Dark Devotion – Recensione

Dark Devotion è un action platform in 2D in cui vestiremo i panni di un cavaliere templare in una crociata che metterà alla prova la sua fede ma soprattutto la sua costanza. Se adorate morire continuamente ed essere costantemente sotto pressione, questo è un titolo che fa per voi.

Caratteristiche Principali

Visivamente Dark Devotion si presenta con un’estetica molto cupa, dai colori poco accesi, e con un’illuminazione che crea un’atmosfera mistica e completamente a tema con la religiosità della storia.

Il gioco si apre all’interno di un tempio, in compagnia di altri crociati, ma subito dopo aver battuto il primo boss ci ritroveremo imprigionati in un dungeon liberamente esplorabile e popolato da creature aggressive e altre mostruosità che ci faranno più volte la pelle. La mappa di gioco ha molti elementi in comune con il genere metroidavnia e, nonostante non ci saranno punti di salvataggio, nel corso della nostra esplorazione avremo accesso a teletrasporti e viaggi rapidi per ritornare velocemente all’ultimo posto visitato.

Il combat system si basa molto sull’abilità di schivare e trovare l’apertura corretta per infliggere danni ai nemici. Avremo a disposizione diverse armi con moveset differenti ma, ad essere sinceri, per nulla vari.  Un’altra caratteristica unica è la meccanica della “fede” per cui si raccolgono sfere di luce sconfiggendo i nemici. Questi diventano un mezzo essenziale di progressione con diversi utilizzi, dal lanciare magie ad aprire porte o guarire te stesso. La gestione strategica di questi punti fede rende gioco più interessante e leggermente più profondo. I controlli funzionano bene, in teoria, anche se i tagli delle armi a volte sembrano leggermente ritardati, il che non aiuta con un livello così alto di difficoltà.

La morte a volte risulterà troppo punitiva e, privandoci ogni volta di oggetti e consumabili di valore che troviamo, spesso ci condannerà ad altre successive morti. E per questo motivo, lo ammetto candidamente da giocatore hardcore, sicuramente Dark Devotion risulta eccessivamente stressante e poco accogliente.

Collocandosi a metà strada tra Dead Cells e Blasphemous per quanto riguarda struttura e gameplay, questo titolo non riesce ad avere una propria identità e fatica a distinguersi. Ha sicuramente ottime idee ma fatica a reggere il confronto con altri giochi del medesimo genere.

Conclusione

Pochi giochi mi lasciano sensazioni così conflittuali come Dark Devotion. Da un lato mi è molto piaciuto, ha un’atmosfera inquietante e allo stesso tempo affascinante in cui sei immerso nell’oscurità e ogni passo in avanti è pieno di pericoli. Ha anche un combattimento teso e impegnativo e un’enfasi sull’esplorazione. Ma per ogni cosa positiva di Dark Devotion, c’è qualcosa che mi allontana da essa. La poca varietà e complessità del combattimento in primis, ma anche la difficoltà che a tratti risulta essere solo frustrante.

Dark Devotion
6.8 / 10 Recensione
Gameplay6.5
Grafica7.5
Longevità6.5
Pro
  • Atmosfera inquietante e oscura
  • L’ideale per i souls-like lovers
Contro
  • Combat system non molto profondo
  • In alcuni punti la difficoltà è troppo frustrante
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 19 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania e punta&clicca.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*