Casual gamer, etichettatura da frustrati?

casual-gamer-pic

Nonostante il calendario ci faccia presente tutti i giorni che siamo nel 2019, molti estremisti del settore video ludico ancora pensano che il termine “casual gamer” sia un’offesa o un modo elegante e allo stesso tempo subdolo per screditare i propri simili, abusando e travasando spesso il significato di quest’espressione.

In questo articolo dal titolo provocatorio, tratterò quest’argomento con un mood diverso dal solito, un approccio alla questione diretto e grintoso, ma anche questa volta partirò da una domanda chiave :

<<Cos’è veramente un casual gamer ?>>

Un casual gamer è una tipologia di videogiocatore che ama passare il tempo davanti a dei casual game (termine traducibile come gioco superficiale). La cara Wikipedia considera il solitario di casa Microsoft l’archetipo dei casual game e li descrive come una tipologia di videogiochi spesso dal costo ridotto, dalla struttura semplice e con caratteristiche adatte a partite “mordi e fuggi”, tutti elementi ben noti nei grandi classici del mobile gaming come Angry Birds, Tetris, WarioWare ecc… Peculiarità che potrebbero essere associate anche ad alcuni brand nati su console fissa, la stessa Nintendo Wii con un parco titoli pieno zeppo di giochi del genere viene considerata la capostipite del casual gaming, qualità che nonostante le critiche da parte dei puristi, ha portato intere famiglie ad avvicinarsi alla decima arte.

Adesso mi domando quanti di questi denigratori non abbiamo mai giocato titoli casual, non averlo fatto sarebbe una grave mancanza per completisti come loro. Con questo voglio far capire che tutto sommato siamo tutti casual gamers (chi più, chi meno) in base alle occasioni che ci si presentano e ai propri gusti, quindi nessuno di noi dovrebbe più sentirsi offeso oppure offendere con questo termine. Non prendetela sul personale ma nonostante amo competere in molteplici occasioni, non credo assolutamente che debba essere forzato tutto sulla competizione, ognuno di noi è libero di dedicarsi a molteplici passioni e restare allo stesso tempo un gamer con la G maiuscola, quindi non conta quali titoli amiamo giocare ma penso conti soprattutto la voglia di migliorarci e accrescere i nostri obiettivi videoludici giorno dopo giorno.

Voi avete mai avuto delle discussioni nell’ambito con persone fin troppo convinte delle loro idee ? Se sì, rispondete sotto nei commenti, al prossimo articolo su Radical Chic Gaming!

Informazioni su Antonio Feole 15 Articoli
Arruolato nell'armata del mondo videoludico ormai da 14 anni, diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni, con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*