Swag and Sorcery – Recensione

Cosa ci si debba aspettare da un gioco con un titolo, Swag and Sorcery (steam), imbarazzante come questo francamente non mi è tutt’ora chiaro, sono arrivato a fine installazione con zero aspettative e nonostante questo a gioco concluso ero comunque deluso.

Swag and Sorcery, sviluppato da Lazy Bear Games, è un gestionale dalla semplicità imbarazzante, non solo abbiamo davanti meccaniche già viste infinite volte, ma in questo caso sono pure ridotte all’osso e private di qualsiasi tipo di carattere o profondità.
Siamo incaricati dal Re di un villaggio in malora di rimetterlo in sesto e lo faremo arruolando avventurieri e mandandoli all’avventura. Molto semplice fin qui giusto? Bene, la parte complessa è finita.
Il gioco non finisce in un’ora solo perché basato su una solida base di grinding e su una gestione del villaggio priva di qualsiasi barlume di logica, ogni singola operazione da svolgere richiede almeno 2 click di mouse in più di quanto abbia senso aspettarsi e costringe a spostare inutili icone in giro per la schermata, aiutando il gioco a risultare snervante, che fin qui sembra essere l’obbiettivo del team di sviluppo.

In sostanza ciò che siamo chiamati a fare a acquistare nuovi avventurieri, mandarli all’avventura che prevede da parte del giocatore praticamente nessuna azione se non chiamare la ritirata in caso di problemi o usare quell’incantesimo disponibile una volta ogni duecento ore di gioco. Abbiamo finito, non c’è altro da fare. Le avventure sono solo una serie di incontri casuali gestiti coi piedi e ripetitivi già dai primi 10 minuti di gioco, non c’è nulla che valga la pena di essere scoperto o che richiami la curiosità del giocatore per spingerlo a progredire, tutto sa di già visto ed è terribilmente lento e noioso.
Dopo ogni avventura dobbiamo far in modo che i nostri avventurieri riprendano i propri punti vita, quindi o paghiamo la chiesa del villaggio, perdendo parte dei nostri progressi già sufficientemente lenti, oppure perdiamo tempo mandandoli alle terme a recuperare da soli, abbiamo quindi una meccanica tipicamente da free to play in un gioco che chiede 10 euro per essere giocato. Benissimo!

Nel villaggio possiamo pure equipaggiare e far salire di livello gli avventurieri, non ci sono punti esperienza e tutto si basa sulle risorse che recuperiamo dalle avventure, rendendo l’avanzamento stupidamente lungo e monotono. Questo non è assolutamente aiutato da una qualche sorta di caratterizzazione del nostro team di esploratori, possiamo scegliere fra quattro equipaggiamenti in croce e le statistiche dei soggetti son determinate casualmente e banalissime. Tizio con forza alta? Ok dagli un’armatura e una spada, mettilo davanti alla fila. Tizio con destrezza buona? Via di balestra e mettiamolo dietro. Ora siete dei maestri di Swag and Sorcery.

Se quindi il gameplay è pessimo il gioco si salva nel comparto grafico, giusto? Sbagliato.

Gli alberi sono belli e con questo ho finito i possibili apprezzamenti.
Lo stile tentato Swag del gioco risulta solamente essere infinitamente irritante, al punto da rivaleggiare il gameplay stesso. I personaggi sono brutti al punto da rasentare il disgustoso, ogni volta che aprono bocca i suoni che ne escono tentano di simulare una parlata simpatica e giocosa, ma finiscono per aumentare il tasso di fastidio ulteriormente. Non starò a commentare cosa ricordano perché non è il caso di scadere nel volgare.

Gli equipaggiamenti e il villaggio hanno una scala che va dal banale e per nulla ispirato all’imbarazzante e stupido.

A eccezione del parlato dei personaggi il comparto audio non fa completamente schifo, ma non è comunque sufficiente o degno di nota, sicuramente non in grado di salvare questo disastro.

 

Swag_and_Sorcery

Quindi, Swag and Sorcery non è solo brutto con l’unica qualità di essere un pozzo senza fondo in cui potete buttare il tempo che non vi serve per non riaverlo mai più, ma vi metterà pure in difficoltà nell’affrontare questo processo senza farvi venire un ictus di nervosismo.
Se fosse free to play sarebbe comunque un enorme buco nell’acqua visto il quantitativo di titoli simili sul mercato che sono pure infinitamente migliori e la cui maggioranza è su smartphone che ne giustifica ulteriormente lo scopo nel panorama videoludico.

Lasciate perdere, i vostri 10 euro meritano di meglio, il vostro tempo merita di meglio, abbiatene rispetto e scaricate Soda Dungeon piuttosto, è migliore, è gratis ed è su smartphone.

Swag and Sorcery – Recensione
4.3 / 10 Recensione
Gameplay4
Grafica5
Longevità4
Pro
  • Non comprandolo risparmiate 10 euro.
  • Un gioco in meno per cui essere entusiasti che tanto ce ne sono già un sacco.
  • Gli alberi sono belli.
  • Contro
  • Classico esempio di gioco che pur non divertendo finisce per durare troppo.
  • La definizione di irritante dovrebbe comprendere Swag and Sorcery in qualche modo.
  • C’è un numero praticamente infinito di giochi identici ma gratuiti e migliori.
  • Informazioni su Michele Michienzi (Sig Mike) 62 Articoli
    Michele inizia a giocare grazie al NES. Nel tempo ha potuto maturare una buona conoscenza videoludica che spazia in molti ambiti, merito della varietà di titoli giocati. Appassionato principalmente di Action e Picchiaduro è cresciuto con numerosi platform e gdr a fargli compagnia. Fa parte da qualche anno della comunity competitiva italiana di Super Smash Bros.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *