The Dark Stone of Mebara Recensione The Dark Stone of Mebara

Basato sulle storie di Howard Phillips Lovecraft, The Dark Stone of Mebara, è un avventura ambientata nel 1924 in Massachusetts, dove assumeremo il ruolo del detective Monroe e del partner, il professor Webley dell’Agenzia Pendleton, i quali sono venuti in possesso di una roccia nera inquietante dalle strane proprietà. Per farla breve, qualcuno è morto e si deve scoprire perché, ma la verità è tutt’altro che facile da portare alla luce.

Questa è l’introduzione di questo RPG creato interamente con RPGMaker, dallo sviluppatore Jerseyware Gaming.

The_Dark_Stone_of_Mebara_screen6

La storia di The Dark Stone of Mebara è veramente estenuante e noiosa. Nei primi minuti di gioco ci troveremo immersi in mille dialoghi che ci introdurranno nell’avventura; ad un certo punto dovremo anche combattere contro mostri di fantasia, in stile final fantasy, e a turno dovremo eseguire la nostra mossa. Nel caso voleste utilizzare la tastiera o il gamepad, scordatevi di personalizzare i tasti a piacimento, operazione molto difficile. Oltre a questi problemi, The Dark Stone of Mebara è un gioco RPG a turni relativamente tradizionale, in cuisi potranno equipaggiare nuove attrezzature e usare la magia e le abilità contro i nemici.

The_Dark_Stone_of_Mebara_screen4

Nel gioco dovremo risolvere dei puzzle, unica cosa ben sviluppata nel titolo, i quali risultano interessanti e misteriosi, dando al giocatore abbastanza informazioni per trovare una giusta soluzione. Si dovrà prestare molta attenzione ai dettagli ogni volta che cerchiamo di risolvere un mistero, visto che se perderemo un indizio risulterà difficile risolvere il puzzle.

The Dark Stone of Mebara ha una grafica molto cupa, con uno stile simile ai giochi degli anni ’80. Le creature sono tetre e minacciose, ed i personaggi che incontreremo sono a volte difficili da distinguere, rendendo così faticoso trovare una persona specifica se non l’avete già incontrato in precedenza.

The_Dark_Stone_of_Mebara_screen5

Una nota positiva è comunque il fattore che il gioco sia stato sviluppato interamente da una singola persona; purtroppo però alcuni aspetti andrebbero rivisti e rivisitati.

Una maggiore varietà nell’aspetto grafico e nel sistema di controllo avrebbe sicuramente dato un’enfasi diversa a questo titolo.

 

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*