MLB The Show 20 – Recensione

MLB The Show 20

MLB The Show 20 è l’ultimo capitolo di una saga che da ormai più di 20 anni e attraverso quattro generazioni della console di casa Sony allieta gli appassionati del “National Pastime”.

Per chi non avesse voglia di leggere la recensione abbiamo creato la video recensione che legge totalmente questo articolo.

Il capitolo di quest’anno (che, data la situazione mondiale, rischia di essere dedicato a una stagione che potrebbe anche non disputarsi) è anche l’ultimo che uscirà in totale esclusiva per una console Sony, visto che il team Sony Interactive Entertainment di San Diego ha già annunciato come, dal 2021, il gioco uscirà anche per Xbox, diventando uno dei pochissimi giochi direttamente prodotti e sviluppati da Sony a vedere la luce anche per la console concorrente. Un vuoto che la serie RBI Baseball non è mai riuscito a colmare (l’ultimo vero gioco di baseball per Xbox è stato MLB 2K13 per 360, e anche quel gioco impallidiva di fronte alla controparte di casa Sony).
Precisiamo immediatamente che non è un titolo facile e immediato. Se non sapete cos’è il baseball è forse meglio imparare prima quali sono le regole perché, sebbene il gioco sia esageratamente customizzabile dal punto di vista delle regole e degli aiuti, entrare a freddo senza nemmeno sapere come funzioni lo sport del batti e corri rischia di essere alquanto traumatizzante e di stroncare sul nascere ogni possibile divertimento.

MLB THE SHOW 20 VIDEORECENSIONE 1-59 screenshot
MLB The Show 20 è una simulazione a tutto tondo del Meraviglioso Gioco Del Baseball (o MGDB). Diverse le opzioni di gioco, in tutto e per tutto simili a livello concettuale a quelle che si trovano in altri e molto più conosciuti titoli di altri sport: c’è la carriera singola, chiamata “Road to the Show” nel quale si impersona un giocatore che inizia dalle cosiddette Minors (per la prima volta rappresentate in MLB The Show con i roster completi e ufficiali, novità per la serie) ovvero dai team satelliti delle franchigie principali della Major League Baseball. Si sceglie un ruolo e si parte all’avventura, potendo scegliere se giocare o visionare le intere partite della tua squadra o se vivere attivamente solo le parti di gara in cui si è fisicamente impegnati col proprio giocatore, cosa che rende l’esperienza di gioco molto più veloce (in media una partita di baseball di 9 inning giocata per intero in MLB The Show può durare dai 45 minuti all’ora).
Per chi vuole guidare il proprio team alla gloria ci sono due opzioni: la Franchise Mode più tradizionale, con anche la possibilità di ribrandizzare e rilocare il proprio team se necessario, e la March to October (una stagione singola, appunto da Marzo a Ottobre, ma egualmente dettagliata e completa).
C’è anche, ovviamente, la versione batti e corri dell’Ultimate Team: si chiama Diamond Dynasty e, se possibile, è anche più dettagliata e complessa di quello che è l’Ultimate Team per FIFA. Ovviamente le microtransazioni la fanno da padrone in questa modalità, inutile sottolinearlo.

MLB THE SHOW 20 VIDEORECENSIONE 1-59 screenshot

Per il puro divertimento segnaliamo la modalità “Home Run Derby”, in parole povere “la gara dei fuoricampo”, uno dei pilastri dell’All Star Game MLB tradizionalmente in programma a luglio. L’NBA ha la gara delle schiacciate? L’MLB ha la gara a chi sbatte più volte la pallina con un giro di mazza fuori dallo stadio. Per fare conoscenza del nuovo indicatore sulle battute può essere utile, oltre a essere forse la modalità più immediata per mini sfide tra amici.

La community è enormemente sviluppata e, dai vari Vault, è possibile scaricare slider e roster di ogni tipo: da quelli ultra aggiornati con tutte le minor complete a quelli storici per poter mettere di fronte i più grandi team della storia della MLB.
Con gli slider è possibile invece rendere il gioco ancora più simulativo o magari scaricare una soluzione che fa più virare il gioco verso una soluzione più arcade a seconda dei propri gusti.
Per quanto riguarda la partita di baseball in sé, non mi soffermerei più di tanto per il motivo che ho spiegato prima: per giocarci penso sia necessaria una conoscenza anche minima dello sport. In più le opzioni di gioco e di difficoltà son talmente customizzabili da rendere il discorso un po’ una perdita di tempo. Ovviamente non manca la riproduzione televisiva a tutto tondo di una partita di baseball, con diversi kit di grafiche a seconda del “canale” che trasmette le partite e con l’intera licenza del canale ufficiale della MLB, MLB Network.
Una delle caratteristiche però che mi ha personalmente sempre colpito molto positivamente di MLB The Show è la difficoltà dinamica, ovvero la difficoltà di battuta e di lancio si adattano in base alla tua bravura. Più sei bravo, più il livello di difficoltà del gioco si adatta automaticamente. A un livello di difficoltà più alto cominci a fare fatica e ad avere risultati più negativi? Alla lunga il livello di difficoltà si riadatterà verso il basso. Mi sorprende che altri giochi non siano riusciti a replicare un sistema di questo tipo, francamente, contando che è uno dei punti di forza di MLB The Show da ormai parecchi anni.

MLB THE SHOW 20 VIDEORECENSIONE 2-13 screenshot

In conclusione siamo di fronte, in assoluto, a uno dei migliori giochi sportivi in assoluto in circolazione. Purtroppo, per il nostro mercato, rimane un titolo di poco appeal per il grande pubblico, ma per gli appassionati è un vero “non plus ultra” e un prodotto di altissimo livello. La curva di apprendimento per chi non è pratico dello sport può essere un ostacolo, ma se si riesce a superarla il divertimento e la soddisfazione sono garantiti.
Da moderato appassionato di baseball è uno dei miei acquisti fissi in ambito sportivo-videoludico da ormai anni, straconsigliato.

La recensione di MLB The Show 20 si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

MLB The Show 20
7.7 / 10 Recensione
Gameplay8
Grafica8
Longevità7
Pro
    Esperienza simulativa tra le migliori in ambito video ludico sportivo
    Grandissima personalizzazione
    Carriera lunga e dettagliata
Contro
  • Non immediato se non si è appassionati
  • Diamond Dynasty troppo dipendente dalle micro transazioni
  • Assenza della lingua italiana
  • Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 163 Articoli
    Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

    Commenta per primo

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *