Trine 4: The Nightmare Prince – Recensione

Recensione-Trine-4-Copertina

La serie Trine, nata nel lontano 2009 dalla casa di produzione Frozenbyte, ha catturato l’attenzione del pubblico con il suo Platform in versione rompicapo. Ma questa non è l’unica particolarità di questo videogioco: ciò che ha colpito maggiormente infatti è la possibilità di utilizzo di diversi personaggi con loro abilità specifiche. Chi non avesse mai giocato ai capitoli precedenti non deve preoccuparsi, i capitoli partono quasi sempre da una nuova avventura.

Indice:

La nuova avventura e la trama

Siamo in compagnia di Amadeus il mago, nella sua casa, con la voce del narratore che ci guiderà nelle prime fasi di gioco ed al racconto della trama. In questa prima parte scopriremo come utilizzare i comandi e le abilità del personaggio, che gli consentono di creare casse e di spostare o sollevare oggetti. Con la leggerezza tipica di una trama da fiaba scopriremo che dovremo liberare un principe dalla magia oscura. Proseguendo con il percorso, Amadeus il mago riceverà la “chiamata” che diventerà la nostra missione.

Trine 4 - The Nightmare Prince - screenshot 02

L’avventura prosegue mentre scopriamo le abilità del secondo personaggio, Pontius il cavaliere, in grado di combattere con la spada, usare lo scudo come specchio o difesa e balzare atterrando con forza. Infine, troveremo Zoya la ladra con abilità di agilità, utilizzo corde e tiro con l’arco. Queste abilità andranno utilizzate tutte nel corso del gameplay, sfruttando anche la possibilità di cambiare personaggio in qualsiasi momento.

Gameplay e rompicapi

Trine 4: The Nightmare Prince è un puzzle platform basato principalmente su rompicapi che si dovranno svolgere per proseguire con l’avventura. I nostri eroi dovranno far fede alle loro abilità per arrampicarsi, sbloccare ingranaggi, combattere i nemici e aprire porte. Il giocatore potrà controllare uno solo dei tre personaggi per proseguire nel gameplay, ma nello stesso tempo potrà cambiarlo con un altro in caso di necessità di una specifica abilità. Ben presto scopriremo che le abilità dovranno essere combinate tra di loro per andare avanti nell’avventura.

Trine 4 - The Nightmare Prince - screenshot 01

In questo nuovo capitolo possiamo anche farci aiutare da un amico online oppure in co-op locale, quest’ultimo avrà a disposizione tutti e tre i personaggi con le stesse abilità: in questo modo sarà molto più facile districarsi tra i rompicapi di Trine 4.

Durante il gameplay troveremo delle boccette magiche nascoste, che permettono di espandere le abilità dei personaggi. La nostra avventura sarà sempre allietata da una voce narrante (doppiata in italiano) che ci darà indizi su come proseguire oppure ci racconterà ancora di più sulla trama del videogioco.

La difficoltà di questo titolo è veramente ridotta, a parte qualche rompicapo che ci farà grattare la testa per alcuni minuti, il resto dell’avventura sarà lineare e divertente. I combattimenti con i nemici saranno sporadici e facili, anche perché il punto focale del videogioco sono proprio i puzzle. Comunque ad ogni fine livello troveremo un bel Boss a sbarrarci la strada e le abilità serviranno anche a sconfiggere questi nemici.

Il gameplay però non si ferma qui: se saremo bravi potremo trovare tutti gli oggetti collezionabili sparsi per il livello, permettendo così di completare il livello al 100% e ottenendo l’obiettivo previsto dalla piattaforma in uso.

Tornando invece alle boccette magiche, una volta raccolte potremo sbloccare l’albero delle skill di ogni singolo personaggio. Questo permette l’ampliamento delle abilità come per esempio per Amadeus il mago la possibilità di creare due casse contemporaneamente invece che una sola.

Trine 4 - The Nightmare Prince - screenshot 03

La grafica, il sistema e la conclusione

La bellezza di Trine 4: The Nightmare sta nello stile grafico 2.5D quasi immutato nei primi due capitoli della serie, anche se nel corso del capitolo precedente Frozenbyte si era provato ad inserire un contesto di animazione 3D non proprio approvato dai fan e dalla critica.

Il doppiaggio interamente in italiano ha dato quel tocco di originalità che era presente nel primo capitolo, visto che solo quello ha avuto la stessa localizzazione effettuata per Trine 4. I sottotitoli tradotti piuttosto bene e le voci dei personaggi si integrano perfettamente con i personaggi.

È apprezzabile inoltre il fatto che, se restiamo bloccati per un bel po’ di tempo su un rompicapo, il personaggio in gioco ci aiuterà dandoci qualche indizio. Questo darà maggior linearità all’avventura, evitando di stancarci. Questa funzionalità può essere disattivata in qualsiasi momento.

In conclusione, chi ha amato la serie completa non potrà non comprare questo ultimo capitolo. Per chi invece inizia ora, vi invito ad acquistare direttamente la serie completa chiamata Trine: Ultimate Collection che comprende anche il quarto capitolo.

Trine 4: The Nightmare Prince
8.3 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica9
Longevità8
Pro
  • Divertenti rompicapi
  • Ottimo gameplay co-op
  • Finalmente ancora in 2.5
  • Doppiaggio in italiano
  • Contro
  • Difficoltà bassa
  • Per alcuni un po' lento
  • Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2514 Articoli
    All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *