Follow
Gamepare > Home > Warmachine: Tactics > Warmachine: Tactics Recensione Warmachine Tactics

Recensione Warmachine Tactics

Nel 2003, Privateer Press pubblicò Warmachine, un wargame steampunk con miniature tridimensionali che è diventato molto popolare negli anni successivi. A fine 2014, dopo un anno passato nel progetto Kickstarter, gli Iron Kingdoms hanno preso vita su Steam, con il rilascio di Warmachine: Tactics, sviluppato da Whitemoon Dreams ed edito dalla stessa Privateeer Press.

Warmachine: Tactics è un titolo strategico di combattimento a turni fra squadre, basato liberamente sul gioco da tavolo, rispetto al quale presenta comunque sostanziali differenze di gameplay. Anche a causa della natura dei videogiochi, diverse meccaniche di Warmachine sono state semplificate o non implementate, in maniera eccessiva, secondo molti appassionati del gioco di miniature.

Cyg_AO-1080x

Avremo la possibilità di schierare le forze di 6 fazioni di Warmachine, vale a dire Cygnar, Khador, Cryss, Scyrah, il Protettorato di Menoth e i Mercenari. Ciascuna fazione è caratterizzata da unità differenti, che potremo comprare e schierare per la nostra armata tramite un classico sistema a punti. Sebbene ogni fazione sia maggiormente adatta a specifici approcci tattici, è possibile affrontare ogni tipo di approccio con qualunque fazione. La scelta può quindi avvenire anche solo secondo gusti personali o basandosi sul background dello schieramento.

Fra le unità, spiccano ovviamente i warcaster e i costrutti warjack, vere e proprie icone del mondo di Warmachine. Schiereremo quindi la nostra squadra con vari soldati e warjack, comandati da un unico warcaster, il quale è anche la fonte del Focus che consente di lanciare e mantenere attivi gli incantesimi, potenziare gli attacchi o aumentare l’efficienza dei warjack e delle loro abilità.

Warmachine-army

Una delle differenze considerevoli introdotte nella trasposizione del titolo è il passaggio a un sistema di movimento a griglia, il che però limita le opzioni a nostra disposizione rispetto alle varie possibilità di posizionamento offerte dal sistema di movimento originale. Ci sono state anche modifiche alle statistiche delle unità, che potrebbero spiazzare i fan, in quanto sembrano aver portato a una maggiore capacità di sopravvivenza della fanteria, influendo quindi sugli equilibri del sistema.

La campagna single-player ci mette al controllo di Allison Jakes, un Cygnar che aiuteremo nel percorso da novizio a warcaster veterano. Nei vari scenari, dovremo non solo vincere la battaglia, ma anche portare a termine alcuni obiettivi secondari. Durante la campagna come nelle battaglie skirmish, l’IA di nemici e alleati non è delle migliori. Si può assistere non di rado a scelte quantomeno rivedibili, come il mancato utilizzo di una carica in posizione vantaggiosa, o unità di supporto, pensate per restare nelle retrovie, che si lanciano da sole in mischia contro un warjack, con possibilità di sopravvivenza allo scontro ridotte al minimo. Anche il limite massimo di unità, posto a 16, ha effetto sull’equilibrio generale del gioco, impedendo ad esempio ai Cryx di affidarsi alla superiorità numerica, filosofia tipica del loro comandante Moar Banez.

Warmachine-Tactics

In generale, il titolo non è esente da problemi tecnici. Ci troveremo infatti a litigare con la telecamera, che a volte rende complesso posizionare le unità esattamente come è nostra intenzione. Anche le sequenze “cinematografiche” che mostrano movimenti e attacchi delle unità non sono sempre perfette; capita inoltre, anche con configurazioni base su macchine di buon livello, di riscontrare problemi di framerate, e vedere il titolo girare a 60 FPS o più per molti resta solo un sogno.

Il gioco è aggiornato con buona frequenza, ma permane una certa quantità di bug che portano al crash dell’applicazione o costringono il giocatore a resettare una battaglia. Nel corso degli aggiornamenti è auspicabile un miglioramento generale dello sfruttamento del motore grafico, e l’introduzione di alcune caratteristiche di Warmachine al momento non presenti nella trasposizione videoludica.

In conclusione, Warmachine: Tactics dà l’impressione di non essere ancora pronto. Diversi aspetti del gioco sono migliorabili, e allo stato attuale è difficile raccomandarlo, sia agli appassionati del gioco da tavolo che non. Vista la popolarità del mondo di gioco, gli sviluppatori possono ancora riuscire a lavorare sul titolo e a correggere ogni suo aspetto.

Positivo
  • Un tattico senza troppe pretese
  • Vastità di incantesimi ed armi
Negativo
  • Alcune miniature troppo eccessive
  • Visuale di gioco non perfetta
  • Troppi bug
7
Positivo
Gameplay - 8
Grafica - 7
Longevità - 6
Scritto da
Giochi di ruolo, simulazione e strategia sono il suo pane. In un videogioco cerca soprattutto originalità, coinvolgimento e ironia, sin dagli inizi su Commodore e Sega Mega Drive. In momenti di nostalgia, non può fare a meno di riprendere in mano i primi episodi di Final Fantasy o Monkey Island.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>