Summertime Madness – Recensione

Praga, 20 Luglio 1945. Un pittore stringe un patto con il diavolo e si ritrova intrappolato in uno dei suoi dipinti. L’artista deve trovare il modo di tornare nel mondo reale, o la sua anima resterà imprigionata per sempre nella tela. Quell’artista siamo noi e abbiamo a nostra disposizione poche ore prima del game over.

Caratteristiche Principali

Sebbene questo Summertime Madness sia il gioco d’esordio dell’italiana DP Games ho trovato il titolo visivamente e tecnicamente molto solido. Per quanto riguarda l’estetica, il tutto ci ricorda costantemente che siamo all’interno di un dipinto grazie alle pennellate che ricoprono ogni superfice. Innumerevoli invece i riferimenti alle più famose opere d’arte come Van Gogh o Escher. Musicalmente rilassante ma in pari modo ispirato, possiamo affermare che l’intero comparto artistico è d’altissimo livello.

Per quanto riguarda il gameplay, il titolo non offre meccaniche particolari ma poco importa. Quello che è importante è la composizione dei puzzle e delle sfide che ci verranno proposte. E anche da questo punto di vista non ci si può lamentare: gli enigmi sono infatti vari, validi e soddisfacenti. In prevalenza labirinti, ma ognuno con una sua particolarità e caratteristica unica.

Quello in cui, purtroppo, non brilla questo Summertime Madness è proprio la narrazione. Il gioco si perde presto in se stesso, abbandonando il giocatore alla risoluzione e all’esplorazione senza  però aggiungere nulla sulla storia che inizialmente ci avrebbe voluto raccontare. L’ultima parte, soprattutto, non riesce in alcun modo a mantenere alta l’attenzione e l’entusiasmo del giocatore. Un grosso difetto, questo, che compromette in maniera significativa l’intera esperienza di gioco

Infine un altro elemento caratteristico di questo titolo è la sua durata. A seconda della difficoltà scelta avremo a nostra disposizione 6 o 3 ore per portare a termine il nostro viaggio. Una scelta di sviluppo interessante e condivisibile, ma che ha come effetto collaterale anche una scarsa durata dell’esperienza di gioco.

Conclusione

Summertime Madness è un puzzle game impegnativo per le sfide che ci propone, ma che punta a suggestionare il giocatore con espedienti grafici e artistici a un livello tale da dimenticarsi fin troppo in fretta della controparte narrativa. Un buon titolo, nel complesso, ma con probabilmente troppe crepe per essere ritenuto un gioco imperdibile.

Summertime Madness
6.8 / 10 Recensione
Gameplay6.5
Grafica8.5
Longevità5.5
Pro
  • Comparto artistico molto gradevole
  • Puzzle impegnativi e non banali
Contro
  • Trama con un buon inizio ma che viene presto accantonata
  • Fin troppo breve
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 23 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania, punta&clicca, ma in generale qualsiasi cosa che non preveda livelli e statistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*