Follow
Gamepare > Home > Earth Atlantis > Earth Atlantis – Recensione

Earth Atlantis – Recensione

A caccia di terribili mostri marini esplorando il mondo sommerso post-apocalittico.

Earth Atlantis è un gioco molto particolare uscito su Nintendo Switch, dallo stile retrò e dalle boss fight veramente memorabili. Più di 38 mostri marini da sconfiggere, studiando a fondo i vari pattern e capire immediatamente quale sia la tecnica più giusta da adottare. Pixel Perfex ha realizzato un’autentica gemma da analizzare a fondo.
Il gioco comincia con la spiegazione di un cambiamento climatico alla fine del ventunesimo secolo che ha portato la Terra a essere completamente sommersa dalle acque degli oceani. L’uomo si è estinto e le macchine hanno preso le sembianze a poco a poco di creature acquatiche. Noi vestiremo i panni di un cacciatore che ha intenzione di portare finalmente equilibrio nell’ecosistema.

Earth Atlantis
Il gioco è uno shoot’em up puro e di vecchio stampo con forti influenze roguelike. Piloteremo il nostro sottomarino per cacciare tutte le creature che minacciano il fragile equilibrio nello sconvolto ecosistema terrestre. Potremo orientarci con una mappa che funge da radar e traccerà in maniera comoda sia le varie creature da sconfiggere che i potenziamenti che potranno renderci la vita molto più semplice. Quando sconfiggeremo un determinato boss la mappa si allargherà, mostrandoci porzioni di territorio prima inaccessibili.
Ogni nemico sconfitto potrà rilasciare potenziamenti che renderanno il nostro sottomarino un’arma molto temibile. Dovremo quindi potenziarci a dovere con i nemici più piccoli prima di affrontare le creature gigantesche. I nostri siluri diventeranno sempre più forti così come lo sparo si farà multiplo e molto più veloce che all’inizio. Potremo fare affidamento anche sui vari barili sparsi in giro in modo da guadagnare armi aggiuntive. Se verremo colpiti ripetutamente però questi potenziamenti andranno persi e quindi dovremo ricominciare tutto daccapo per tornare forti come prima.

E’ molto facile venire abbattuti, anche da creature all’apparenza innocue, dato che poi respawneranno in maniera molto repentina e quasi immediata. Ripartiremo quindi da un checkpoint sprovvisti delle armi iniziali.
Ci sono vari livelli di difficoltà anche se a livelli più bassi il gioco risulta comunque abbastanza impegnativo. Si vocifera che gli sviluppatori però stiano lavorando a una patch per rendere il gioco più facile e quindi adatto anche ai meno smanettoni del genere.
Uno degli aspetti peculiari del gioco è certamente il comparo grafico che è in pieno stile “carta nautica antica” quindi praticamente monocromatico ma dal grande stile. Il gioco è interamente in due dimensioni anche se possiamo muoverci su differenti profondità. Buona anche la caratterizzazione e la varietà dei nemici, tutti con stile e carattere. Potremo anche sconfiggere vari sottomarini avversari in modo poi da impossessarcene e quindi utilizzarli nelle avventure successive.
Il gioco ha una modalità carriera progressiva e anche una “caccia”, ossia una sorta di boss rush dove dovremo sconfiggere 23 boss uno in fila all’altro, il tutto con una sola vita.
Un buon titolo indie longevo e ben confezionato che impegna e affascina grazie al suo stile retrò.

La recensione di Earth Atlantis si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Scritto da
Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>