El Hijo: A Wild West Tale – Recensione

Oggi vi porto  di Battle El Hijo: A Wild West Tale, recente titolo indie di HandyGames Studio dello scorso dicembre.

Tutto comincia quando madre e figlio, che resteranno anonimi per tutta la vicenda, vengono attaccati da dei banditi e costretti alla fuga dal loro ranch. Il ragazzino viene affidato alle cure di alcuni monaci in un monastero mentre la madre cerca di far perdere le loro tracce. Ben presto ci renderemo conto che il monastero è in combutta con i banditi e che sfruttano i bambini per farli lavorare in miniera e altri lavori pesanti. L’intero gioco è quindi la storia della fuga del ragazzino che cerca di riunirsi con la donna.

Caratteristiche Principali

Come quasi sempre accade per i titoli indie, il gioco punta più sulla direzione artistica che sulla potenza grafica. Anche in questo caso è così e devo dire che lo stile cartone animato si abbina particolarmente bene sia con l’ambientazione western, sia con la leggerezza generale del titolo. La visuale isometrica è l’ideale non solo per il genere a cui questo El Hijo appartiene, ma soprattutto per la gestione dei colori e delle ambientazioni, ricche di dettagli ma non per questo confuse. L’HUD è minimale e poco invasivo e ogni elemento a schermo, animato o inanimato è sempre immediatamente riconoscibile. Per quanto riguardo il comparto sonoro coesiste un dualismo di aspetti: la colonna sonora è ben curata e un ottimo accompagnamento alla nostra avventura, ma spesso rimane assente nei momenti più salienti per permettere di concentrarsi meglio su altri aspetti più importanti. Una scelta discutibile che potrebbe non essere apprezzata da tutti.

Per quanto riguarda il gameplay, invece, ci troviamo di fronte ad uno stealth game puro, in cui non è possibile in alcun modo eliminare i nemici. Quello che ci è concesso è al massimo di poterli stordire per pochi attimi, ma il solo modo di proseguire è quello di evitare di attirare l’attenzione, studiare la tattica miglior per distrarre i nemici e scegliere il percorso migliore. A nostra disposizione qualche piccolo gadget per distrarre i nemici o attivare trappole, ma in generale è meglio non fare troppo affidamento sugli oggetti quanto sulla nostra abilità. Nonostante questi oggetti non offrano quindi uno stravolgimento di gameplay, spesso ci offrono la  possibilità di accedere ad altri percorsi o di attivare qualche interazione ambientale particolare. I controlli sono buoni anche se ogni tanto non sul pezzo e non sempre risulterà facile scegliere il bersaglio per la fionda o per gadget simili. Insomma, un buon risultato che poteva però venir limato ancora un po’ da parte degli sviluppatori.

Le ambientazioni sono molte e rispettano tutte le aspettative e i canoni di una storia spaghetti western, la longevità, circa una decina di ore, non è certo titanica, ma dura il giusto per quello che offre il titolo e la difficoltà è ben calibrata.

Il difetto più grande di questo gioco è sicuramente l’intelligenza artificiale, che si limita a seguire percorsi di ronda predefiniti e a rispondere solo agli stimoli  visivi e sonori che i programmatori avevano programmato per loro. Un problema che potrebbe essere gravissimo e che viene mitigato solo dall’appartenere ad un genere che riesce a mascherare la cosa come parte del level design.

Conclusione

El Hijo: A Wild West Tale  è un titolo piacevole, forse non per tutti, Con uno stile grafico e uno storytelling molto carini e coinvolgenti, anche se avrebbe potuto offrire qualcosa di più dal punto di vista della varietà. Insomma, un ottimo titolo introduttivo al genere stealth che corre però il rischio di non coinvolgere i veterani.

El Hijo: A Wild West Tale
7.3 / 10 Recensione
Gameplay6.5
Grafica8.5
Longevità7
Pro
  • Comparto artistico davvero gradevole
  • Storia e location semplici ma coinvolgenti
Contro
  • Il gameplay non è molto profondo
  • Intelligenza artificiale completamente da rivedere

Informazioni su Daniele Bolis (Bollazza) 23 Articoli
Videogiocatore da sempre, critico forse da molto prima. Predilige prevalentemente indie e progetti originali. Tra i suoi generi preferiti platform, metroidvania, punta&clicca, ma in generale qualsiasi cosa che non preveda livelli e statistiche.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*