The Last of Us – Il riassunto completo – In un unico episodio

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo, e soprattutto per un immersione maggiore nell’universo di The Last of Us, consigliamo il video in fondo alla pagina]

Ciao belli, dopo aver pubblicato le tre parti inerenti all’universo di The Last of Us, sotto vostro consiglio, vi propongo adesso un unico riassunto che le accorpa tutte. Buona lettura/visione.

“Il mondo come lo conosciamo sta per cambiare tremendamente in fretta.

Un uomo ed una ragazzina camminano insieme verso la meta più ambita: l’apparente salvezza dell’umanità.”

Ciao belli, io sono EliRedZ e quella che vi andrò a narrare è la trama di The Last of Us. In trepida attesa del secondo capitolo andiamo a rivivere i momenti salienti dell’intero viaggio di Joel ed Ellie. Vi informo che per ovvi motivi il video è pieno zeppo di spoiler, dall’inizio alla fine. Per chi quindi non l’avesse mai giocato, consiglio vivamente di andarlo a recuperare in fretta e furia. Per chi invece l’avesse già completato, questo racconto   vi farà sicuramente riassaporare il primo capitolo targato Naughty Dog.

La storia di The Last of Us inizia nelle poche ore che precedono l’epidemia da Cordyceps, un fungo virus che porterà il mondo che conosciamo alla distruzione totale.

Siamo nell’anno 2013. Joel trentenne padre di famiglia, per il giorno del suo compleanno riceve in regalo un orologio dalla figlia Sarah. Più tardi i due vanno a dormire, non avendo la minima idea che quella sarebbe stata l’ultima notte “normale” per entrambi.

Sarah si sveglia nel cuore della notte in seguito allo squillo del telefono. Dall’altra parte lo spaventato zio Tommy la informa di correre a chiamare Joel perché un pericolo è imminente. La piccola allora si affretta a scendere le scale e finalmente trova il padre. Lui entrando di corsa in casa, recupera una vecchia pistola chissà da quanto inutilizzata, informa la figlia di stare distante quanto più possibile dall’entrata e si prepara ad un qualche tipo di attacco. In quell’istante il vicino di casa si scaraventa contro la vetrata della porta irrompendo in modo furioso; è visibilmente diverso dal uomo che conoscevano e Joel non può fare altro che sparargli.

Gli eventi si susseguiranno con una rapidità disarmante. Padre e figlia escono da casa e incontrano Tommy, partito subito dopo la telefonata fatta a Sarah. La radio parla di una non meglio specificata malattia che sta colpendo gli abitanti della città. Purtroppo, l’idea di fuggire prendendo l’autostrada, si rivela la scelta un po’ di tutti, e dopo aver visto un nuovo attacco alla vettura di fronte alla loro, decidono di scappare nella direzione opposta, andando però a completare la fuga pochi istanti dopo.

La città è nel caos più totale, le persone sono in preda al panico e i tre cominciano a fuggire in quello che sembra l’inferno in terra. Con la figlia in braccio ferita dall’incidente, Joel insegue Tommy in un piccolo vicolo, fino a che quest’ultimo non gli urla di scappare mentre terrà a bada gli infetti. Separato dal fratello, con le urla a pochi passi da lui e con la stanchezza ormai in evidente crescita, Joel sta quasi per arrendersi quando un soldato dell’esercito uccide i suoi assalitori. Ma l’incubo è solo all’inizio. Dopo un breve contatto radio in cui il soldato riceve gli ordini di uccidere sul posto i due possibili malati, padre e figlia vengono sparati a sangue freddo, ma prima di ricevere il colpo di grazia, Tommy interviene salvando apparentemente la sua famiglia.

Anno 2033, sono passati 20 anni. Il mondo come lo conoscevamo è ufficialmente caduto.

Un Joel ormai cinquantenne apre di colpo gli occhi dall’incubo della morte di Sarah e va ad aprire la porta. Qui conosciamo Tess, partner d’affari che riguardano il contrabbando e lo scambio di beni necessari alla loro sopravvivenza, motivo per il quale i due hanno diverse conoscenze con gruppi al di fuori di Boston, città in cui vivono al momento. L’obiettivo primario sarà quello di trovare Robert, contatto fuori dalla zona di quarantena con il quale Tess sembra abbia avuto dei problemi.

La coppia arriva quindi al checkpoint, pattugliato dagli ufficiali FEDRA, e poco prima di avere il via libera, un’esplosione si scatena proprio dinanzi a loro. Un gruppo terroristico sta rivendicando la loro libertà. Le “Luci”, come vengono chiamate, sono dei ribelli rivoluzionari contro l’oppressione militare delle zone di quarantena. Hanno lo scopo di ricreare un governo ma soprattutto di trovare un vaccino, oramai dimenticato dai vertici alti, per l’infezione cerebrale da Cordyceps, unica piaga che colpisce chiunque si infetti; il fungo infatti cresce mentre l’ospite è ancora in vita, e come spiegherà un piccolo opuscolo trovato da Joel, le fasi di trasformazione sono esattamente quattro:

  • In prima fase le vittime diventano Runners, stadio debole dell’infezione ma tremendamente pericoloso, in quanto proprio in riferimento alla loro denominazione, questi infetti vedono, sentono e corrono incontro alla vittima.
  • La seconda fase è quella degli Stalkers. In un periodo che varia da una settimana fino ad un mese i Runners si trasformano diventando ancora più feroci e furbi, così da attendere le loro prede sino al momento in cui non saranno vicine abbastanza da poterle agguantare.
  • Clickers sono la terza e penultima fase di infezione. Impiegano circa un anno a diventare tali e possiedono una forza che supera di gran lunga l’essere umano medio. Completamente ciechi riescono a muoversi usando l’ecolocalizzazione, producendo un suono sinistro e inquietante.
  • Con i Bloaters gli stadi di trasformazione si concludono. Ormai il fungo è attivo nel corpo da parecchi anni e funge da corazza per il mostro, avendo oramai uno strato molto più duro. Essi sono i più rari in circolazione ma trovarne anche solo uno è sinonimo di morte.

Ritornando alla storia, Joel e Tess scampati all’attacco delle Luci, trovano finalmente Robert e lo fanno fuori senza troppi ripensamenti, facendoci subito capire la crudezza del mondo in cui i sopravvissuti sono oramai abituati a vivere. La vittima inoltre, poco prima di morire li aveva informati di aver venduto le loro armi a Marlene, donna a capo delle Luci; ed è lei che compare da un angolo visivamente ferita chiedendo uno scambio: Se Joel e Tess avessero portato una cosa fuori città, lei li avrebbe restituito le armi. E questa “cosa” non tardò a farsi notare, essendo non una merce o un oggetto qualsiasi, bensì una ragazzina decisamente vivace da accompagnare indenne fuori dal perimetro di Boston. Ellie, questo il suo nome, a detta di Marlene cambierebbe il destino dell’umanità intera arrivando sana e salva a destinazione.

Dopo aver contrattato il doppio delle armi come ricompensa a raggiungimento dell’obiettivo, Marlene li informa che un gruppo di Luci li attenderà per lo scambio all’interno di un edificio governativo poco distante; così Joel e Tess partono insieme alla ragazza, la quale non ci mette troppo a mostrare il suo carattere forte ma allo stesso tempo sensibile nei confronti di un mondo che non ha potuto conoscere, questo essendo nata dopo lo scoppio dell’epidemia.

Sfuggiti all’attacco di alcuni soldati FEDRA, che stavano eseguendo la scannerizzazione per verificare se i tre fossero infetti o meno, Tess si accorge che l’aggeggio utilizzato da una delle guardie ha dato un risultato positivo su Ellie, rivelando così che la ragazzina è un’infetta. La missione che Marlene li ha assegnato è molto più importante di quello che pensavano, infatti Ellie è stata morsa più di tre settimane prima, ma del fungo e della trasformazione neanche l’ombra, solo una cicatrice sul polso aggredito. Tutto questo ad indicare che lei può essere davvero la cura tanto sperata e ricercata dal mondo ormai in rovina.

Consci e quasi increduli dell’importanza del loro viaggio, dopo aver superato diversi Clickers all’interno di un museo, il gruppo arriva nel luogo predestinato, ma ciò che li attende al suo interno è tragico. Le Luci che avrebbero dovuto recuperare Ellie sono tutte morte, quindi Joel si rende conto di essersi spinto troppo in là e vuole mollare. Un dibattito tra lui e Tess fa notare quanto la donna invece voglia portare Ellie a destinazione riconoscendo in lei l’unica speranza morta da tempo per un vaccino. E gli fa promettere che sarà lui da solo a portarla con se, questo in funzione del fatto che è stata purtroppo morsa nell’attacco al museo.

In quell’istante i soldati FEDRA cercano di fare irruzione nell’edificio, motivo per cui con un nodo in gola, Tess urla ai due di scappare, sacrificandosi per il bene superiore.

The Last of Us - Il riassunto completo foto 1

“Non è la specie più forte a sopravvivere. Nemmeno quella più intelligente. Sopravvive la specie più predisposta al cambiamento.”

Ellie deve arrivare a traguardo sana e salva: questo il pensiero fisso di Joel in seguito alla morte della partner e amica Tess, la quale non può aver perso la vita invano. L’importanza della missione prende ancora più spessore nel momento in cui, sfuggendo alle forze nemiche in una metropolitana piena zeppa di spore da Cordyceps, Ellie non fa uso della maschera, confermando ancora una volta la sua immunità totale al virus.

Raggiunta l’aria fresca, Il caratteraccio di Joel nei confronti della ragazza non tarda ad uscire. Un esempio calzante lo dimostra quando lei, scusandosi e ritenedendosi la causa della morte di Tess, lui la invita in modi non del tutto gentili a non parlare mai più né della sua amica, né tanto meno della condizione di immunità.

Conclusa la conversazione, si parte alla volta della Contea di Jackson per incontrare Tommy, fratello di Joel, trasferitosi lì dopo essersi allontanato prima dallo stesso Joel e poi in seguito anche dalle Luci; avendo fatto parte del gruppo di Marlene, lui saprà sicuramente dove Ellie dovrà essere accompagnata. Il viaggio che si prospetta sarà piuttosto lungo, pertanto un auto è quello che ci vuole. E l’unica persona che può procurarla è Bill: poco socievole e piuttosto paranoico, egli è un vecchio alleato di Joel che vaga tra una città e un’altra scambiando merci di qualsiasi tipo. In seguito a un primo incontro abbastanza improbabile, in cui il carattere combattivo di Ellie e quello poco socievole di Bill si scontrano, nuovi problemi vengono subito a galla dal momento che l’uomo non ha la minima idea di dove possa scovare un veicolo funzionante, ma si renderà comunque utile procurando gli attrezzi corretti per aggiustarlo appena trovato.

Questa piccola deviazione porta il gruppo prima in un cimitero occupato da numerosi Clickers e successivamente all’interno di una scuola dove si imbattono per la prima volta in un Bloater, quarta ed ultima fase d’infezione del fungo. Concluso lo scontro, si addentrano in un centro residenziale conosciuto da Bill. Quest’ultimo, all’interno di una delle abitazioni ritrova l’ex compagno impiccato, e facendo uscire una sensibilità fino a quel momento nascosta, fa notare a Joel di quanto fosse affezionato all’ormai vittima suicida. Per fortuna il partner di Bill nel garage aveva inconsapevolmente tenuto una sorpresa per loro: un auto del tutto funzionante. Così poche ore dopo essere partiti, Bill saluta a suo modo Joel ed Ellie, invitandogli ad andarsene dalla sua città.

Rimessi in marcia, i due protagonisti grazie ad una rivista prettamente maschile rubata a Bill e ad una vecchia audiocassetta, cominciano finalmente a fare amicizia. Affinità che può portare le persone coinvolte a scelte davvero difficili e talvolta anche decisamente inumane, soprattutto in un universo come quello di The Last of Us. I Cacciatori fanno parte di questa categoria, in cui la mancanza di cibo e risorse porta a compiere gesti che superano di gran lunga ciò che la parola “umanità” racchiude. E Joel lo sa bene, avendo fatto parte di quella fazione in passato, pronta a uccidere innocenti pur di sopravvivere in un mondo disastrato.

Separati momentaneamente da un ascensore più che instabile, i due si rincontrano grazie ad Ellie che salva la vita a Joel, uccidendo uno dei Cacciatori, lasciandola incredula e scioccata avendo ucciso per la prima volta non un infetto bensì un umano. La reazione di Joel nei suoi confronti però è tutto fuorché confortante. Nessun “grazie”, “brava”, nulla. Facendole notare quanto abbia ancora un dolore represso interiore e una mancanza totale di affetto dovuta alla sua perdita più grande, Sarah. Poco dopo però, sentendosi in colpa e vedendo Ellie sulle sue, Joel ripaga la piccola mostrandole una fiducia sino a lì tenuta alla larga: nel mentre che si farà strada attraverso una piccola piazzola assediata dai Cacciatori, lei dovrà coprirgli le spalle usando il fucile. Inoltre, un attimo prima di lasciarla al suo compito, le concede con orgoglio un minimo gesto di gratitudine per avergli salvato la vita in precedenza.

Concluso l’assedio in cui la ragazza si è rivelata molto più efficiente di quanto ci si potesse aspettare, dopo aver recuperato il fucile, Joel le regala una pistola, aumentando così la fiducia che d’ora in avanti riporrà in lei. Il rapporto sembra si stia consolidando di più.

Procedendo nel loro viaggio verso Tommy, i due incontrano e si uniscono ad Henry e Sam, fratelli sopravvissuti anch’essi alla follia. Henry, il più grande, ha un senso di protezione a volte quasi maniacale nei confronti del fratellino, pertanto Ellie, notando la pesantezza accumulata dal piccolo, gioca e si diverte con lui nelle poche occasioni che la situazione lo permette.

Henry deve raggiungere una stazione radio militare per incontrare un piccolo gruppo di Luci. Destinazione che si unisce a pennello con quella di Joel. Così a notte inoltrata i quattro sopravvissuti proseguono il loro cammino superando inizialmente un posto di blocco, poi un malcapitato rifugio fognario cosparso di Stalkers e Clickers e infine un piccolo centro residenziale bloccato dai soliti Cacciatori il quale hanno addirittura dei cecchini nei loro ranghi. Prendendosi la briga di uccidere quest’ultimo in solitaria per non mettere in pericolo i suoi compagni, Joel concluso il compito li urla di raggiungerlo di corsa, siccome un gruppo numeroso di infetti è in avvicinamento. Coprendoli a distanza con il fucile, si rende conto però che questa volta i mostri sono davvero in troppi, perciò lascia la sua postazione e aiuta gli altri a barricarsi in casa per poi scappare dal lato opposto.

Messi in salvo, il gruppo può concedersi una pausa. Tra una chiacchiera e un’altra sembra che il mondo intorno li stia lasciando un po’ di tregua: Joel ed Henry se la godono attraverso vecchi ricordi di Harley Davidson sfreccianti in strada, mentre Ellie dona a Sam un piccolo robottino che in precedenza il fratello più grande gli aveva vietato di prendere. Sembra però che Sam non sia particolarmente felice di questa regalo ed Ellie quindi, salutando il piccolo, va a dormire, non avendo la minima idea degli eventi che la mattina seguente avrebbero sconvolto l’intero gruppo. Purtroppo il piccolo Sam è stato morso nell’ultimo attacco e per lui non c’è più nulla da fare; dopo aver attaccato Ellie, ormai completamente posseduto dall’infezione, soccombe sotto i colpi di Henry il quale a sua volta, rendendosi conto di aver appena ucciso il fratello, si punta la pistola alla tempia e spara nuovamente.

I giorni si susseguono. Il viaggio di Ellie e Joel continua. La perdita di Henry e Sam diventa una tra i tanti dolori di routine che colpisce le persone in un pianeta affiancato dalla disgrazia. Arrivati alla centrale idroelettrica in cui risiede il fratello di Joel, i due non vedendosi da circa dieci anni, si abbracciano calorosamente; cosa del tutto inaspettata dal momento che all’epoca in cui scoppiò l’epidemia, entrambi erano stati costretti a servirsi di diverse brutalità per sopravvivere, eventi che avevano portato Tommy ad allontanarsi volontariamente dal fratello maggiore, provando un senso di ripudio per lui.

Camminando verso l’entrata della centrale, si può notare come Tommy, insieme alla moglie Maria, si siano organizzati davvero bene, avendo oltre che mura difendibili anche cibo ed elettricità, dettaglio non da poco considerando il contesto. All’interno dell’edificio Joel chiede ad Ellie di andare con Maria, in quanto lui deve parlare di cose importanti insieme al fratello. La richiesta è tanto semplice quanto rischiosa: informato dell’immunità della ragazza, Joel chiede a Tommy di scortarla fino alle Luci, dal momento che ha fatto parte del gruppo di Marlene, conoscerà sicuramente la via più veloce. Ma poco prima che la discussione sfoci in qualcosa di più grande, la centrale viene attaccata da un gruppo di Cacciatori. Risolta velocemente la faccenda, Ellie accorgendosi del “segreto” che Joel le ha tenuto nascosto, ossia che il loro viaggio insieme si sarebbe concluso lì, scappa rubando un cavallo dall’insediamento. Ritrovata in un ranch abbandonato, ha luogo un’aperta discussione in cui la ferita ancora apertissima di Joel nei confronti della figlia morta vent’anni prima, fa uscire parole che solo la rabbia e la sofferenza tirano fuori, infierendo su Ellie e facendole comprendere di quanto lei non potrà mai essere messa a confronto con Sarah.

Percorso un breve tragitto a cavallo, Tommy è in procinto di salutare il fratello quando avviene l’inaspettato: Joel con un gesto quasi paterno, chiede a Ellie di riconsegnare il cavallo al fratello e salire sul suo. Oramai è tutto chiaro: l’uomo orgoglioso e burbero non lascerebbe mai e poi mai a nessuno di prendersi cura della sua Ellie. Così, salutato il fratello e spronato il cavallo, si dirigono insieme verso il laboratorio delle Luci, destinazione che cambierà per sempre le loro vite.

“Giurami che tutto quello che mi hai raccontato sulle Luci è vero. Lo giuro. Ok.”

Salutato Tommy e giunti finalmente al laboratorio, Joel ed Ellie apprendono da alcune registrazioni lasciate appositamente sul posto, che la base delle Luci ha cambiato posizione: tutti si sono diretti all’ospedale St. Mary di Salt Lake City. Appresa la spiacevole notizia i protagonisti non hanno il tempo di riposarsi; i Cacciatori infatti avendo seguito le loro tracce sono nuovamente lì ad assediarli, ma a differenza delle situazioni precedenti, la fortuna questa volta non è dalla parte dei buoni. In un tentativo di difesa, Joel cade dal primo piano dell’edificio su un asse di ferro, la quale si conficca dritto nella schiena. Ellie in suo soccorso riesce ad eliminare gli ultimi inseguitori, mentre un Joel moribondo è in procinto di perdere i sensi. Trovata l’uscita, la neve sta cominciando a scendere e l’uomo, dopo aver spronato il cavallo, crolla a terra arrendendosi alla sua ferita.

L’inverno è iniziato, il gelo copre ogni parte di roccia e alberi, una piccola lepre cammina ed una Ellie cacciatrice è in cerca di cibo. Di Joel neanche l’ombra. Avvistato un cervo, preda molto più complicata da pedinare ma allo stesso tempo largamente sostanziosa, la ragazza lo insegue riuscendo infine a ucciderlo, ma nel momento in cui è in procinto di recuperare le frecce ecco che due figure compaiono a pochi metri di distanza. Si presentano come David e James e la informano che fanno parte di una comunità poco distante; vengono in pace e chiedono semplicemente uno scambio di merci: una parte del cervo per qualunque cosa serva alla ragazza. Ellie non pensandoci due volte chiede dei medicinali, facendo intuire ai due uomini che il destino di una persona tanto cara alla ragazza è appeso ad un filo. Accettata la richiesta, James si allontana per il recupero degli antibiotici ed Ellie fa la conoscenza in modo più approfondito del nuovo arrivato David. L’uomo sembra un tipo normale, anche lui sopravvissuto come può alla fine del mondo, mentre la ragazza risulta invece visibilmente scettica nei suoi confronti, avendo incontrato sino a quel momento solo assassini e Cacciatori.

La conversazione viene interrotta pressoché subito da alcuni versi sinistri: Clickers e Runners sono in avvicinamento. I mostri inoltre sono molti di più di quanto ci si potesse aspettare, ragione per il quale Ellie e David si salvano la vita a vicenda in diverse occasioni. Questo porta la ragazza a mostrare più fiducia nei confronti del uomo, confidenza destinata però a placarsi di lì a poco. James di ritorno, consegna le medicine ad Ellie mentre David attraverso un piccolo gioco di parole, e con un fare inquietante, mostra finalmente la sua vera natura: dice di essere a capo di una grande comunità di persone oramai decimata, a detta sua da un uomo che si portava appresso una ragazzina. Ellie pertanto, colta la chiara minaccia, si allontana lasciando David e James alle spalle.

Di ritorno alla baita, scopriamo che la vita di Joel è pressoché alla sua conclusione; la ragazza dunque si affretta a fargli la puntura di antibiotici e infine, esausta e ancora spaventata dagli eventi recenti, si addormenta a fianco al suo compagno. La mattina seguente sembra che l’antibiotico abbia fatto effetto, ma purtroppo gli uomini di David hanno inseguito la ragazza durante la notte. Avvertito e compreso il pericolo, Ellie decide di comportarsi da esca: scappa a cavallo portando dietro i suoi inseguitori, così da difendere in tutto e per tutto Joel e lasciarlo nascosto. Il suo piano però ha come un inizio, anche una fine relativamente veloce: non riuscendo a fermarla in altro modo, i Cacciatori sparano direttamente al cavallo, facendo sobbalzare la ragazza giù da un piccolo dirupo. Attutito il colpo dalla neve, e dopo essersi difesa da numerosi attacchi, Ellie riesce finalmente a far disperdere le sue tracce, fino al momento in cui David le fa perdere i sensi catturandola.

Risvegliata in una cella fredda e angosciante, i suoi occhi vedono ciò che di più brutto una persona può immaginare. Un incubo forse peggiore della morte: i Cacciatori non solo aggrediscono gli innocenti, ma se ne cibano pure. Concluso un breve discorso in cui Ellie si assicura che il cibo sul piatto sia solo carne di cervo, David le spiega in parole grossomodo confortanti che il suo obiettivo non è quello di ucciderla, bensì di inserirla nel gruppo, in quanto lei a differenza di tanti altri è una persona speciale. E con fare a dir poco viscido comincia a sfiorarle una mano in segno di fiducia. Ellie in risposta e attraverso un piccolo bluff di accettazione, rompe un dito al uomo cercando di recuperare nel frattempo le chiavi della cella, sfortunatamente con esito negativo.

Nello stesso momento, Joel si sveglia intontito e totalmente debole. Primo pensiero: Ellie. Uscito dalla baita, senza neanche avere il tempo di comprendere in che luogo si trovi, viene attaccato dagli ultimi uomini di David rimasti sul posto. Nello scontro riesce ad avere sorprendentemente la meglio, catturando anche due ostaggi. Essere prigionieri di Joel non è tanto meglio che esserlo di David, infatti i due Cacciatori non hanno nemmeno il tempo di capire del guaio in cui si sono cacciati che, dopo aver riferito il luogo in cui Ellie è rinchiusa, soccombono sotto i colpi del loro carnefice.

Nel medesimo attimo e non troppo distante, Ellie viene sbattuta con forza sul tavolo in cui James poche ore prima tagliava in pezzi un corpo umano futuro cibo per tutti. Tutto sembra perduto quando alla ragazza arriva il colpo di genio: dichiara di essere infetta e urla a David di guardare il morso sul suo polso.  Servendosi abilmente dello sbigottimento generato dalla rivelazione, si allontana con furia prima accoltellando James e dopo sfuggendo ai proiettili di David. La poca visibilità che trasporta con sé una tempesta di neve è senza ombra di dubbio una manna dal cielo per un uomo in fuga; e per una ragazza audace come Ellie non è da meno. Facendosi strada attraverso la tormenta e superando furtiva il gruppo di Cacciatori, giunge in un pub abbandonato. Uscendo dal lato opposto, viene assalita da David il quale non riesce fortunatamente ad ucciderla. Scampato momentaneamente il pericolo, i due cominciano a giocare al gatto e il topo, sino al momento in cui Ellie, usando il suo piccolo ma pur sempre funzionante coltellino, riesce a cogliere di sorpresa l’uomo colpendolo più volte. Infine, dopo numerose colluttazioni, è nel punto di arrendersi, ma un ultimo sforzo le permette di recuperare l’arma dell’assalitore e ucciderlo con rabbia e dolore, venendo bloccata pochi attimi dopo da un Joel che, abbracciandola e facendola sentire al sicuro, la accompagna fuori da quel luogo maledetto.

 

Con la fine dell’inverno, la primavera bussa alle porte e la destinazione tanto ricercata è finalmente più vicina che mai: l’ospedale St. Mary di Salt Lake City e il gruppo delle Luci capitanato da Marlene è ad un passo. Il profondo rapporto che lega Joel ed Ellie ha raggiunto il suo compimento: quello che hanno vissuto, che hanno dovuto affrontare per sopravvivere, tra paure, dolori e perdite, hanno sviluppato soprattutto in Joel un nuovo spirito di rinascita. Ed è in uno dei momenti di cammino che il destino, l’universo o semplicemente una speranza verso un mondo nuovo, regala alla coppia un momento che per me, fatemelo dire, vale l’acquisto dell’intero capolavoro: l’incontro con un animale pacifico e amorevole come la giraffa. Lo stesso Joel non si sarebbe mai distanziato dalla missione nemmeno per un piccolo momento di gioia, eppure l’entusiasmo di Ellie, con prepotente dolcezza, non può che renderlo partecipe di ciò che la meraviglia della natura è in grado tuttora di donare.

Con l’ospedale a pochi minuti di distanza, in una galleria completamente alluvionata, il pullman che regge i due eroi crolla sotto i loro piedi facendoli arrendere alla corrente d’acqua. Joel riesce a recuperare Ellie ma mentre cerca di farla rinvenire, ecco un membro delle Luci che gli urla di mettere le mani in alto; non trovando riscontro, lo colpisce duramente facendolo svenire. Joel apre gli occhi in un letto di ospedale. Accanto a lui il capo delle Luci Marlene. La destinazione è raggiunta. La donna dopo essersi scusata per il colpo infieritogli e averlo aggiornato sul fatto che Ellie sta bene, lo informa che il corpo di quest’ultima è finalmente pronto per l’intervento; infatti i dottori dicono che il Cordyceps, il fungo all’interno della ragazza, è come mutato e rimuovendolo saranno in grado di creare un vaccino per l’intera umanità. Notizia alquanto magnifica dal momento che il viaggio è stato a dir poco frustrante, ma Joel non tarda a capire che asportando il fungo, contagio del cervello nella sua totalità, porterebbe inevitabilmente alla morte della sua Ellie.

A causa degli ovvi motivi che spingono Joel a non accettare questa soluzione, l’aria nella stanza comincia a surriscaldarsi, così Marlene ordina alla guardia di portare l’uomo fuori dall’ospedale chiedendogli persino di giustiziarlo nel caso si opponesse alla scelta ormai presa. Accompagnato come un prigioniero, con una pistola puntata alla schiena, Joel riesce a liberarsi con abilità e uccidere il malcapitato, non prima però di aver richiesto in modo brutale il numero della stanza in cui Ellie dovrà essere operata e uccisa. Facendosi spazio nei corridoi tra Luci pesantemente armate, raggiunge l’ultimo piano dove l’operazione su Ellie sta per avere inizio. Aperta la porta della sala operatoria, uccide senza pensarci due volte il chirurgo, e tenendo tra le braccia il corpo anestetizzato della ragazza, comincia a fuggire. In quegli istanti è come se Joel rivivesse tale e quale la sequenza che portò alla morte di Sarah vent’anni prima. Però questa volta farà di tutto purché le cose vadano nel verso opposto.

Scampato il pericolo delle Luci, l’uomo deve vedersela ancora con Marlene: ella, puntandogli una pistola, lo informa che è ancora in tempo per fare la cosa giusta, informandolo tuttavia che sarebbe anche la soluzione che sceglierebbe Ellie se potesse. Purtroppo o per fortuna Joel ci tiene ormai troppo alla ragazza, motivo per il quale, spara al capo delle Luci senza rimorsi.

In un epilogo ad impatto emotivo davvero alto, vediamo Joel in macchina in direzione della Contea di Jackson ed una Ellie intontita che si sveglia chiedendo a l’uomo cosa sia successo. Lui la informa che nel mondo sono presenti tantissimi immuni e che purtroppo non è possibile creare un vaccino al virus.

Da qui il gran finale dell’opera, che consiglio a chiunque di vederlo piuttosto che leggerlo. Perché l’ultima conversazione tra i due protagonisti è schizzata da tempo in cima all’olimpo dei videogiochi.

Di seguito il dialogo:

Joel: Ok, andiamo.
Ellie: Aspetta. Là a Boston, quando mi hanno morsa, non ero sola. C’era anche la mia migliore amica ed è stata morsa anche lei. Non sapevamo cosa fare, e allora… lei ha detto: “Aspettiamo e basta. Possiamo rendere tutto poetico e perdere la testa insieme.” Sto ancora aspettando il mio turno.
Joel: Ellie…
Ellie: Si chiamava Riley ed è stata la prima che ho visto morire, e dopo Tess… e poi Sam.
Joel: Tu non hai nessuna colpa.
Ellie: No, non hai capito!
Joel: Ho dovuto… lottare a lungo per sopravvivere, e non… Qualunque cosa accada, continui a trovare una ragione per cui lottare. Lo so che non è ciò che ti vuoi sentir dire ora, però…
Ellie: Giuramelo! Giurami che tutto quello che mi hai raccontato sulle Luci è vero.
Joel: Lo giuro.
Ellie: Ok.

Così si conclude il racconto di The Last of Us, un racconto si di sopravvivenza e di violenza. Ma soprattutto un racconto d’amore e di rinascita. Senza troppe parole che sarebbero riduttive, io vi ringrazio per avermi accompagnato in questo viaggio.

Ciao belli!

EliRedZ

Informazioni su Elia Rossi 12 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*