Small Radios Big Televisions – Recensione

In un periodo in cui i videogiochi prendono per mano e guidano in ogni singola mossa, Small Radios Big Televisions pone il giocatore direttamente al centro dell’azione, da solo e senza alcun aiuto. Si dipende unicamente dalle proprie capacità, intuitive e mnemoniche, per portare a termine gli stage proposti.

Sviluppato dalla software house canadese Fire Face, Small Radios Big Televisions è un puzzle-game “punta e clicca” atipico per i tempi moderni, che vuole recuperare quel vecchio stile di gioco della prima PlayStation. Armati unicamente del registratore TD-525, si esplora la realtà virtuale proposta, superando gli enigmi atti ad accedere agli stage successivi. Ogni livello, diviso in varie stanze, è man mano più grande e complicato. La chiave risolutiva sono le musicassette disseminate tra i livelli, indispensabili allo sviluppo dell’avventura. Ogni cassetta, infatti, trasporta immediatamente in un mondo parallelo (indicato sull’etichetta), dove si devono raccogliere cristalli necessari all’apertura di porte precedentemente bloccate. Non sempre in questi scenari a tema sarà però possibile recuperare i preziosi cristalli, complice anche il livello di sfida che si incrementa in maniera progressiva durante lo sviluppo dell’avventura. Sarà indispensabile quindi smagnetizzare le musicassette attraverso macchinari disseminati nella mappa, poiché una seconda visione dei livelli audiovisivi porterebbe alla luce cristalli precedentemente nascosti.

Rivitalizzazione di una musicassetta

Una volta fatto questo, e riproducendo nuovamente le cassette con il nostro TD-525, si entrerà in un livello distorto. Lo scenario che precedentemente conoscevamo, ora è assurdo, manipolato, spaventoso. I colori sono impazziti, la visione è allucinata, si ha la sensazione di essere minacciati da un’entità pericolosa. Il rapporto tra immagine e suono è continuo in Small Radios Big Televisions, un gioco capace di toccare le più profonde corde emotive dell’animo, stimolando la continua ricerca di una via di uscita. Le regole di risoluzione degli enigmi non sono mai indicate dal gioco, ma vanno necessariamente scoperte attraverso la propria memoria visiva, sperimentando le plausibili soluzioni che l’intuito suggerisce. Non c’è combattimento, ne morte o game over in Small Radios Big Televisions. Bisogna aguzzare l’ingegno per uscire dagli scenari proposti, magari ruotando delle valvole, magari inserendo ingranaggi mancanti all’interno di sistemi meccanici. Un “avanti-indietro” dal sapore anni Novanta, quando per risolvere un enigma si era costretti a ripercorrere a ritroso la mappa. Small Radios Big Televisions non è un semplice puzzle esplorativo, è un’esperienza estetica racchiusa in un paio di intense ore di gioco. Il rimbalzo è continuo tra realtà virtuale e sonorità elettro-pop vintage, tra mondi stipati all’interno di una musicassetta ed emozioni virtuali che scaturiscono dall’esplorazione.

Grafica e sonoro

In Small Radios Big Televisions, grafica e sonoro sono interconnessi tra loro in maniera quasi complementare. Durante l’esperienza di gioco (perché di questo si tratta), lo stimolo delle emozioni del giocatore è continuo. A sollecitare tali emozioni, ci pensa proprio il “balletto” tra i colori accessi racchiusi nelle musicassette (addirittura esasperati dopo la smagnetizzazione di quest’ultime) e il chiaroscuro nelle stanze abbandonate degli stage, accompagnati da sonorità costanti e distorte. Musiche quasi angoscianti (richiamanti una vita precedente, quando gli scenari ormai in disuso vivevano ancora grazie alla forza lavoro che li occupavano), che si trasformano in loop distorti e disturbanti durante l’ascolto delle cassette smagnetizzate. Un attimo di tregua si può avere quando si esplorano gli scenari non ancora corrotti dai macchinari, dove ancora una volta il connubio tra grafica e sonoro riescono a far provare le sensazioni del paesaggio riprodotto. A volte, si ha davvero la sensazione che quella sia la musica giusta da ascoltare vicino a un fiume, o sulla cima di una montagna.

In conclusione, la grafica minimal tipica degli indie attuali non soffre i leciti limiti che mostra, proprio grazie al continuo lavoro a braccetto che il comparto sonoro porta a compensazione.

Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 155 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*