Metro Redux 2033 e Last Light – Recensione

Metro, gamepare

Metro Redux 2033 e Last Light  sono videogiochi post-apocalittici con una combinazione di survival horror in prima persona e di elementi sparatutto.

È l’anno 2034.

Sotto le rovine del post-apocalittica Mosca, nei tunnel della metropolitana, i resti del genere umano sono assediati da minacce mortali provenienti dall’esterno – e dall’interno. Ci sono dei mutanti, che spiano nelle catacombe sotto la superficie desolata e cacciano tra i cieli avvelenati sopra.

Invece di essere unite, le città-stazioni del Metro sono bloccate in una lotta per il potere supremo – un dispositivo di giorno del giudizio dalle volte militari di D6. Una guerra civile è in agitazione che potrebbe cancellare l’umanità dalla faccia della terra per sempre.

Mentre Artyom, oppresso dal senso di colpa, ma spinto dalla speranza, è la chiave per la nostra sopravvivenza – l’ultima luce nella nostra ora più buia …

La grafica

La versione rimasterizzata, creata principalmente per le console next-gen, a differenza delle versione per PC in alcune circostanze sono stati riscontrati degli abbassamenti di framerate sopratutto nelle scene di alta azione.

Dobbiamo dire però che gli sviluppatori  della 4A Games hanno fatto un ottimo lavoro, sia lato luci che grafica, rieditando proprio tutto.

Per chi ha giocato alla versione precedente, vedrà delle texture totalmente rifatte, anche la meccanica del gioco è migliorata sia nell’aspetto intelligenza artificiale che le personalizzazioni delle armi.

Il gioco presenta inoltre aspetti realistici come quando il soldato si pulisce la maschera, ma sopratutto l’aspetto dinamico delle azioni è stato rivoluzionato, ora più che mai rivalutando ancora di più la modalità stealth.
Nelle console abbiamo un solo pacchetto chiamato Metro Redux, invece nella versione digitale per PC lo troviamo in due distinti pacchetti Metro 2033 Redux e Metro Last Light Redux.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*