Assassin’s Creed Valhalla – Recensione

Assassins Creed Valhalla Recensione

Assassin’s Creed Valhalla non è un semplice Assassin’s Creed. Partiamo da quella che sicuramente tutti ricorderanno come la “saga di Desmond Miles”. Tutto partì nel lontano 2007, quando si iniziò a prendere confidenza con Assassini, Templari, Crociati e sorveglianza annessa. In ogni suo capitolo, Ubisoft racconta la storia della Confraternita degli Assassini, andando a rivivere attraverso l’Animus, invenzione prodotta dall’Abstergo Industies, i ricordi focali di quei personaggi che stravolsero attraverso le loro azioni importanti periodi storici. Ed è l’utilizzo di questa tecnologia che porta alla luce eventi totalmente nascosti al genere umano.

Nell’ultimo capitolo della saga, l’Animus è stato perfezionato al fine di ripercorrere non solo il passato delle persone e degli oggetti insieme alla lettura del DNA, ma far rivivere i ricordi inserendo semplicemente delle coordinate.

In Assassin’s Creed Valhalla rivivremo quindi le gesta di Eivor, guerriero norvegese del IX secolo D.C., nonché protagonista indiscusso del gioco.

La recensione si basa sull’ultima versione al momento disponibile, la 1.0.4.

Indice:

La Storia

Nei panni di Eivor bambino, in seguito ad una breve festa, saremo immediatamente catapultati in una guerra vichinga all’ultimo sangue, nella quale suo malgrado, assisterà alla morte dei genitori. Il carnefice ha un nome: Kjotve, capo clan di una delle tribù nemiche. Fortunatamente, il giovane protagonista viene soccorso dal fratello maggiore Sigurd, ma fuggendo a cavallo verso le fredde ed innevate lande norvegesi, Eivor cade da cavallo e si ritrova in un lago ghiacciato, e come se non bastasse un lupo lo attacca furioso. Nel giro di pochi secondi, l’animale viene a sua volta aggredito da alcune aquile, permettendo ad Eivor di girarsi, prendere l’ascia a terra e trafiggere la bestia…

Assassins Creed Valhalla - Aggressione Lupo

Qui si ferma la scena iniziale, e si viene trasferiti ai giorni nostri, insieme a Layla Hassan, ex dipendente dei laboratori Abstergo, già protagonista dei precedenti capitoli Origin e Odyssey.

L’anomali nel flusso dei dati dell’Animus ci darà la possibilità di scegliere se voler impersonare un Eivor maschile o femminile.

Premessa

La scelta di impersonare Eivor in una delle due modalità non porterà nessuna modifica alla trama di gioco, ma precluderà tuttavia delle piccole variazioni relative ai dialoghi, con differenti scelte narrative che influenzeranno gli eventi e il finale del gioco. Inoltre, anche il carattere del protagonista muterà in correlazione agli avvenimenti. Nel caso fossimo indecisi possiamo scegliere la modalità: Fai scegliere l’Animus, in questo modo giocheremo principalmente nei panni di Eivor femmina, ma durante il gameplay passeremo ad Eivor maschio.

Assassins Creed Valhalla - Scelta Femminile o Maschile

Gameplay

Assassin’s Creed Valhalla è basato interamente sulla mitologia norrena, e trasmette appieno l’affascinante storia del popolo Vichingo. Ed è in questa atmosfera che il gameplay vero e proprio prenderà vita. Catturato da Kjotve, il quale minaccia Eivor di renderlo schiavo a vita, con grande maestria quest’ultimo riesce a liberarsi donando così completa libertà al videogiocatore, che potrà cimentarsi inizialmente con le vaste lande norvegesi (34 km quadrati incluso il mare), e successivamente nelle Terre d’Inghilterra, incredibilmente estese per un totale di 214 km quadrati, sempre mare incluso. Lagune che si potranno navigare prevalentemente per raggiungere nuovi villaggi, dimenticando quindi le epiche battaglie navali presente ai tempi di Assassin’s Creed Black Flag.

Assassins Creed Valhalla - Screen03

Per quanto riguarda la Norvegia, Ubisoft ha regalato un universo completamente esplorabile e decisamente gelido, mostrando dei paesaggi prevalentemente innevati con panorami mozzafiato, godibili nella loro interezza dalla moltitudine di montagne scalabili. Cosa che ci ricorda quanto la Software House francese sia sempre stata attenta alle ambientazioni, anche quando in passato gli hardware risultavano un po’ limitanti, cosa che oggigiorno non si può decisamente dire.

I primi minuti di gioco saranno particolarmente tranquilli tra dialoghi e dicerie, ma dopo circa un’ora di gioco, scopriremo che Sigurd, di ritorno dalle solite razzie, ha portato con sé anche parecchie novità. Ed è qui che Eivor incontra per la prima volta la Confraternita degli Assassini.

Sigurd, oramai succube di suo papa, capo clan del villaggio, decide di partire verso l’Inghilterra: la mattina seguente raggruppa i suoi uomini, e salpa, insieme ad Eivor verso l’isola britannica.

Arrivati a Ravensthorpe, decidono di attaccare un villaggio per accaparrarsi una grande casa e creare così le fondamenta per il Clan del Corvo. A questo punto il videogioco inizia a prendere spunti dai titoli precedenti della saga: potremo infatti costruire il nostro villaggio, come già successo tempo addietro in Assassin’s Creed II, possiamo iniziare a costruire il nostro villaggio con edifici di varia importanza come: il fabbro, il negozio di tatuaggi, la zona di pesca e molti altri.

Per portare avanti il compito è necessario salpare con i nostri uomini alla ricerca di villaggi da saccheggiare, trovando materiali che servono per costruire e sviluppare la nostra cittadina.

Costruendo edifici da varia importanza evolveremo il nostro protagonista, i potenziamenti che andremo ad applicare saranno relativi alle dotazioni di armi ma anche dal punto di vista estetico.

Eivor, nel corso del gameplay troverà nuove armi, scudi e oggetti che potranno essere potenziati dal fabbro del nostro villaggio. Non è però l’unico modo di evolvere il nostro personaggio, poiché grazie ad un sistema ad albero, con i punti che andremo ad accumulare, svilupperemo nuove abilità.

Durante il nostro girovagare troveremo anche delle rocce impilate che brillano, al cui interno troveremo metalli utili ad espandere le nostre armi. Per raccogliere questi preziosi è necessario rompere la roccia con la nostra spada o ascia che sia e recuperarli.

Da qui in poi parteciperemo a vere e proprie battaglie alla conquista di fortezze e nuovi tesori. Queste battaglie sono effettivamente la particolarità di Assassin’s Creed Valhalla, perché avremo a disposizione dei nostri uomini controllati dall’intelligenza artificiale che si batteranno assieme a noi, aiutandoci sulla strada verso la gloria.

Questo squadrone potrà essere chiamato a piacimento grazie al menu circolare che ci viene proposto quando azioniamo il tasto direzionale del nostro gamepad. Qui inoltre potremo chiamare direttamente il nostro cavallo, prendere una torcia (sempre utile in qualsiasi caso), chiamare la nostra nave, meditare e permettere al tempo di passare dal mattino alla sera oppure mimetizzarci nascondendosi con il cappuccio proprio in stile assassino.

Assassins Creed Valhalla - Screen04

La parte tecnica

Guardando con occhi diversi il titolo si può captare quanto sia stato complesso sviluppare Assassin’s Creed Valhalla. Partendo dalla parte grafica, gestire così tante texture in un ambiente così vasto visivamente è un lavoro non da poco. Far fronte alla gestione delle risorse messe a disposizione come CPU, RAM e GPU non è sempre facile e alle volte anche limitante. Molte volte sul web notiamo commenti di persone che dicono: “Ubisoft, ricicla sempre da altri giochi”, oppure “sempre la stessa minestra”, ma far rientrare i costi di sviluppo non è semplice soprattutto per giochi così vasti. I giochi di avventura e open sono da sempre i più complessi da sviluppare ma per fortuna le texture vengono in aiuto, e infatti la maggior parte vengono riutilizzate da altri videogiochi. Nelle montagne della Norvegia noteremo una somiglianza con le montagne del videogioco Steep, un titolo dello stesso publisher, ma non solo: la resa dell’acqua è stata presa da un gioco ancora in sviluppo chiamato Skull and Bones, come potete vedere nel video Skull and Bones: Video Gameplay E3 2018  su YouTube.

Portiamo ora l’attenzione verso i dialoghi e il doppiaggio. Scrivere una trama basata su dialoghi che vengono cambiati in base alle scelte oppure in base al personaggio femminile o maschile non è facile, e anche solo spiegare i fatti in un dialogo è abbastanza complesso. A ciò si unisce poi il doppiaggio in diverse lingue ed eventuale adattamento. Pensate alla quantità di file audio che deve gestire il gioco. Sicuramente la localizzazione del doppiaggio in lingua italiana e la voce di Eivor sia in versione femminile che maschile è stata una delle scelte più azzeccate di Ubisoft.

Assassins Creed Valhalla - Screen05

La colonna sonora è stata composta con l’aiuto dell’artista norvegese Einar Selvik. Successivamente, i brani sono stati adattati e composti da artisti conosciuti nel campo dei videogiochi come Sarah Schachner e Jesper Kyd, già cnoti per aver creato le colonne sonore di altri capitoli di Assassin’s Creed e Hitman.  Vi consiglio durante il gioco di fermarvi, magari in un tratto panoramico, chiudere gli occhi e ascoltare. La colonna sonora è parte integrante del videogioco e riflette splendidamente l’ambiente del gioco.

La grafica ha livelli veramente alti, soprattutto se si utilizzano risoluzioni a 4K, l’acqua nel gioco sembra realistica come il paesaggio intorno. I particolari dei tatuaggi posti su Eivor sono veramente unici, le armature e le armi hanno dettagli elevati con colori vivaci. Possiamo quindi dire che visivamente il gioco ha tutte le carte in regola. L’unico dettaglio che fa storcere un po’ il naso sono gli uccelli presenti nei luoghi del salto della fede, che sembrano meccanici e poco animati. Non si capisce bene perché abbiano tralasciato un dettaglio così minimale.

Il sistema di combattimento e le relative animazioni risultano simili a quanto già visto in Assassin’s Creed Origins, con il personaggio che non può saltare se non in particolari occasioni. Utilizzando il controller, il combattimento si basa su due tasti e le animazioni durante la battaglia sono limitate ai personaggi principali oppure ai momenti in cui si assassinano i nemici. Potrebbe essere un limite, forse causato dallo spazio oppure dai costi di produzione, ma possono rendere alla lunga il gioco noioso nei combattimenti.

Assassins Creed Valhalla - Screen06

La fine

Non tutte le ciambelle escono con il buco. Si, è vero Assassin’s Creed Valhalla dura molto ed è abbastanza lungo da far divertire e rivivere i momenti della storia vichinga, ma in compenso il lavoro grafico diventa sempre più alto e in questa nuova generazione di videogiochi l’occhio vuole la sua parte, almeno nei giochi tripla A.

Questo lavoro grafico a volte si ribatte su un titolo non è esente da problemi dal punto di vista del gameplay. Per fortuna Ubisoft, corre quasi sempre ai ripari in tempi rapidi con patch al dayone che correggono buone parti del videogioco.

La versione che siamo arrivati a testare durante la stesura di questa recensione è la 1.0.4, in cui sono stati risolti i bug principali e i problemi di stabilità. Una correzione visiva, che era presente nella versione precedente, era un cerchio che presumiamo doveva essere utilizzato per lo scatto in acqua durante il nuoto, ma in questa versione è stato rimosso. Patch che hanno fatto si, che correggessero anche la nostra recensione quindi in fin dei conti una buona patch che ha fatto diventare Assassin’s Creed Valhalla un bel gioco.

Assassin’s Creed Valhalla
8.8 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica9
Longevità9
Pro
  • Ambientazioni spettacolari
  • Battaglie epiche
  • Controlli ottimizzati e facilitati
  • Contro
  • Bug e glich risolvibili
  • Missioni sono ripetitive
  • Manca qualcosa
  • Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2589 Articoli
    All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *