MLB The Show 21 – Recensione

mlb-the-show-21 - Recensione

Appuntamento a suo modo storico per la saga di MLB The Show, il videogioco di baseball di San Diego Studio che, per la prima volta nella sua storia, approda anche sugli “acerrimi nemici” dell’Xbox, per giunta nell’Xbox Game Pass (pare per una richiesta da parte della stessa Major League Baseball).

Per chi non ha presente di cosa stiamo parlando, vi rimandiamo alla recensione dello scorso capitolo pubblicata su queste pagine circa un annetto fa (e disponibile a questo link: MLB The Show 20 – Recensione – Gamepare) per un’infarinatura di base; ma in breve MLB The Show 21 è IL videogioco di baseball per eccellenza. E’ il miglior simulatore, nonché  l’esperienza più autentica possibile di ciò che in molti nel nostro paese hanno imparato a conoscere attraverso il simpatico acronimo di MGDB (Meraviglioso Gioco Del Baseball), ideato da Elio e Faso durante le telecronache su Tele+ e Sky.

MLB The Show 21 - Screen 107

Il capitolo di quest’anno è il primo disponibile anche per le console di nuova generazione come Playstation 5 e Xbox Series X, ma sull’argomento torneremo tra non molto, siccome ci sono elementi degni di nota di cui dobbiamo necessariamente parlare.

In generale non è un’edizione con tantissime novità, dettaglio tuttavia da mettere in conto dal momento che parliamo di un videogioco che simula uno sport che ha avuto DUE cambiamenti regolamentari negli ultimi 46 anni, nonché l’introduzione dell’instant replay nel 2008, e nel 2016, l’obbligo di tentare fisicamente il raggiungimento della seconda base per coloro che tentano di rubare per lo meno due basi.

Qualche piccola novità nel videogioco effettivamente è stata introdotta: innanzitutto si può scegliere fin dall’inizio che tipo di impostazione dare attraverso i “Gameplay Style”, tre stili di gioco differenti:

  • CASUAL è lo stile che ti permette di avere un’esperienza semplice alla “prendi il pad e scendi sul diamante”, avendo più aiuti dall’IA che rendono il tutto semplificato.
  • SIMULATION è la classica esperienza di MLB The Show 21 adatta a chi ha esperienza con la serie.
  • COMPETITIVE è lo stile di default quando si gioca connessi, finalizzata a garantire una migliore qualità di gioco online e un’esperienza più bilanciata tra le due squadre in gioco, a prescindere dagli attributi dei giocatori.

MLB The Show 21 - Screen 108

Novità insieme ad una discreta mano di vernice invece per la modalità “Road to the Show” che permette, in stile “The Journey” di avere una carriera da battitore o lanciatore, dalle Minors fino ad arrivare in Major League Baseball. Inoltre in questa edizione di MLB The Show sono state introdotte molte più cutscene e, in generale, le scelte fatte durante la carriera hanno effettivamente ripercussioni sul proseguimento della stessa, elemento lamentato dai fan negli anni. In Road to the Show curiosa la decisione di integrare la propria creazione, se si volesse, nella modalità Diamond Dynasty (la versione di “Ultimate Team” di MLB The Show), la quale da un lato può dare la possibilità di “giocare” insieme a leggende attuali e passate, mentre dall’altro sembra un invito, nemmeno troppo nascosto, alle microtransazioni al fine di migliorare gli attributi propri e del team, cosa tipica di questa modalità.

MLB The Show 21 è inoltre uno dei pochi giochi in assoluto, rendendolo abbastanza “unicum“, ad avere una modalità multiplayer cross-platform cross-gen, o almeno parzialmente. Quindi i giocatori su Xbox Series X possono cimentarsi contro quelli su XBox e Playstation 5, mentre gli utenti su Playstation 5 hanno la possibilità di sfidarsi contro quelli su Playstation 4, oltre che contro giocatori su XBox Series X. Il processo che permette l’aggiunta di amici dalla piattaforma opposta è, almeno inizialmente, un po’ complicato, ma ci si prende la mano in un periodo relativamente breve.

MLB The Show 21 - Screen 110

In MLB The Show 21 però non è tutto oro quello che luccica e, a malincuore, ci tocca anche parlare di alcuni aspetti negativi più o meno gravi a seconda dei punti di vista.

Per i veterani appassionati, l’assenza di novità per la modalità “Franchise” rappresenterà sicuramente un punto negativo. In particolare, l’assenza di quella online nel 2021 è assolutamente inaccettabile. Ci rendiamo conto che la simulazione di una stagione multiplayer per 162 partite sia a dir poco leviatanica per chiunque, ma non offrirne nemmeno la possibilità, quando altri videogiochi come Madden NFL ci sono riusciti, è un vero peccato.

Il vero punto dolente però è la versione next-gen del gioco, infatti i miglioramenti grafici sono davvero miserrimi o praticamente impercettibili. L’aggiunta di una modalità esclusiva (solo su PS5 e XBox Series S/X), che permette di creare un proprio stadio nel quale far giocare la propria squadra, ha sicuramente potenziale, se però chiudiamo un occhio sul fatto che non si possa giocare nel proprio stadio di notte e la qualità grafica risulta davvero scarna, la “ciccia” è troppo poca per considerare il primo capitolo next-gen come un vero e proprio “must buy”, ringraziando anche il dettaglio non da poco che di alternative dedicate al “batti e corri” in giro non esistono.

Per correttezza, va nuovamente sottolineato che questo è il primo capitolo della saga disponibile su console di nuova generazione, di conseguenza un po’ di tara va inevitabilmente fatta, ma la prossima iterazione di MLB The Show, tra un anno, dovrà offrire necessariamente molto di più dal punto di vista grafico, questo anche e soprattutto per rendere grazia a l’upgrade alle nuove console (tralasciando che questa nuova generazione, tra parco giochi tutt’altro che eccezionali e carenza fisica nei punti vendita delle stesse, una bella gatta da pelare per Microsoft e Sony esiste già).

MLB The Show 21 - Screen 101

In conclusione, tirando le fila del discorso, pur trovandosi di fronte nuovamente a un buonissimo prodotto sia in ambito videoludico-sportivo, sia nel ramo baseball, le novità del capitolo rispetto a quello dello scorso anno, sono forse troppo ridotte anche per i fan di lunga data, per consigliare l’upgrade a chi già conosce la serie o ha giocato il titolo dell’anno passato.

Se invece non avete mai provato un videogioco di baseball, siete appassionati, o magari avete un Xbox, MLB The Show 21 rappresenta comunque il miglior gioco del settore e una delle migliori esperienze videoludiche non solo in ambito baseball, ma in ambito sportivo in generale.

MLB The Show 21
7.3 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica7
Longevità7
Pro
  • Gioco che rimane al top nel suo ramo e uno dei migliori in ambito sportivo
  • Finalmente migliorata la modalità “Road to the Show”
Contro
  • Poche novità rispetto all’anno scorso
  • Differenze grafiche troppo flebili tra versione PS5 e PS4
Comparativa Recensioni
A Gameplay
B Grafica
C Longevità
7.3 Recensione
8
7
7
ABC
7.7 Recensione
8
8
7
ABC
Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 168 Articoli
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*