Horizon Shift – Recensione

Parlando di Horizon Shift, possiamo tranquillamente affermare che non è solamente un grande shoot em up, ma è nella maniera più assoluta un modo tutto nuovo di interpretare il genere degli sparatutto.

Gli specialisti degli SHMUP dei Flump Studios sono tornati con tutta la loro carica di competenza e ottime intenzioni. Il titolo infatti si dimostra frenetico e divertente fin dalle prime battute, con l’intento di mescolare in un mix vincente Tempest e Space Invaders in un qualcosa di mai visto, ma sempre e comunque molto divertente e soprattutto fresco.

Horizon Shift è anche valido tecnicamente e questo non è mai un male. Le somiglianze con Space Invaders consistono soprattutto nel fatto che la nostra navicella si muove lateralmente su una linea orizzontale, l’orizzonte del titolo appunto, e dovremo quindi difenderci dagli alieni che ci attaccheranno in maniera incessante: destra, sinistra e sparo.

Horizon Shift Screen 5

Il problema sta nel fatto che l’orizzonte non è ai limiti dello schermo, come si potrebbe credere inizialmente, ma è nel mezzo e questo elemento cambia radicalmente il tutto.
I nemici in questo modo attaccheranno dall’alto e dal basso, spesso simultaneamente e questo comporterà il fatto di ruotare alternativamente la propria navicella con un solo tocco dello stick. Potremo utilizzare l’orizzonte come copertura, ma dovremo sempre e comunque fare un fuoco incessante per poter sconfiggere le orde che tenteranno di eliminarci.

In Horizon Shift gli attacchi continui dei nemici interferiranno anch’essi con la definizione del vostro orizzonte, in maniere molto differenti: i nemici blu, ad esempio, distruggeranno un pezzo del vostro orizzonte al solo contatto, creando così una sorta di vuoto che dovrete superare con il “doppio salto” per non morire.
Dovremo invece “accovacciarci” quando voleranno radenti al suolo i nemici di colore rosso, e questo ricorda parecchio da vicino le tipologie di nemici già viste in Tempest.
I nemici verdi, infine, arriveranno più spesso alle spalle e ci spareranno con proiettili che spesso trapasseranno il nostro lato di orizzonte. Sarà quindi necessario fare molta attenzione, dato che i nemici sbucheranno da tutte le parti.

 

Horizon Shift Screen 6Il fatto di vivere in simbiosi con la propria base di partenza vi farà sviluppare parecchie strategie che alterneranno attacco e difesa in maniera molto repentina.
I nemici infatti vi attaccheranno sì in largo numero, ma mai in maniera casuale o disordinata. Starà a voi quindi individuare dei pattern per poter primeggiare.

I controlli sono parecchio responsivi e ottimi soprattutto nel caso utilizziate un controller. I movimenti sono fluidi e la grafica psichedelica al punto giusto. Anche la colonna sonora tutta di tipo elettronico è stata ben confezionata.

Informazioni su Andrea R. 1977 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.