si potrebbe chiedere di più per un gioco di questo tipo e la speranza è che venga arricchita nei prossimi mesi, allo stato attuale non è male e tornano soprattutto comode la visualizzazione delle hitbox e la modalità frame-by-frame. Per il resto però non abbiamo altre funzionalità utili.

Conclusione

Nickelodeon All Stars Brawl è un gioco davvero interessante e originale. Dal lato gameplay è una vera perla e sebbene abbia dei palesi difetti questo aspetto da solo è in grado di sopperire a quasi tutto. Esteticamente non è un granché, ma la cosa non risulta fastidiosa e non inficia la giocabilità, mentre in termini di contenuti siamo al momento un po’ carenti e si potrebbe dire che il prezzo di lancio è forse un po’ alto per quello che si riceve in cambio.
Grazie al comparto online mi ritengo completamente soddisfatto, ma è facile che qualcuno più solitario possa non apprezzare la scarsità di contenuti.

Nickelodeon All Stars Brawl
7 / 10 Recensione
Gameplay9
Grafica6
Longevità6
Pro
  • Gameplay adrenalinico ed espressivo
  • Personaggi dal grande appeal
  • Il team di sviluppo supporta il gioco da vicino
Contro
  • Scarsità di contenuti
  • "Con trentamilalire il mio falegname lo faceva meglio"
  • Interfaccia e funzionalità da migliorare
Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 82 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*