Predator: Hunting Grounds – Recensione

Predator Hunting Grounds copertina

Fin dal 1987 la figura del Predator è stata certamente uno dei più famosi alieni apparsi su grande schermo. Lo Yautja, questo il nome corretto della sua razza, ha perfino colpito la comunità scientifica che ha nominato in suo onore la specie di ragno Predatoroonops Yautja.
Dato il fascino del personaggio i crossover e le trasposizioni anche videoludiche si sono da sempre sprecate.
Su questa scia si buttano nelle mischia anche i ragazzi di IllFonic, lo stesso team che qualche anno fa ci ha regalato Friday the 13th. Il gioco dedicato al terribile Jason era basato su un multiplayer asimmetrico e questo schema è stato replicato anche in questo Hunting Grounds.
In soldoni quindi avremo quattro giocatori che comporranno una batteria di fuoco e si metteranno alla caccia del quinto giocatore che veste gli invisibili panni dello Yautja.
È importante mettere in evidenza come l’alieno sia naturalmente molto più gettonato nei server e quindi nel matchmaking potremo rischiare di aspettare a lungo prima di mettere le mani sul suo potente arsenale. Viceversa nei panni dei militari potremo generalmente buttarci immediatamente nella mischia.

Indice:

Predator Hunting Grounds

Non puoi uccidere ciò che non riesci a vedere

Non crediate però che il predator sia assolutamente onnipotente e invincibile, con la sua invisibilità, la vista termica e il resto del suo armamentario dell’altro mondo. Nel gioco l’alieno è piuttosto depotenziato rispetto agli umani e serve quindi un buon grado di strategia e di prudenza per non finire impallinati tra gli alberi della giungla del Centro America.
Lo scopo del predator è ovviamente quello di far fuori tutti gli umani entrati nel suo terreno di caccia. A disposizione avremo tutto ciò che abbiamo visto nei vari film e che tanto galvanizza i fan, partendo dalle lame da polso per eliminazioni corpo a corpo e arrivando al plasma caster posto sulla nostra spalla.
Mano a mano che saliremo di livello potremo sbloccare ulteriori armi da poter utilizzare. Sono oggetti che potremo portare solo a coppia e ci daranno notevoli vantaggi sia nel corpo a corpo che nell’immobilizzazione temporanea dei marines, per poterli colpire più facilmente sulla lunga distanza.
Alle armi si affiancano tutti quegli oggetti che ci serviranno per rendere più agevole la nostra caccia e quindi potremo utilizzare esche sonore o trappole per orsi. Fondamentali anche i medikit, che però potranno anche essere rimpiazzati da carne di cinghiale che potremo cacciare personalmente.

Last but not least, potremo sfruttare anche il terminale da polso, indispensabile per attivare l’invisibilità, e la maschera che, oltre a poter essere personalizzata dal punto di vista estetico, potrà essere sfruttata per attivare la celebre visione termica. Tuttavia, se la maschera verrà distrutta potremmo anche perdere momentaneamente la vista.
In ogni caso saremo sempre in grado di sviluppare delle build personalizzate e quindi dare vita al nostro cacciatore dei sogni. Sono presenti tre classi differenti tra cui scegliere una più specializzata nel combattimento a distanza ma dalla bassa energia, una migliore nel corpo a corpo e dall’energia massima e una terza che rappresenta un equilibrio tra le due.
Il punto di forza del predator è naturalmente la grande agilità che ci consentirà di saltare da un ramo all’altro della giungla e quindi disorientare i soldati con la sua grande mobilità.

Predator Hunting Grounds Screen1

Fuoco a volontà

Nei panni del soldato invece lo scopo è quello di superare vari obiettivi in sequenza e riuscire a raggiungere l’elicottero al punto di fuga, prima che lo Yautja faccia fuori a uno a uno tutti gli elementi del gruppo. Sarà sufficiente che un solo mercenario raggiunga il mezzo di trasporto per poter vincere la partita. Vinceremo anche se faremo fuori l’alieno, dopo averlo colpito e stanato seguendo la scia del suo sangue verde fluo.
Il gameplay in questo caso passa dalla terza alla prima persona secondo canoni di uno shooter classico anche se molto meno spettacolare rispetto all’utilizzo del predator, dato che le possibilità a livello di arsenale sono molto più limitate.

Predator Hunting Grounds Screen2
Il cacciatore ha anche a disposizione, innestata nella sua corazza, una testata atomica tattica e quindi, una volta che sarà colpito a morte, potrà attivarla facendo piazza pulita di tutto ciò che si trova attorno. Gli esseri umani potranno quindi, per non perdere la partita, o disattivare l’ordigno o, ancora più comodamente, uscire dal raggio di azione della bomba e attendere il botto. Sulla strada dei mercenari ci sono anche altri soldati che tenteranno di ostacolarci, anche se non rappresenteranno mai veramente un grosso problema.
Le armi dei soldati si suddividono in due slot e spaziano da fucili mitragliatori, fucili a pompa per gli incontri ravvicinati e fucili di precisione per colpire lo Yautja tra i rami. Le facilitazioni per gli umani non sono di natura tecnologica ma prevedono invece l’utilizzo del fango per nascondersi alla vista termica dell’alieno o ancora il chiamare rinforzi che ci consentirà di richiamare in battaglia i compagni caduti.

La bellezza dell’alieno

Dal punto di vista tecnico il gioco risulta leggermente datato a livello grafico. Questo risulta evidente soprattutto nelle texture degli scenari e nell’aspetto dei personaggi non giocanti. Anche il framerate è sempre piuttosto basso. Altro elemento da rivedere è certamente l’intelligenza dei bot nemici.
Grandioso invece il look del predator così come il comparto sonoro che mutua sia per i suoni che per le musiche tutto quanto sentito nei film.
Elemento positivo infine è la possibilità di cross-play con la versione pc anche se non si possono invitare i propri amici tra una piattaforma e l’altra.

Predator Hunting Grounds Screen3

Un titolo non perfetto tecnicamente che comunque diverte, soprattutto se si impersona il predatore definitivo, se si è appassionati del franchise e se si gioca in buona compagnia. Chissà se con i prossimi DLC, uno dei quali prevede di poter utilizzare già Arnold, e con qualche patch futura, il gioco non possa migliorare sensibilmente.

Predator: Hunting Grounds
6.5 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica6
Longevità6.5
Pro
  • Meccanismo di multiplayer asimmetrico collaudato e divertente
  • Utilizzare il predator dà grandi soddisfazioni ma…
  • Cross-play Ps4 e Pc
  • Contro
  • Grafica non all’altezza di questa generazione
  • Paradossalmente giocare come predator ci pone in condizioni di inferiorità
  • Matchmaking da rivedere
  • Informazioni su Stefano Mario 633 Articoli
    Videogiocatore fin dalla più tenera età ha cominciato con le classiche 500 lire nei cabinati delle sale giochi per arrivare a possedere ogni tipo di macchina da gioco in circolazione, provenienti da tutto il mondo. Non disdegna provare nessun tipo di gioco, perfino il simulatore di sassi.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *