STEEP – Recensione

Annunciato da Ubisoft all’E3 2016, durante la presentazione il gioco era stato descritto come l’open-world degli sport estremi invernali, aumentando così la curiosità per gli amanti del genere. Ad oggi infatti i giocatori cercano sempre di più la “libertà di gioco” e la possibilità di scegliere ciò che più li aggrada, ed è proprio per questo che Ubisoft Annecy ha dato vita all’immenso mondo di STEEP.

In questo titolo troveremo sport invernali ed estremi tra cui: Sci, Snowboard, Tuta alare e Parapendio. Ogni sport ha caratteristiche ben definite con un livello di difficoltà che può variare.

Il paesaggio è ispirato dalle principali montagne delle Alpi Italiane, Svizzere, Francesi, Austriache e dell’Alaska. Potremo così esplorare liberamente questo “mondo” e, con l’aiuto del binocolo, scegliere la migliore “pista” per lanciarci nella nostra avventura.

Una volta trovata una location, sarà possibile usare il tasto veloce per raggiungerla senza effettuare scalate improbabili. Questa facilità di spostarsi da un luogo ad un altro consentirà di focalizzarsi maggiormente sul gameplay, il tutto senza annoiarvi con schermate di caricamento.

Recensione STEEP

Il modo più veloce per esibirsi

All’avvio di STEEP ci troveremo subito immersi in un filmato introduttivo con tutorial, il quale ci spiegherà come gestire i comandi di gioco e dove potremo assaporare fin da subito tutti gli sport menzionati in precedenza.

La prima sfida sarà quella della tuta alare: una volta lanciati dal pendio ed eseguito quanto richiesto arriveremo a terra e, con il binocolo in nostro possesso, dovremo cercare un punto sulla montagna per affrontare una nuova prova, lo Sci. Terminata anche questa prova saremo in grado di muoverci liberamente per tutto l’open-world proposto ed effettuare qualsiasi cosa vogliamo: potremo quindi scalare a piedi una montagna e ripercorrerla in discesa con lo snowboard, ad esempio in fuori pista, oppure buttarci con il parapendio da una delle vette più alte. Come già scritto, in STEEP non è necessario seguire una sequenza di eventi: saremo liberi di goderci ogni singolo metro quadrato di neve a nostro piacimento.

Trick, salti e velocità sono elementi fondamentali di STEEP; l’obiettivo principale però è quello di scoprire nuove vette e gradualmente tutta la mappa. Scoprendo questi eventi avremo la possibilità di gareggiare contro altri giocatori locali o online con gare di acrobazie a punti, semplici, eventi a tempo oppure in sfide estreme dove dovremo sfiorare e superare ostacoli senza andarci a sbattere.

Gli eventi però non sono solo quelli che abbiamo disponibili nel gioco, ma possiamo anche crearne di nuovi e successivamente condividerli online.

Recensione STEEP

Altra cosa molto importante è che i quattro sport proposti dal titolo hanno gradi differenti di difficoltà; non parliamo dalla difficoltà degli eventi, ma di controllo dei comandi. Per esempio per sci e snowboard il livello di difficoltà è molto semplice per una normale discesa, mentre il discorso cambia se durante la nostra escursione dovremo compiere trick, acrobazie e salti: in questo caso il tempismo è un requisito essenziale per effettuare con cura ogni evento.

Sicuramente in STEEP l’utilizzo di pochi tasti è essenziale per concentrare il massimo in questo tipo di sport, ma la forza G, velocità e atterraggi non proprio corretti ci costeranno punti i quali sono fondamentali nel gioco. Effettuando infatti queste discese spettacolari, andremo ad accumulare punti che ci permetteranno di vincere le varie sfide/eventi.

Passando invece agli sport “volanti”, la tuta alare e il parapendio richiedono una buona dose di coordinazione per non perdere quota, altrimenti il rischio sarà quello di schiantarsi al suolo anche abbastanza velocemente. Una volta capito il meccanismo, potremo concentrarci sulla parte più difficile, soprattutto per la tuta alare, dove dovremo calcolare con leggero anticipo come passare attraverso i vari ostacoli senza spiaccicarci contro qualche roccia o perdere il controllo della traiettoria, tenendo conto anche delle varie correnti le quali possono influire sul nostro volo.

Recensione STEEP

La giusta esibizione darà i suoi frutti anche al freddo

I punteggi che acquisiremo durante gli eventi verranno accumulati nell’esperienza ed aiuteranno a sbloccare nuove location con gradi differenti di difficoltà, mentre i crediti potranno essere utilizzati per acquistare nuovi accessori prettamente estetici.

Non temete, mano a mano che si andrà avanti in STEEP aumenteranno anche le gare e i vari eventi, i quali avranno livelli di difficoltà differenti: non è necessario quindi essere dei maestri del joypad per andare avanti nel titolo, ma basterà del semplice allenamento per vincere determinati eventi ed esplorare completamente il paesaggio che ci circonda.

L’aspetto più interessante del titolo è la possibilità di giocare in multiplayer, ma con una modalità prevalentemente social: ogni evento potrà essere registrato e condiviso con gli altri giocatori oppure si potrà invitare nella propria gara amici e parenti gareggiando con loro e scalando la classifica online.

Recensione STEEP

La bellezza delle alpi

Dal punto di vista grafico la sensazione primaria è proprio quella di trovarsi sulle montagne innevate delle Alpi, la rappresentazione è stata effettuata fedelmente sia per la struttura delle montagne e la loro maestosità, sia per quanto riguarda i segni sulla neve lasciati dal passaggio del giocatore. Purtroppo però questa bellezza è stata sminuita dalla flora creata in modo molto piatto e meno dettagliata.

Il sonoro è ben amalgamato, piacevole e capace di replicare in maniera quasi fedele il suono della neve che viene compressa al nostro passaggio, con il rumore del vento dona una piacevole sensazione di velocità. Utilizzando un impianto audio 5.1 in bitstream si sentono correttamente le differenze di canale prodotte dall’altoparlante sinistro e quello destro.

In conclusione, STEEP si presenta come un titolo unico, tra arcade e simulazione, che può coinvolgervi senza troppe pretese se siete amanti della montagna e delle neve. Sicuramente non perfetto dal punto di vista della fisica, con cadute e collisioni a volte ingiustificate, ma rimane comunque un primo tentativo di Ubisoft di rivoluzionare il mondo degli sport estremi invernali in maniera open-world.

Informazioni su Andrea R. 1984 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.