Ancestors The Humankind Odyssey – Recensione

Ancestors The Humankind Odyssey

Patrice Desilets è il papà di Assassin’s Creed e con questo suo nuovo Ancestors: The Humankind Odyssey ha deciso di fare un tuffo nel passato con un titolo che mostra la sopravvivenza e l’evoluzione della specie umana, in una lotta quotidiana contro una natura molto aggressiva. Il tutto in esclusiva, per ora, per PC e solo su Epic Store.

Indice:

Ancestors The Humankind Odyssey screenshot 1

Nei panni di una scimmia

Di primo acchito il gioco potrebbe sembrare solamente un AC di stampo preistorico dove semplicemente dovremo arrampicarci sugli alberi o dondolarci da una liana all’altra. Ma immediatamente più tardi ci renderemo conto che c’è molto di più: la componente degli agili spostamenti dei primati è solamente una situazione di contorno rispetto al nocciolo del gameplay.
Il gioco è infatti un vero e proprio survival più che un action anche se gli approcci per sopravvivere appunto saranno molteplici e dalle soluzioni molto variegate. La storia è ridotta all’osso dato che il background è l’evoluzione dell’essere umano e i suoi passi per diventare ciò che siamo tutti oggi.
Come abbiamo già affermato in precedenza l’ambiente in cui ci troveremo sarà parecchio ostile e minaccioso, lasciandoci sempre in allerta e non permettendoci mai di tirare il fiato in alcun modo. Il mondo di gioco è infatti popolato da creature di ogni tipo che tenteranno di eliminarci via terra, via mare e perfino via cielo. Dalle tigri dai denti a sciabola, a enormi uccelli preistorici fino a pericolosissimi antenati dei coccodrilli, tutti ci renderanno la vita molto complicata.
Lo scopo principale è quello di aumentare il numero di componenti del nostro clan fino a dare vita ad alcuni piccoli abbozzi di villaggio. I capitoli in questo caso sono divisi in base alle scoperte sociali e alle evoluzioni biologiche dei personaggi che potremo influenzare assegnando punti su classici alberi delle abilità.

Spaesamento totale

La forza del titolo, fin dalle prime battute, sta proprio nel ridurre all’osso spiegazioni e tutorial per far immergere immediatamente il giocatore in una situazione pericolosa e ostile, dove bisogna imparare in fretta a restare a galla per non soccombere inesorabilmente. Inizieremo con una missione di recupero di un primate giovane e capiremo fin da subito di poter fare affidamento sull’olfatto per trovare gli altri membri della tribù, ma anche cibo commestibile. Potremo anche sfruttare le nostre sinapsi e i collegamenti cerebrali che via via si formeranno con il nostro sviluppo in modo da riconoscere piante commestibili o velenose, e zone per rifugiarsi in maniera sicura.

Ancestors The Humankind Odyssey screenshot 4
Questo avverrà in maniera progressiva attraverso dei punti interattivi che avranno un senso una volta analizzati a attivata l’interazione con essi. Questo processo vi servirà anche a superare la paura dell’ignoto che spesso paralizzerà il primate.
Il gioco è quindi una catena di scoperte e perfino l’indicazione della salute è un mistero inizialmente, non essendoci nessuna barra a schermo. Ogni azione quindi sbloccherà punti sviluppo che ci permetteranno migliori interazioni con l’ambiente, compresa la possibilità di prendere oggetti e utilizzarli.
Andando avanti poi lo sviluppo sarà influenzato da diversi fattori quali socialità e crafting di oggetti.

Ancestors The Humankind Odyssey screenshot 2

Scoperta continua

Il gioco fa proprio leva su questo senso di progressione i cui risultati si ottengono dopo moltissimi tentativi.
Per quanto concerne invece il sistema di combattimento partiremo naturalmente indifesi nei confronti della fauna selvaggia che ci si parerà di fronte e potremo solamente tentare degli urli per spaventare i vari animali oppure schivare e scappare.
Con i primi oggetti potremo invece creare delle armi rudimentali  e quindi difenderci un po’ meglio.
Per quanto concerne il comparto tecnico il gioco alla fase attuale appare forse un po’ acerbo rispetto ad altre produzioni a tripla A. Questo vale soprattutto per quanto concerne le animazioni  degli animali antagonisti anche se probabilmente gli sviluppatori porranno rimedio in un prossimo futuro. Nessun problema invece nelle animazioni delle scimmie. Ottimo invece il comparto sonoro con effetti della foresta che permettono di immergersi totalmente all’interno dell’atmosfera di gioco.

Ancestors The Humankind Odyssey screenshot 3

Un titolo dalle premesse veramente geniali che lo candidano a una delle sorprese meglio  riuscite dell’anno. Qualche limite soprattutto a livello tecnico c’è, è innegabile, ma nulla che non possa essere rifinito e ampliato in futuro.

Ancestors The Humankind Odyssey
8 / 10 Recensione
Gameplay8.5
Grafica7.5
Longevità8
Pro
  • Idea di base geniale
  • Gameplay innovativo che immerge totalmente il giocatore
  • Grandissimo comparto sonoro
  • Contro
  • Qualche sbavatura nelle animazioni e nell’intelligenza artificiale degli animali avversari
  • Informazioni su Stefano Mario 616 Articoli
    Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *