Follow
Gamepare > Home > Resident Evil / biohazard HD REMASTER > Resident Evil / biohazard HD REMASTER – Recensione

Recensione Resident Evil HD

Resident Evil HD è una versione rimasterizzata del 2002 di Resident Evil su Nintendo GameCube, che a sua volta era un remake della versione PlayStation del 1996, Resident Evil HD dispone del nuovo suono surround 5.1 e di sfondi ridisegnati pre-renderizzati. La novità di giocare a 16:9 wide e l’illuminazione assolutamente mozzafiato, rinnovano il senso di terrore e isolamento che il gioco dava ai tempi.

Certo, non si tratta di una versione nuova della saga, ma è una edizione rimasterizzata di uno dei migliori titoli dell’inizio della serie di Resident Evil, il miglior survival horror di tutti i tempi.

ResidentEvilHD_Screen2

Originariamente pubblicato su Nintendo GameCube nel 2002, Resident Evil Remake era frutto di un accordo tra Capcom e Nintendo, che ha dato i diritti esclusivi al publisher (per il momento) per rilasciare anche Resident Evil Remake, Zero, e Resident Evil 4. Quest’ultimo tuttavia non è rimasto per molto tempo un’esclusiva, ed è stato poi rilasciato anche per altre piattaforme.

Penso che chiunque ormai conosca la storia della squadra STARS Alpha di Raccoon City, inviata nella località di Arklay per investigare su alcuni strani omicidi che si stanno consumando nella regione e per recuperare la squadra Bravo, inviata per prima ad indagare sul caso ma misteriosamente scomparsa. Dopo aver trovato l’elicottero della precedente squadra, il gruppo viene attaccato da un branco di cani (povero Joseph), e i restanti membri delle squadra Alpha si rifugiano in una villa apparentemente abbandonata. Questa è l’introduzione con cui Albert Wesker, Barry Burton, Chris Redfield e Jill Valentine entrano nel mondo del survival horror.

ResidentEvilHD_Screen8

In Resident Evil HD vedremo livelli di grafica renderizzati in alta risoluzione: una scelta azzeccata che fa apparire Resident Evil un gioco di recente produzione. Purtroppo però in alcuni punti del gioco noteremo che alcune parti di scarsa rilevanza non sono state ridisegnate, causando texture sgranate che a volte stonano in una grafica HD.

Nella nostra avventura, una cosa da tenere in considerazione è il nostro inventario, che è purtroppo limitato, quindi la maggior parte delle volte dovremo capire cosa portarci dietro e cosa abbandonare. A seconda della scelta del personaggio, avremo diverse caratteristiche: infatti Jill ha 8 slot per gli oggetti nell’inventario, mentre Chris ne ha solo 6.

Anche i salvataggi restano come in origine: non saremo liberi di salvare quando ci pare e piace, ma saremo invece costretti a trovare sia le bobine di inchiostro che le macchine da scrivere sparse in giro per le stanze. Alcuni dialoghi sono stati riscritti per facilitarne la lettura e dare un tocco in più alla storia già in origine troppo banale.ResidentEvilHD_Screen3

Durante il gameplay ci troveremo a girovagare per le stanze alla ricerca di oggetti che possono dare continuazione all’avventura, e in molti casi, in base al livello scelto all’inizio, avremo a che fare con i nostri amati zombi. In molti casi comunque ci potremo distrarre risolvendo puzzle che talvolta sembreranno abbastanza semplici per i nostri giorni. Le telecamere fisse dall’aspetto cinematografico rendono il gioco interessante, sopratutto quando nel cambio di inquadratura troveremo uno zombi dietro l’angolo.

Immancabili inoltre, ogni volta che apriremo una porta, la visione del filmato dell’apertura, che una volta serviva al caricamento delle stanze, ma che è ora quasi inutile, se non per dare suspense al gioco.

Forse alcuni di noi potrebbero storcere il naso a causa del gameplay del gioco, abituati ormai ai titoli dei giorni nostri; ma Resident Evil HD rimane comunque un gioco del 1996, che Capcom ha riproposto senza sconvolgere l’originalità del titolo. Rimane comunque il miglior survival horror di tutti i tempi.

Positivo
  • Il miglior survival horror di tutti i tempi
  • La grafica è realmente migliorata
  • Ottimo l'introduzione del widescreen
Negativo
  • Alcune texture non sono state migliorate
8
Grande
Gameplay - 8
Grafica - 8
Longevità - 8
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>