NBA 2K20 – Una recensione un po’ diversa, forse un po’ strana

NBA-2K20-Recensione

Anche quest’anno, ricevo la mia copia promo di NBA 2K20 (grazie ragazzi, sarebbe ipocrita non farlo). Ci gioco, cerco di ignorare le valutazioni Metacritic (0.7!!!) e i forum online. Poi ci rinuncio, chiamo il direttore e gli dico che io una recensione non la posso fare. “Fammi scrivere un editoriale, fammi esprimere le mie opinioni a ruota”. Acconsente, “ho una sorta di dejà vu dall’anno scorso” mi dice.

Indice:

E allora down with the dissing!

Esatto, perché mi sono spaccato il ca**o di giocare a un gioco copia/incolla che centellina i miglioramenti annuali e si concentra soprattutto sulle micro-transazioni. Ed è inutile girarci intorno, questo è il cancro che divora l’annuale gioco di 2K  e Visual Concepts dedicato alla NBA.

Un momento, ma stiamo parlando di un gioco di pallacanestro? Teoricamente sì, in pratica no!

Le due modalità dedicate principalmente alla pallacanestro, My Career e My Gm non portano nessun cambiamento dalle precedenti versioni. Certo, possono inserire nuove ed entusiasmanti cutscenes (in un gioco di pallacanestro!) e raccontarmi una storia nuova e mai vissuta (udite udite, il protagonista della Mia Carriera tocca l’inferno e intraprende la sua redemption personale che lo porterà in cima alla Lega. Never seen before!), ma sempre di un gioco di basket si parla.

Onestamente, quest’anno non mi sento di premiare gli sforzi narrativi messi in campo dai vari team di sviluppo. Non mi interessano le battute di B-Fresh, ne di mangiare pollo fritto con Shaq, ne di giocare a NBA 2K20 nel mio salotto virtuale. Io voglio giocare a 2K nel mio salotto reale, e vorrei giocare a basket.
Ma Tommy, quest’anno la storia è stata scritta da Maverick Carter e la sua SpringHill Entertainment, in compagnia di Lebron James.
Estica**i? Cioè, fantastico il fatto che questo gioco cerchi di interfacciarsi sempre più con i protagonisti del mondo NBA (stiamo pur sempre parlando del Re), ma sarebbe carino…non lo so…cambiare ogni tanto anche la trama principale?!
E invece no! Tutto è prevedibile, poco è memorabile e quella spolverata di product placement non ce la vogliamo mettere?

Non siamo a Las Vegas

Eppure, stando al Quartiere, sembrerebbe di sì.
C’è pure il casinò, con le luci colorate, la slot machine ma senza Robert Goulet ad esibirsi nella capanna di Bart.
Il messaggio è chiaro, spendi la tua grana qui da noi! We want money!
Acquista potenziamenti, scarpe, tatuaggi, vestiti (ah i capelli no, ora te li tagli gratis dopo l’insurrezione della community. In pratica siamo tornati al 2012), c’è tutto quello che vuoi.
Ad ogni modo, qui qualche piccola novità c’è. Perché dai, non è bello fare gli oltranzisti, ed effettivamente le gabbie un po’ divertenti lo sono. Anche a noi piace andare a giocare al campetto con gli amici nella vita vera.
Certo, nella vita vera non ci sono gli shopponi, nè amici che sono già a 99 dopo 5 giorni. Ma se sorvoliamo su queste inezie (che perché mai dovrebbero inficiare la nostra esperienza di gioco?),  le modalità consolidate fanno il loro lavoro. Divertire, aggregare sfidandosi reciprocamente, produrre giocate spettacolari davanti a tutti.
Mi riferisco ai soliti campetti, o alla modalità REC, che effettivamente sono il punto di forza, il valore aggiunto di NBA 2K20, quando si becca la connessione stabile, qualche shoppone in meno in giro e tempi di caricamento che durino meno di dieci minuti.

Aah lunga vita agli shopponi. Cristoni di 2.20m con creste viola, abiti brandizzati e qualità fisiche da Avengers…

NBA 2K20 Gameplay - screenshot 01

Positiva l’idea di far trascorrere le stagioni nel quartiere (previste le zucche di Halloween e gli alberi i Natale, ad esempio), ma inaccettabile che certe migliorie pesino 25/30 GB. Siamo già al terzo aggiornamento di tale peso (e il gioco usciva già “pesante” una sessantina di giga).
Che è successo ragazzi? Vi siete dimenticati di mettere il basket dentro un gioco di basket? Oppure puntate a battere i 107 GB  di WWE 2K17 (con meravigliosa patch da 17  giga al Day One!!!)

Chi caccia i soldi?

Ma sì dai, citiamo anche Richard Benson, e perché no?
Gira che ti rigira, alla fine si arriva sempre lì.
Vuoi crescere con il personaggio? E spendili ‘sti soldi. Mica vorrai giocare con…un gioco per tutte quelle ore?! Su dai!
Sebbene le microtransazioni  siano meno invasive rispetto gli scorsi anni, rimangono ancora troppo invasive! Ma quando la community è esasperata da questa cosa, vi volete rendere conto di dove state andando a parare?! Ma il rispetto per noi fans dove lo avete messo?
Anche la stessa Mia Squadra, migliorata e perfezionata dal punto di vista dei bonus, resta troppo schiava di questo sistema.
Interessanti, però, le sfide settimanali e gli eventi legati ad alcune carte specifiche, ammettiamolo.

NBA 2K20 Gameplay - Los Angeles Lakers vs Golden State Warriors – NBA 2K20 PS4 18-1 screenshot
Un’altra aggiunta quest’anno è la WNBA, la lega femminile che, complice il “successone” del calcio rosa su FIFA e le solite SJW spaccapalle, era una necessità che si avvertiva.
Chiunque si sia avventurato oltre le due partite, avrà notato che tale modalità richiede maggiore tattica, più che penetrazioni e giochi di forza.
Lodevole la scelta di digitalizzare le oltre cento atlete della lega.

Chiudiamola qui, per cortesia

Chiariamoci, NBA 2K20 non è un brutto gioco (e come potrebbe esserlo?).
Solo che non ti diverte, e questo è grave, molto!
Se NBA Live non si sveglia, 2K e Visual Concepts continueranno a produrre giochi dalle migliorie centellinate col contagocce (ed è già il terzo anno che scrivo questa cosa).
Convincetemi a non continuare a giocare su 2K19 con le rose aggiornate.
Convincete tutta la community (0.7 su Metacritic!!!) che protesta quotidianamente.
Diteci che i server sono stabilissimi, le micro-transazioni non invasive e che 2K20 è imperdibile.

NBA 2K20 Gameplay - Los Angeles Lakers vs New Orleans Pelicans - screenshot

Non basta più la qualità produttiva. Non interessano le features inutili (palla prigioniera in un gioco di pallacanestro?!), le cutscenes insensate, le maglie da Foot Locker.
Noi vogliamo che la palla non passi attraverso i corpi dei giocatori.
Non vogliamo stoppate attorcigliate, centri che tirano da tre, play che bloccano le ali sbadigliando.
Vogliamo pallacanestro, e vogliamo rispetto, per cortesia.

Noi di Gamepare siamo sotto canestro, ora la palla ce l’avete voi.
Ci vediamo l’anno prossimo?

NBA 2K20
6.3 / 10 Recensione
Gameplay5
Grafica9
Longevità5
Pro
  • Grafica
  • Ambientazioni
  • Colonna Sonora
  • Contro
  • Transazioni
  • Fisica
  • Troppi aggiornamenti
  • Forse tutto troppo scontato
  • Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 157 Articoli
    Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *