Asterix e Obelix XXL Romastered – Recensione

Nati dalle matite francesi di Uderzo e Goscinny, da ormai più di settant’anni Asterix e Obelix sono un grande classico intramontabile.
E mentre mantengono con successo il loro piccolo fazzoletto di terra Gallica libero dal dominio romano, occasionalmente si concedono qualche fuga nelle nostre console preferite.

Asterix e Obelix XXL Romastered è una versione aggiornata con aggiunte e revisioni del titolo rilasciato da Atari nel 2004,  in un nuovo remake realizzato da Microids.

Come potete aspettarvi, il gioco presenta la stessa avventura dell’originale, vediamo insieme se gli sviluppatori sono riusciti a fare il lavoro necessario per dare una ventata di aria di aria fresca a questo gioco non esattamente giovane.

Indice:

 

Gameplay

Siamo davanti ad un’avventura vecchio stile, con alcuni elementi platform, esplorazione e combattimenti sparsi per livelli piuttosto ampi.
Il pretesto è abbastanza semplice, e come potete aspettarvi c’entrano i romani (e dovrete menarne parecchi!)

I diversi stage da esplorare sono costruiti in modo abbastanza lineare, ma non mancano di bivi da prendere e aree da studiare che arricchiscono l’esperienza con possibilità esplorative accompagnate dalla scoperta di segreti e potenziamenti per migliorare le prestazioni dei nostri Gallici eroi.
Sono tuttavia per la buona parte disseminati da scatole contenenti elmi romani, la moneta del gioco, se siete accumulatori compulsivi questo potrebbe essere il vostro paradiso, se siete completisti ossessivi il vostro incubo. Personalmente trovo che siano disposte in numero decisamente troppo elevato ed è estremamente facile finire a perdere un sacco di tempo di gioco a rompere stupide scatole, senza davvero fare alcun progresso.
In effetti c’è da dire che sono completamente ignorabili e gli elmi guadagnati dai combattimenti dovrebbero per lo più bastare, vista la scarsità di potenziamenti acquistabili con essi, così facendo ci si accorge però di quanto vuoti siano di fatto i livelli e quanto poco ci sia da fare.

Le componenti platform sono piuttosto divertenti, ma non rappresentano assolutamente un picco per il genere, né nulla di innovativo. Si limitano quindi ad essere godibili, senza infamia e senza lode e questo non è sufficiente a spezzare la monotonia che rischia di avvolgere il giocatore molto rapidamente.

Abbiamo quindi i combattimenti, questi risultano essere la componente più debole del titolo. Le opzioni a disposizione del giocatore sono troppo esigue per renderli interessanti, si finisce per lo più ad isolare qualche gruppetto di nemici in modo da picchiarne poco alla volta e non essere soverchiati, in questo non è necessario mettere poi tanta tattica e strategia, ma data la mole di nemici e di attacchi che possono arrivare contemporaneamente i combattimenti non risultano sempre una passeggiata. La difficoltà di per sé non sarebbe affatto un male, il problema però sorge nel momento in cui la ripetitività e noia che li avvolge porta il giocatore a volerli superare in tutta fretta senza alcuno stimolo ad impegnarsi.
La situazione migliora quando entrano nella mischia nemici più interessanti, come la famigerata testuggine romana o la creativa ciambella romana, insomma sono proprio pazzi questi romani! Questo genere di avversari spinge almeno in piccola parte il giocatore a scovare i metodi corretti con approcciare il combattimento, alla lunga però nemmeno la varietà di nemici è in grado di salvare il sistema di combattimento noioso e ripetitivo che seppur dotato di dettagli spesso sfiziosi come la barra delle combo risulta comunque eccessivamente piatto.

C’è fortunatamente altro oltre a questo, la parte più piacevole e corposa del titolo è costituita dagli enigmi e puzzle da risolvere per proseguire lungo il percorso. Qui è andata la maggioranza della creatività dei creatori dell’originale e le situazioni a cui si viene messi di fronte sono sufficientemente ben strutturate da riuscire a far superare i difetti descritti fin ora.
A differenza dei combattimenti, qui la difficoltà è molto apprezzabile e per diversi motivi: In primis perché non si tratta mai (o quasi mai) di situazioni confuse in cui il giocatore è costretto a battere la testa in giro per capire cosa fare, in secondo luogo essendo decisamente la parte più divertente proposta dal titolo anche dover riprovare un passaggio particolarmente ostico risulta una sfida avvincente.
Queste sezioni sono anche quelle che più di tutte sfruttano il fatto di avere due eroi a disposizione. Per la maggioranza del tempo vestiremo infatti i panni di Asterix, ma in occasioni con necessità particolari passeremo ad Obelix, i due hanno capacità differenti e queste sono impiegate in modo interessante.

 

Allo stesso modo anche le sfide contro i boss sono uno dei piatti forti del titolo, ricche di situazioni particolari e spesso adrenaliniche, o comunque adrenaliniche per gli standard a cui il gioco ci abitua.
I vari boss vanno affrontati come un puzzle e per sconfiggerli è necessario comprendere il modo adatto, un po’ come trovare la soluzione di un enigma.

I ragazzi di Microids hanno poi ovviamente fatto migliorie e aggiunte al titolo originale e ne parleremo maggiormente nella sezione su grafica e audio, ma anche per quanto riguarda il gameplay c’è da riconoscere l’impegno nell’inserire nuove componenti di gioco. Principalmente si parla di sfide a tempo in cui trovare il percorso più rapido con cui raccogliere una serie di monete. Semplice ma divertente, queste piccole sfide sono rese ancora più simpatiche da una feature molto particolare del titolo, ovvero la possibilità di cambiare istantaneamente tra il gioco originale e la versione Romastered con la semplice pressione di un tasto. Alcune monete sono infatti raccoglibili solamente mentre si vede il mondo con gli occhi dell’originale, mentre altre necessitano di passare alla versione rivista e migliorata.
Non è certo un punto che riesce a vendere il gioco da solo, ma affrontare queste sfide è un bel taglio alla monotonia.

Un punto che purtroppo non è stato invece migliorato riguarda i caricamenti, che sono spesso lunghi e aggiungono non poco al tedio che rischia di accompagnare molte componenti del gioco.

Asterix e Obelix XXL Romastered - Screen 03

Grafica e Audio

In questo reparto siamo davanti ad un numero decisamente più elevato di migliorie rispetto al precedente.

Graficamente parlando il gioco è molto più avanzato e dettagliato dell’originale, è stato rifatto da capo a piedi e sebbene questo non lo faccia svettare fra i titoli moderni è comunque un risultato niente male per un remake di qualcosa di così datato.

A tratti ho però avuto l’impressione che la veste originale rendesse meglio l’atmosfera delle pagine dei fumetti da cui il duo ha preso vita, questa più che risultare una pecca finisce per essere valore aggiunto grazie alla comodità e rapidità con cui è possibile cambiare tra una versione e l’altra.
Vedere le due vesti a confronto in questo modo arricchisce l’esperienza e mostra davvero bene quante migliorie siano state effettuate.

Anche la componente audio è stata grandemente migliorata, non solo negli effetti sonori più corposi, ma anche nell’aggiunta di numerose musiche ambientali che danno molto colore ai mondi esplorati e rinvigoriscono con forza le scene già vibranti di colori che ci si dipingono davanti.

In questo reparto la versione originale è molto più carente, risultando spesso vuota di suoni e a causa di ciò vagamente lugubre.

Nel complesso è davvero ammirevole il lavoro fatto da Microids nel portare al passo coi tempi questo titolo così anziano.

 

Conclusione

Se la componente tecnica è stata migliorata davvero molto, non si può dire lo stesso del gameplay e questo fa risultare il titolo piuttosto pesante da digerire. Non si può infatti dire che sia invecchiato bene e per gli standard odierni rischia di annoiare molto rapidamente a causa di monotonia e scarsa profondità in tante sezioni di gioco.
Le componenti per cui vale la pena affrontare questa avventura sono valide e riescono a sostenere l’esperienza di gioco, ma non rendono Asterix e Obelix XXL Romastered un titolo adatto alla maggioranza, è infatti più adatto ai nostalgici di questo genere ormai piuttosto raro.

Asterix e Obelix XXL Romastered è disponibile per Nintendo Switch, PlayStation 4, Xbox One e PC al prezzo di 39,90.

Asterix e Obelix XXL Romastered
6 / 10 Recensione
Gameplay5
Grafica7
Longevità6
Pro
  • Variare tra versione Romastered e originale è una gioia
  • Buona curva di difficoltà
  • Puzzle ed Enigmi piacevoli da affrontare
  • Contro
  • Combattimento noioso
  • Poca varietà di gameplay
  • Troppe scatole
  • IGN

    Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 81 Articoli
    Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *