Follow
Gamepare > Home > Forza Horizon 2 > Forza Horizon 2 – Recensione

Forza Horizon 2 Recensione

Vuoi sfrecciare in modalità libera tra le coste della Francia, Liguria, Toscana e costiera Amalfitana?
Gareggia in uno sconfinato mondo aperto in questo tripudio di velocità, stile e guida adrenalinica!
Subito dopo la breve introduzione del gioco alla guida di una Lamborghini, potremo scegliere tra 3 automobili per iniziare la nostra carriera, subito pronti per gareggiare contro le altre auto, guadagnando monete e punti per acquistare auto più potenti.

I punti serviranno per salire di livello e ottenere le abilità disponibili tramite uno skill tree.
Sin da subito assaporeremo la grafica mozzafiato proposta da Forza Horizon 2, osservando l’ottima realizzazione delle coste della Liguria mentre ci dirigiamo verso la Francia.
Il motore grafico di Forza Motorsport 5 si ripropone in Forza Horizon 2, con 1080p e 30 framerate al secondo (XBOX One) che danno al titolo maggior dettaglio grafico. Ora vedremo anche cambiamenti atmosferici durante la stessa gara, come anche il passaggio dal giorno alla notte.

Forza Horizon 2_screen2

Una trama in un gioco d’auto?

Si, Forza Horizon 2 ha una storia durante la quale le introduzioni alle gare e i dialoghi doppiati in italiano ci guidano verso la nostra avventura.
La struttura della storia è ben definita e sensata, accompagnando il giocatore nell’immenso mondo virtuale, ricco di strade e ambienti totalmente dettagliati che daranno l’impressione di essere veramente immersi in quei luoghi.
La possibilità di guidare ad esempio in mezzo ai campi, tra salti e drift, unita alla vastità delle mappe, rende Forza Horizon 2 un gioco vario e longevo.

Come nei precedenti capitoli, abbiamo una radio a farci compagnia, e potremo scegliere il canale che ci aggrada di più tramite i tasti a sinistra del pad.

Lo scopo del gioco è quello di vincere il festival Horizon, attraverso 17 campionati, 700 eventi ed oltre 200 auto.

Forza Horizon 2_screen3

Il sistema Drivatar influisce fortemente sul livello di difficoltà per il giocatore; si tratta infatti, per chi non lo conoscesse, di un sistema di intelligenza artificiale sincronizzato e controllato tramite cloud.
Questo servizio è in grado di memorizzare diversi stili di guida dei giocatori nel mondo, e di presentare questi profili durante le gare, assegnandoli alle auto avversarie. Ogni auto gestita dalla CPU si comporterà in maniera differente e realistica, il che influenza notevolmente le gare che affronteremo.

Se c’è il kinect tutto cambia

Forza Horizon 2 prevede anche un navigatore chiamato Anna. Grazie a “lei” possiamo pianificare i nostri percorsi e spostamenti semplicemente dicendo al kinect “Anna, portami all’evento più vicino”.
Abbiamo trovato questa caratteristica utile e funzionale, consentendo al giocatore di non dover premere ogni volta il tasto menù per visualizzare la mappa e identificare il luogo più vicino da raggiungere.

Forza Horizon 2_screen1

Grand Tour Online

In Forza Horizon 2, abbiamo anche una modalità online che permette ai giocatori di partecipare alla modalità Grand Tour, con fino a 12 auto in contemporanea. La modalità è la stessa del single player, ma stavolta ci si confronta con giocatori in carne ed ossa.

Non è necessario aggiungere altro, l’unica cosa che possiamo consigliarvi è di provare Forza Horizon 2: in questo modo capirete che non si tratta semplicemente del solito gioco di guida.

Maggiori informazioni su http://www.forzamotorsport.net/it-IT/games/fh2

Positivo
  • Ottime modalità di multiplayer
  • Il Drivatar ha tutte le sue buone ragioni di esistere
Negativo
  • Openworld un po' limitato
9
Ottimo
Gameplay - 9
Grafica - 9
Longevità - 9
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>