L’applicazione Nintendo Miitomo è ora disponibile per Smatphone

La prima applicazione Nintendo per dispositivi smart, è arrivata in Europa. Miitomo, recentemente lanciato in Giappone dove ha già oltrepassato il milione di download, è un’esperienza sociale free-to-start che permette agli utenti di scatenare conversazioni uniche con gli amici in un modo completamente nuovo utilizzando i personaggi Mii.

Iniziare a usare Miitomo ed essere parte di questa tappa fondamentale di Nintendo è facile. Dopo aver scaricato gratuitamente l’applicazione dall’App Store per iPhone, iPod touch o iPad, o su dispositivi Android, gli utenti creano un personaggio Mii e personalizzano le caratteristiche del viso come occhi e capelli, così come la voce e la personalità. Gli utenti possono anche utilizzare la fotocamera del proprio dispositivo smart per scattare una foto di loro stessi che può essere usata per creare un Mii, piuttosto che importare direttamente il proprio Mii dalle console Nintendo 3DS o Wii U attraverso il QR Code.

Una volta che il Mii è pronto, gli utenti possono aggiungere amici che già possiedono l’app di persona o collegando l’app con i loro account di Facebook o Twitter. Una volta completato questo passaggio, è ora di rispondere a qualche domanda. Miitomo crea conversazioni e trasforma le discussioni in forma di gioco chiedendo agli utenti di rispondere a vari tipi di domande. Lo sai che il cibo preferito della tua migliore amica è la pizza? Sai che il suo genere musicale preferito è la polka? E che pensa che gli alieni esistano? Le risposte verranno condivise tra gli amici, scatenando interessanti conversazioni. Parte del divertimento è proprio scoprire fatti sorprendenti sugli amici. Gli utenti potranno interagire con le risposte degli amici, aggiungendo una risposta, un cuore o un commento sia sotto forma di testo che di immagine.

Per ulteriori informazioni sull’Account Nintendo e Miitomo, visita https://www.miitomo.com/

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2506 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*