Candleman: The Complete Journey – Recensione

Candleman è un titolo indie decisamente particolare, con un gameplay semplice ma con una forte identità e che offre un’esperienza immersiva a tratti rilassante a tratti emozionante. I giochi che riescono a regalare emozioni uniche e creative sono pochi di questi giorni. Candleman, però, è uno di questi.

Caratteristiche Principali

Candleman è un puzzle platform in 3D in cui interpreteremo una piccola candela. Risvegliatasi sola al buio di un naufragio, attraverso un oblò della nave vede il bagliore di un faro in lontananza illuminare la via nella notte e decide che quella sarà la sua destinazione. Attraverso una narrazione quasi da favola Candleman racconta una storia sull’accettazione e sulla scoperta di sé stessi.

Questa scoperta si traduce in un gameplay incentrato prevalentemente sull’esplorazione di un mondo suddiviso in livelli all’interno di una buona varietà di aree diverse tra loro. Oltre ad esplorare dovremo guidare anche la piccola candela attraverso una serie di puzzle e sfide platform con un particolare: il mondo intorno a noi è quasi sempre avvolto dall’oscurità, con solo poche zone illuminate da piccole sorgenti luminose. Il platform in sé non è niente di eccezionale, anzi è molto elementare sia nei comandi che nelle possibilità a nostra disposizione, ma è comunque competente quanto basta da essere divertente.

Come una candela, ovviamente, avremo la capacità di bruciare ed emettere un po’ di luce nell’ambiente circostante; tuttavia, la nostra cera si consumerà di conseguenza fino a consumarsi del tutto, facendoci perdere una vita. Scegliere quando usare la luce è quindi fondamentale in molte delle sfide man mano che il gioco procede. Questo aggiunge un po’ di profondità in più e un’aria di mistero all’atmosfera già accattivante. Ci sono numerose candele spente nascoste in ogni livello, e accenderci vicino a loro le accenderà avvantaggiandoci conseguentemente nella nostra esplorazione.

Nonostante la difficoltà non sia molto elevata, la varietà dei livelli e delle meccaniche ambientali rendono il gioco vario e interessante, con uno stile grafico e un level design eccezionali. I luoghi che andremo ad esplorare sono interessanti, vari e nonostante siano evidentemente magici e irreali mostrano una coerenza e una logica considerevole, sia nelle meccaniche che all’interno della narrazione.

Inoltre, grazie ad un interessante utilizzo dei suoni e alla quasi totale mancanza di una colonna sonora, Candleman riesce a rendere davvero bene la sensazione di isolamento che il gioco tenta di trasmettere.

Il gioco offre circa 6 ore di intrattenimento. Non molte, vero, ma una durata decisamente  in linea con altri titoli di questo genere come ad esempio i ben più famosi Little Nightmares, con i quali ha sicuramente ben più di un elemento in comune.

Conclusione

Nel complesso, Candleman è una stupenda esperienza per chiunque ami i giochi platform  ma anche per chi cerca qualcosa di artistico anche in forme non proprio covenzionali. È un gioco carino e stimolante, facile da giocare e gustare a piccoli morsi o anche da divorare tutto in una volta.

Candleman: The Complete Journey
7.8 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica8
Longevità7
Pro
  • Atmosfera unica e affascinante
  • Semplice ma estremamente coinvolgente
Contro
  • Un po’ troppo facile
  • Avrebbe potuto offrire qualche ora in più esplorando meglio alcune meccaniche
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 17 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*