ARKOS – Recensione

C’è ancora qualcuno là fuori appassionato di vecchi shooter come Doom o Castle Wolfenstein? Se la risposta è positiva ARKOS è il titolo che fa per voi. Basterebbe questo per descrivere in una riga cosa sia questo titolo action con un’atmosfera fantasy così classica e così nostalgica.

Caratteristiche Principali

Sebbene dovrebbe bastare ciò che ho scritto nell’introduzione per raccontare tutte le caratteristiche di ARKOS, le rielencherò velocemente per i più giovani che, maledetti giovinastri, non hanno vissuto i gloriosi anni ’90 e tutti i capolavori ludici che ci ha dato .

Iniziamo dalla trama, relativamente importante, e scritta velocemente in poche righe nelle pergamene che troveremo prima di entrare in ogni livello. Vestiremo i panni di un giovane mago sulle tracce del proprio maestro, che dovrà sconfiggere le creature maligne che infestano il suo regno a colpi di palle di fuoco, raggi laser e altre devastanti magie.

Per quanto riguarda il gameplay, ci troviamo davanti al più classico degli sparatutto in prima persona: movimento, attacco principale, attacco secondario e interazione. Va detto, per correttezza, che il movimento è si rigido come ci si aspetta, ma la visuale e la mira sono molto più libere e “moderne” rispetto ad un titolo dei primi anni ’90.

Un gameplay semplice, insomma, ma estremamente godibile. Molto facile all’inizio, ma che potrebbe dare qualche grattacapo nei livelli più avanzati, specialmente contro i boss. Le armi a nostra disposizione non sono molto differenti visivamente, ma ognuna ha la propria utilità e punti forti. I nemici invece, almeno per adesso, sono relativamente poco vari, ma dalla loro c’è il numero e l’effetto sorpresa, che li porterà ad apparire spesso e volentieri anche alle spalle del giocatore.

Il titolo, punta tutto sull’aspetto grafico e sull’esplorazione. Graficamente il gioco ricorda molto minecraft e gli ambienti sono pieni di elementi distruttibili che daranno maggior colore e identità alle stanze. Questi elementi saranno per la quasi totalità distruttibili, cosa che non solo spesso nasconderà aree segrete, ma a volte si rivelerà la cosa giusta da fare per proseguire nel gioco. Una nota particolarmente positiva per le musiche, metal-chiptune che non solo sono ben composte e molto orecchiabili, ma che ricalcano alla perfezione colonne sonore di spessore come quella di Doom.

Non pensate sia un gioco senza difetti però. Tra di essi, la scarsa longevità, la poca varietà di nemici e per finire, una relativa ripetitività delle aree di gioco.

Conclusione

ARKOS è un titolo breve, che nel suo piccolo riesce a far tornare alla memoria tutti gli aspetti principali dei primissimi shooter in prima persona, con un aspetto grafico molto appetibile anche per il giocatore meno nostalgico.  Anziani a meno, vi consiglio di dargli una possibilità, specialmente se siete alla ricerca di un titolo leggero e non impegnativo per riempire qualche ora del vostro tempo.

ARKOS
7 / 10 Recensione
Gameplay7.5
Grafica8.5
Longevità5
Pro
  • Il meglio per i nostalgici degli anni ‘90
  • Visivamente molto vivace e piacevole
  • Musiche particolarmente ben realizzate
Contro
  • Poca varietà di nemici
  • Alcune aree, alla lunga, sono ripetitve
  • C’è da lavorare sulla longevità
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 23 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania, punta&clicca, ma in generale qualsiasi cosa che non preveda livelli e statistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*