The Curious Expedition – Recensione

The Curious Expedition

Bei tempi quelli in cui viaggiare significava realmente avventurarsi in posti sconosciuti e molto spesso affrontare la sorte. Nei primi del Novecento infatti si è cominciato a girare il pianeta in maniera costante grazie ai progressi tecnologici, come racconta Jules Verne nel suo famoso Il giro del mondo in 80 giorni. In molti hanno iniziato ad avere voglia di scoprire nuove terre e sfidare l’ignoto.
Proprio da queste premesse parte The Curious Expedition, gioco di esordio per i due sviluppatori tedeschi Maschinen e Mensch. Vestiremo i panni di uno di quei gentiluomini di inizio secolo scorso che viaggiavano per il mondo in caccia di reperti o mossi da velleità scientifiche.

The Curious Expedition 1

Cominceremo scegliendo il nostro personaggio tra vari personaggi storici che vanno da Charles Darwin, a Marcus Garvey passando per lo specialista dell’occulto Crowley, ognuno naturalmente con delle caratteristiche speciali che influenzeranno l’andamento del gioco. Partiremo con un vascello verso la nostra missione principale, accettando qua e là anche qualche missione secondaria che comprende il salvataggio di qualcuno, oppure la consegna di missive importanti o ancora una bella caccia al tesoro vecchio stampo.

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]L’esplorazione della mappa[/perfectpullquote]

La mappa è di tipo procedurale  e formata da vari esagoni. Spostandoci su essa potremo scoprire nuove porzioni di territorio. Nelle nostre esplorazioni dovremo sempre tenere a bada il parametro della sanità mentale, veramente fondamentale.  In esso si riassumono tutti i danni che potremo subire dai pericoli della nostra esplorazione, incluse fame e sete. Muovendoci faremo ridurre questa barra anche in base al terreno che affronteremo. Dovremo quindi muoverci con sicurezza senza sbagliare strada e al contempo utilizzare l’attrezzatura e gli equipaggiamenti adatti per ogni missione. Una volta che avremo portato a zero la sanità mentale eventi di ogni tipo accadranno, decimando il nostro gruppo durante l’esplorazione. Potremo salvaguardare questo parametro consumando pasti adeguati durante il viaggio e facendo soste programmate nelle caselle più idonee all’accampamento.
Lo scopo principale della missione è quello di trovare la piramide dorata di cui gli indigeni parlano. Tutte le 6 spedizioni hanno lo stesso scopo. Avremo una bussola per aiutarci anche se spedizione dopo spedizione si farà sempre più imprecisa.

The Curious Expedition

[perfectpullquote align=”full” bordertop=”false” cite=”” link=”” color=”” class=”” size=””]Alcuni eventi collaterali[/perfectpullquote]

Gli eventi collaterali sono comunque moltissimi, ognuno legato a qualche scoperta minore come nel caso di grotte, templi nella giungla o cimiteri di elefanti. Potremo anche compiere missioni facoltative come raccogliere farfalle, dipingere la natura su tela o anche riempire precisi resoconti di viaggio.
Essendo un roguelike, oltre all’esplorazione dovremo dedicarci molto al combattimento anche, soprattutto con bestie feroci. Il tutto è gestito con un lancio di dadi e con la combinazione di abilità speciali.
Ogni volta che riusciremo a conseguire un obiettivo primario potremo tornare al nostro club in patria e ottenere fama e un’abilità speciale nuova di zecca per affrontare nuove avventure. Potremo anche far esibire i nostri reperti nel museo oppure venderli per finanziare la nostra missione successiva.

La grafica sfrutta la pixel art ed ha un piacevole effetto nostalgia. Le tre difficoltà garantiscono un buon livello di longevità.
Un ottimo esordio per questo team tedesco, con un gioco che si rivela molto divertente soprattutto sulla breve distanza. Un roguelike diverso dal solito che migliorerà sicuramente con gli aggiornamenti.

Informazioni su Stefano M. 362 Articoli
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*