WWE 2K19 – Recensione

WWE-2K19

l Wrestling WWE torna sulle nostre console con il solito appuntamento annuale, ovvero con la nuova edizione di WWE 2K.

Siamo già alla sesto titolo targato 2K, subentrata alla tristemente fallita THQ. I passi avanti sono stati non indifferenti,ma parliamoci chiaro, l’uscita dello scorso anno non è stata delle più indimenticabili, complici anche i modesti miglioramenti apportati.
WWE 2K19 sembra dare una sterzata decisa verso nuove direzioni, ma per un giudizio più completo aspettiamo di vedere come si completi l’evoluzione nei prossimi anni. Quello che appare evidente, è una strizzata d’occhio anche ai giocatori più arcade e meno appassionati della disciplinal, con pareri altalenanti.
Andiamoli a vedere nello specifico:

Unisciti allo Yes movement!

A grande richiesta, torna la modalità Showcase, inspiegabilmente assente in WWE 2K18. Si potranno vestire i panni di Daniel Bryan, una delle superstar più amate dai fan e con alle spalle una storia fatta di alti e bassi.
Accompagneremo la “faccia da capra” sulle montagne russe che sono stati i suoi ultimi anni WWE, passando dalle vittorie immortali (come a Wrestlemania 30) alla resurrezione da brutti infortuni, il tutto accompagnato da filmati e racconti direttamente narrati dallo stesso Bryan. Impossibile non esserne coinvolti.
Gli obiettivi da raggiungere per passare al match successivo alzano sì il livello di sfida (soprattutto alla difficoltà più elevata), ma che alla lunga si rivela ripetitiva.

WWE-2K19-ScreenShot-6

Tra tecnica e arcade

A livello di gameplay, ci troviamo come ogni anno ad assistere a qualche piccola miglioria globale. Resta il fatto (condiviso dalla comunità) che l’intera serie necessiterebbe di un refresh totale.

Un gameplay come quello di WWE 2K19 piace o non piace. Perchè quello che 2K ha sempre fatto, è stato rendere i suoi titoli WWE dei veri e propri simulatori, e non un semplice picchiaduro, rispettando i tempi sul ring e i movimenti degli atleti.
Questo rallenta decisamente l’azione, allontanando notevolmente i giocatori più propensi alla simulazione arcade.

Il sistema di combattimento è sì leggermente semplificato rispetto agli scorsi titoli, ma offre lo stesso opzione talmente varie che permetteranno di concludere i match i molti modi.
Occhio ad abusare del sistema di contrattacco. Esaurite le parate, si rischia di prenderle passivamente anche per diversi minuti
Il gioco non è esente da bug nel lottato (alcuni si ripetono negli anni), a volte divertenti e a volte per nulla, mentre le novità vengono apportate con il contagocce (come il payback durante gli incontri).

Per quanto riguarda la grafica, si nota che molti modelli sono stati ritoccati e perfezionati sia nel fisico che negli attire, mentre alcuni sono stati peggiorati disastrosamente (con forti lamentele di alcuni lottatori).
Upgrade che ha interessato anche le arene e le entrate, con suoni, animazioni e giochi di luce al limite del realismo.
Un’ultima menzione d’onore è d’obbligo alla colonna sonora che, come negli ultimi anni, spazia dalle musiche d’entrata dei lottatori a brani di artisti famosi. Questi ultimi sono stati scelti da alcuni atleti WWE, in un piacevole mix di generi musicali che vedono inclusi  tra l’altro Metallica, Eminem o i Rancid.

WWE-2K19-ScreenShot 1

Una novità decisamente rilevante è rappresentata dalle nuovissime Torri 2K, una serie di match che ci metteranno di fronte ad avversari e sfide progressivamente sempre più proibitivi (ricordate Mortal Kombat?)
Attraverso queste competizioni giornaliere e settimanali (talvolta legate a regole e condizioni di successo ben precise) si potranno di sbloccare preziose ricompense.
Sfortunatamente, al momento la Million Dollar Challenge non è disponibile in Italia. Si tratta di una torre praticamente impossibile da completare, ma che se conquistata garantisce l’accesso ad un esclusivo torneo con in palio, appunto, un milione di dollari!

L’onnipresente modalità Universe, probabilmente la più giocata dalla community, ci farà vestire i panni del general manager. Potremmo gestire i diversi aspetti degli show della federazione, come le faide titolate e non, gli incontri (ed i loro vincitori) e le tipologie di match. Tutto sarà, poi, simulabile o giocabile direttamente.

Per una rapida partita in singolo in compagnia degli amici, non può mancare l’esibizione. Partite rapide dove si può attingere alla vasta gamma di stipulazioni match, lottatori e arene.
Piccola polemica: WWE 2K19 ci mette di fronte al roster più ampio mai visto, ma quando all’interno di tale roster sono presenti tredici versioni di Daniel Bryan, quattro di Triple H (di cui una zombie…), tre di Sting o Ric Flair be’…forse è un po’ una paraculata. No?!
Tralasciando ciò, potremo vestire i panni di tutti coloro che hanno fattoa storia della federazione, Come i Brother of Destruction, John Cena o AJ Styles, passando per leggende come Eddie Guerrero, Edge o Andrè The Giant.
Il bonus preorder offre inoltre la possibilità di utilizzare anche Rey Mysterio e Ronda Rousey, e le creazioni community lasciano altri cento slot liberi per scaricare superstar e costumi alternativi.

Parlando del multiplayer, sia online che offline, il divertimento è garantito e le modalità offerte sono tante, e al momento non si registrano bug o rallentamenti “anormali” (non come il cugino NBA 2K19…).

WWE-2K19-ScreenShot-5

E’ nata una stella

Con la modalità Carriera, indosseremo i panni di un wrestler sconosciuto in una sperduta federazione locale, la cui vita cambia quando viene contattato per fare un provino con la WWE.
Dopo aver scelto l’attire del nostro personaggio con il ricco editor (complessivamente, il comparto di opzioni di personalizzazione è stato potenziato rispetto gli scorsi anni, sia a livello estetico che nel parco mosse), inizieremo la scalata attraverso il sistema di crescita, integrato dalle numerose ricompense che si potranno sbloccare con i crediti virtuali ingame (non microtransazioni!).
Nella strada da pivello a leggenda, queste integrazioni saranno necessarie. Mosse efficaci e spettacolari o attire sempre rinnovati garantiranno l’affetto del pubblico e quindi più soldi.

In conclusione, WWE 2K19 si evolve dai precendenti due capitoli in maniera convincente, seppur con timidi upgrade e miglioramenti (grafici e di gameplay).
E’ ancora troppo pesante la sensazione di un gioco “patch annuale”, e di sicuro la mancanza di competitors non stimola 2K e Visual Concepts a esagerare con le novità annuali. Questo problema di “centellinamento” si avverte anche con NBA 2K19, sebbene quest’ultimo goda di una considerazione diversa e una cura leggermente migliore.

La recensione di WWE 2K19 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

WWE 2K19

7.8

Gameplay

8.0/10

Grafica

8.0/10

Longevità

7.5/10

Good

  • Il wrestling WWE è grandioso, e questo gioco rende merito alla disciplina
  • Entrate, attires e arene (quasi) sempre aggiornate all'ultimo periodo
  • Roster più grande di sempre
  • E' tornata la modalità Showcase
  • Ottima colonna sonora

Bad

  • Miglioramenti annuali dosati con il contagocce
  • Bug grafici e di gameplay non sempre così "divertenti"
  • Troppi lottatori che si ripetono
  • Alla fine è sempre lo stesso gioco. Se non si è appassionati del mondo WWE si rischia di stancare in fretta
Informazioni su Tommy K. 150 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*