Donut County– Recensione

Giocare a Donut County è un po’ come quando avevi 5 anni e tua mamma ti diceva di mettere in ordine camera tua: mettevi tutto sotto il letto, poi dentro l’armadio e infine chiudi la porta e speravi che nessuno venisse a controllare. In questo caso, però, lascerai cadere tutto al centro della Terra attraverso un buco nel terreno che potremo muovere a piacimento e porteremo il caos in una piccola cittadina.

Caratteristiche Principali

Sebbene sia quasi istintivo paragonare questo titolo con opere come Katamari Damacy ci sono differenze sostanziali non trascurabili. Se Katamari si presenta come un titolo frenetico e caotico, Donut Country è la controparte tranquilla e rilassata. Non mi sbaglierei a definirlo un titolo “chill”, uno di quei giochi ideali per quando hai dei piccoli momenti vuoti, non impegnativo e che non richiede nemmeno così tanta attenzione.

La trama, assolutamente trascurabile, ma al contempo simpatica, è un susseguirsi di storie dei vari cittadini di Donut Country, uno più bizzarro dell’altro, che si raccontano come siano finiti a 999 metri di profondità, inghiottiti dai buchi. Tra di loro anche il colpevole, un procione egocentrico di nome BK, che cerca di giustificarsi con scuse sempre meno plausibili. Finiti i racconti, il gruppo cercherà un modo di uscire dalla loro condizione e tornare in superfice.

Quello che noi fisicamente andremo a fare nel gioco sarà muovere un buco in piccoli scenari, facendo precipitare inizialmente piccoli oggetti e via via, crescendo divorando qualsiasi cosa, arrivare a far cadere  personaggi, automobili e persino edifici. La sfida, rappresentata da piccoli puzzle basati sulla fisica, è capire di volta in volta come combinare differenti elementi della mappa per avere accesso ad aree precluse o semplicemente ad oggetti che altrimenti non potremmo raggiungere. Ad esempio se divoriamo prima una piccola spiga di grano e subito dopo un carbone ardente, il buco sputerà dei popcorn, il miglior modo per attirare e divorare un gruppo di uccelli.

A fronte di  un gameplay semplice ma stranamente terapeutico e immensamente soddisfacente abbiamo una grafica carina, colorata e chiara: non ci sono elementi nascosti o male posizionati e bloccarsi perché non si vedranno bersagli per la nostra voragine è pressoché impossibile. Non ci sarà HUD o informazioni su schermo anche perché il tutto è molto intuitivo e viene lasciata la massima libertà al giocatore.

Il titolo, però, non è esente da difetti. A cominciare dalla durata, che ci regalerà al massimo un paio d’ore di contenuti, passando per la semplicità degli enigmi che a volte risolveremo senza nemmeno accorgercene. Nonostante tutto però possiamo considerare Donut Country un titolo ben riuscito e d’intrattenimento che riesce sicuramente a strappare qualche sorriso.

Conclusione

Donut County vale sicuramente le poche ore che richiede del tuo tempo, specialmente in versione mobile, dove grazie al touch-screen controlleremo al meglio la voragine. Inoltre sono pochi i giochi che hanno come “protagonista” un procione, ancora meno quelli in cui saremo ad un passo da far distruggere loro una città. Se un buco distruggesse casa mia oggi, penso che tutto sommato non mi arrabbierei. Non è colpa del buco. Sono i procioni.

Donut Country
6.5 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica8
Longevità4.5
Pro
  • Gameplay semplice ma estremamente terapeutico
  • Il protagonista è un procione
Contro
  • Puzzle non sufficientemente complessi
  • Decisamente troppo breve
Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 23 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania, punta&clicca, ma in generale qualsiasi cosa che non preveda livelli e statistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*