Tails of Iron – Recensione

Avete presente i topi? Quei piccoli animaletti molto carini, con piccole zampette affusolate e un musetto soffice con dei lunghi baffetti? Ecco, in Tails of Iron vestiremo i panni del giovane principe Redgi, erede al trono di un piccolo regno feudale di topolini. Dopo aver vinto un combattimento che ci conferma erede al trono, nostro padre il re viene assassinato dall’esercito del popolo delle rane. Questo l’incipit del nostro viaggio per tutto il regno dove andremo in soccorso di nostri simili mentre uccideremo rane, zanzare, larve e altre creature pericolose. Ma ora analizziamo con più cura gli aspetti principali di questo incredibile action 2D.

Caratteristiche Principali

Tails of Iron ci sfida a reclamare il nostro regno attraverso battaglie strazianti, schivando e parando lungo la strada della vittoria. Il gameplay di per sé è molto semplice: tutto quello che dovremo fare sarà alternare attacchi, schivate, blocchi e parate. Tuttavia, combinare queste abilità può rivelarsi una vera sfida. Ogni tipo di nemico e boss ha le proprie mosse e tempistiche di combattimento e questo ci costringerà ad adattarci e affinare il più possibile la nostra abilità, riflessi e istinto.

Sebbene il titolo abbia molte più similitudini con giochi a scorrimento come Hollow Knight, il focus è sicuramente improntato sul combattimento e l’esplorazione, mentre non saranno mai prese in considerazione abilità di movimento. Personalmente ho trovato moltissime somiglianze con il combat system di Sekiro in quanto dovremo essere veloci a schivare o parare i diversi attacchi dei nemici, pena subire danni ingenti, e attaccare solo nei momenti in cui gli avversari risultino scoperti o storditi. Sotto questo punto di vista il gioco non ci darà tregua e richiederà di impararne le complessità fin dall’inizio. Senza dubbio la parte finale della nostra avventura e alcuni boss risulteranno davvero difficili, ma nel complesso il gioco non sarà mai ingiusto.

Nonostante scene macabre e brutali, Tails of Iron riesce inoltre ad avere un fascino difficile da descrivere. Oltre ad un bellissimo comparto artistico disegnato a mano, con fondali stupendi e personaggi incredibilmente caratterizzati, ci sarà anche un’ambientazione cupa ma curata e ricca di dettagli, che ci verrà raccontata da una voce narrante durante l’intera durata del nostro viaggio.

L’unico difetto che posso trovare in Tails of Iron sono le armi e le armature: spade e asce non sembrano molto diverse l’una dall’altra e le lance offrono solo il minimo aumento della portata. Numerosissime, sia chiaro, ma purtroppo la nostra scelta quasi sicuramente ricadrà sulla loro capacità di infliggere danno o sul maggior valore di difesa, nel caso delle armature. Le uniche discriminanti saranno il peso e il loro valore d’attacco o difesa. Nel mio piccolo ho cercato di equipaggiare il protagonista basandomi principalmente sull’estetica, ma è innegabile che se si vuole essere efficienti non ci sono vere possibilità di personalizzazione.

Conclusione

Odd Bug Studio ci propone un titolo eccezionale, con un comparto grafico davvero strepitoso e con combattimenti complessi ma allo stesso tempo gratificanti. Tails of Iron cattura davvero l’attrattiva principale dei Souls-like: l’intenso senso di soddisfazione nel superare qualcosa che inizialmente sembra insormontabile. È una meravigliosa favola nera che merita attenzione soprattutto da parte di giocatori alla ricerca di un’avventura con combattimenti serrati e cruenti.

Tails of Iron
8.7 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica9.5
Longevità8
Pro
  • Visivamente sbalorditivo
  • Gameplay divertente e molto soddisfacente
Contro
  • Le armi non sono troppo diverse le une dalle altre
  • Manca la possibilità di rifare i boss una volta completato il gioco
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 19 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*