Follow
Gamepare > Home > Sherlock Holmes: Crimes & Punishments > Sherlock Holmes: Crimes & Punishments – Recensione

Sherlock Holmes: Crimes & Punishments Recensione

Londra, XIX secolo, sei casi di omicidi sono accaduti, ed ora devi trarre le tue conclusioni.

Ritornano le avventure del famoso detective Sherlock Holmes, tratto dai libri di Sir Arthur Conan Doyle.

Appena avviamo Sherlock Holmes: Crimes & Punishments, a differenza dei precedenti capitoli della serie, notiamo subito l’alta qualità grafica e gli effetti cinematografici di alto livello presenti nel gioco, grazie principalmente al motore Unreal Engine 3 utilizzato per la prima volta nella serie.

Il gioco inizia con l’assegnazione del primo caso. Qui ci viene in aiuto un registro dove vengono annotati i progressi delle attuali indagini, insieme agli incarichi, alle prove, alla mappa e ad altri appunti.

Gli sviluppatori hanno aggiunto al gioco maggiore carica introducendo funzionalità che daranno al videogiocatore maggior impatto videoludico. Potremo infatti utilizzare dei poteri paranormali come la modalità “concentrazione”, che permette di vedere piccoli particolari su muri, pavimenti, porte o sul terreno, oppure “l’immaginazione” che da possibilità a Sherlock Holmes di ricostruire la scena del delitto com’era prima che si verificasse l’accaduto.

Ogni scelta che facciamo nel gioco determina la possibilità di trarre conclusioni sugli omicidi proposti, e i relativi casi ci faranno girare Londra alla ricerca di  indizi e prove dalle scene dei delitti. Anche i dialoghi possono essere utilizzati come arma per scovare l’assassino. Incalzare una persona a farsi dire la risposta vera non è sempre facile, come anche distinguere la menzogna dalla verità. Fortunatamente se sbagliamo a condurre un dialogo possiamo comunque ripeterlo per selezionare le frasi corrette.

Oltre ogni enigma

Nel corso del gioco oltre a raccogliere indizi sui nostri casi, ci ritroveremo anche a risolvere degli enigmi o micro-puzzle, tra esperimenti, ricostruzioni di oggetti e completamento scenari.

Ricordate che è importante non farvi distrarre da alcune scene create dagli sviluppatori per depistarvi dal corso dell’investigazione.

Una volta trovati tutti gli elementi, o solo alcuni, potete utilizzare lo Spazio Deduttivo, dove gli indizi raccolti potranno essere collegati tra di loro e analizzati per effettuare ipotesi o conclusioni.
Comunque ogni caso analizzato, avrà almeno 3 conclusioni con diverse armi del delitto oppure diversi colpevoli.
Queste soluzioni e scelte saranno fatte interamente dal videogiocatore che avrà, seppur limitata, una libertà d’azione per tutta la durata del gioco.

Elementare, Watson, Elementare.

Gli sviluppatori hanno fatto un ottimo lavoro con il motore Unreal Engine 3, i particolari di ogni luogo e le espressioni dei personaggi sono molto suggestivi. Purtroppo alcune piccole imperfezioni si sono presentate, come muri invisibili che a volte ostacolano il giocatore.

Il gioco presenta a volte lunghi caricamenti, sopratutto quando ci si muove da un luogo ad un altro, che comunque sono stati occultati da filmati di Holmes in carrozza.

Conclusioni

Sherlock Holmes: Crimes & Punishments, è un valido acquisto sia per appassionati di avventure ed enigmi, sia per chi vuole iniziare a giocare qualcosa di diverso dai soliti schemi.
La grafica, l’audio e l’azione, vi terranno a lungo incollati a questo gioco per risolvere i casi come un detective.
Il gioco, sviluppato per tutte le piattaforme principali, dà comunque un ottimo risvolto alle avventure grafiche, aggiungendo un po’ di deduzione alla risoluzione dei casi.

Positivo
  • Motore grafico
  • Esperienza di investigazione
Negativo
  • Caricamenti eccessivi negli spostamenti
8.7
Grande
Gameplay - 9
Grafica - 8
Longevità - 9
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>