Epistory – Typing Chronicles – Recensione

Epistory, titolo sviluppato da Fishing Cactus, appartiene alla piccola nicchia dei “typing games”, giochi in cui la maggioranza dell’azione si svolge sulla tastiera, scrivendo rapidamente le parole che compaiono a schermo.
Si tratta di un genere emergente anche se gli esponenti che ne fanno parte non sono certo innumerevoli, anzi Epistory in questo contesto è il gioco che spicca maggiormente, pur trattandosi comunque di un progetto relativamente piccolo al momento la “concorrenza” raramente arriva oltre ai banali flashgames.

Il titolo si trova su Steam già da oltre un anno a questo punto, ma ha ora ricevuto un adattamento in italiano che lo rende accessibile anche a coloro che non se la sentono di affrontare l’avventura in una lingua straniera.

Epistory - Typing Chronicles

Un’avventura sospesa nel sogno

Cominciando una nuova partita veniamo subito introdotti alla protagonista il cui nome però non ci viene rivelato, si tratta semplicemente di una ragazza a cavallo di una grande volpe.

Poco alla volta il mondo di gioco comincerà a svilupparsi attorno a noi mentre ci muoviamo e la storia ci viene narrata.
La ragazza e la volpe si sono perse e strane creature hanno cominciato a comparire in questi luoghi inesplorati, da qui diverse vicende ci porteranno a ritrovare la via, accompagnandoci parallelamente attraverso alcuni ricordi e frammenti di memoria.
La narrazione di Epistory è indubbiamente coraggiosa e poetica, riesce ad immergere il giocatore con grande efficacia, ma spesso non è altrettanto efficiente nel veicolare proprio la storia stessa e in molti passaggi appare eccessivamente criptica e quasi priva di un filo conduttore. È infatti solo tramite fonti esterne al gioco, come la descrizione su Steam, che risulta maggiormente chiara la trama: la protagonista rappresenta la musa di una scrittrice che ha perso l’ispirazione, e esplora questo mondo immaginario e insidioso per ritrovarla, ripercorrendo anche alcuni momenti della vita della scrittrice stessa.

Epistory - Typing Chronicles

Muoversi nel mondo da esplorare è un’esperienza singolare: diversi comandi sono consentiti al giocatore, il classico “WASD” è a disposizione, così come le frecce direzionali, ma i comandi consigliati dal gioco sono invece E,F,J e I che in un primo momento appaiono estremamente bizzarri, ma si rivelano presto essere piuttosto comodi per passare da movimento a scrittura.
È infatti scrivendo che proseguiremo nella nostra avventura, visto che diversi oggetti ci danno la possibilità di interagire e il modo per farlo è semplice: basta scrivere con la tastiera le parole che compaiono sopra di essi.
Allo stesso modo affronteremo i nemici, abbattendoli parola dopo parola in sequenze che variano da un ritmo rilassato ad uno estremamente frenetico.

Proseguendo nella storia avremo accesso a diverse magie con cui impregnare le parole che andremo a scrivere, cominceremo con il fuoco che è in grado di bruciare alcune parole e risparmiarci il tempo di scriverle, avremo poi il gelo che paralizza i nemici, la saetta che può colpire più di un bersaglio per volta e infine l’aria che con le sue folate può respingere gli aggressori troppo vicini.
Per cambiare l’elemento in uso basta scriverne il nome e subito le successive parole otterranno il potere corrispondente fino a che non cambieremo nuovamente.
Se all’inizio abbiamo solo il fuoco e il gioco è ovviamente piuttosto semplice, più si avanza più ci verrà richiesto di cambiare costantemente fra questi elementi per poter meglio affrontare le sfide che ci bloccano il percorso.

Questo però presenta il primo piccolo problema del titolo, essendo un gioco completamente legato alla lingua è ovvio che la traduzione muti leggermente l’esperienza di gioco, l’adattamento in italiano è ben fatto e riesce bene ad adattarsi alle necessità di bilanciamento, tuttavia le parole dei quattro elementi sono inevitabilmente più lunghe della controparte inglese per cui potete considerare la nostra lingua leggermente più difficile rispetto all’originale. Questo comunque non compromette in alcun modo la possibilità di godere a pieno dell’avventura.

Interagendo con l’ambiente e abbattendo i nemici riceveremo dei punti esperienza che ci permetteranno di potenziare il personaggio. Il sistema di avanzamento in questo versante non è male, ma non comporta scelte particolarmente difficili, soprattutto considerato che si arriva piuttosto rapidamente a massimizzare ogni abilità.

Epistory - Typing Chronicles

Un grande libro a colori

Epistory è esteticamente bellissimo, la direzione artistica del titolo è eccellente e riesce a dare un tono molto originale a tutta la storia. Il mondo è infatti interamente costruito come se fosse di carta, con figure tridimensionali che sembrano nascere dalle pagine aperte di un libro posto a far da ripiano.

Nonostante ciò non si tratta assolutamente di qualcosa di impegnativo e non avrete affatto bisogno di macchine particolarmente performanti per poterci giocare. Forse il più grande pregio dell’aspetto grafico è proprio la capacità di coniugare uno stile piacevole e originale a requisiti accessibili.

La componente audio ben si sposa con il tema stabilito dallo stile grafico e con la narrazione, lasciando tutto avvolto in un singolare torpore. Non arriva però ad eccellere come la sorella visiva in quanto a volte alcuni suoni ripetuti per lungo tempo cominciano a diventare piuttosto fastidiosi, mentre altre volte si ha la sensazione che alcuni effetti siano fuori luogo e inadatti all’ambiente rappresentato.
La voce narrante è piacevole e immersiva, tuttavia non riesce mai a mutare il proprio tono in maniera significativa e tende a portare sempre le stesse emozioni.

L’avventura narrata in Epistory vale la pena di essere ascoltata, non sempre è semplice mantenere il filo degli eventi, ma la componente gameplay va a compensare molto bene queste piccole mancanze della narrazione che comunque è in grado con facilità di immergerci nella giusta atmosfera.
Oltre alla storia principale ci sono diversi aspetti secondari da affrontare per completare il titolo del tutto, ma si tratta di aspetti opzionali che non vanno ad annacquare ma piuttosto ad arricchire il tutto e aumentarne la longevità anche dopo aver concluso l’avventura.

La recensione di Epistory – Typing Chronicles si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Epistory – Typing Chronicles
8 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica8
Longevità8

 

Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 68 Articoli
Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della community competitiva italiana di Super Smash Bros.