Top 10 videogames del decennio (2010-2019) secondo Radical Chic Gaming

Navigando su Youtube ho notato come molti creators e utenti si siano divertiti a stilare una top 10 (in alcuni casi personale, in altri più oggettiva possibile) sui migliori titoli usciti durante il decennio 2010-2019. Lampo di genio! Perché non fare qualcosa del genere su Radical Chic Gaming?

Premetto che questa classifica sarà molto personale, con alcune scelte atipiche che saranno motivate una dopo l’altra, inoltre non ci saranno primi posti o giochi che prevarranno su altri, bensì una semplice scaletta di capolavori messi tutti sullo stesso piano, inseriti in base ad un punto di vista prettamente PERSONALE.

Resident Evil 2 Remake: Credo questo titolo del 2019 sia l’esempio da prendere in considerazione per tutte le case produttrici che vorranno dilettarsi nel fare un remake coi fiocchi, un’opera che risulta essere sinonimo di qualità, capace di far tornare gli stessi brividi di 21 anni fa. Complimenti Capcom, con questa manovra sei riuscita a far riaffezionare al brand molti old school gamer.

resident-evil-2-remake

The Legend of Zelda: Breath of the Wild: Bisogna davvero parlare di questo capolavoro? Questo capitolo di TLOZ, uscito nel 2017, basterebbe da solo per motivare un gamer all’acquisto di una Nintendo Switch!

Grand Theft Auto V: Dopo aver creato un hype gigante prima dell’uscita nel 2013, dopo aver dominato il mercato in lungo e in largo, questa pietra miliare risulta essere ancora oggi uno dei titoli più giocati, tutto ciò grazie alla componente multiplayer versatile e mai trascurata ma anche grazie ad una trama hollywoodiana, in questo caso, esprimibile così fedelmente soltanto attraverso un tipo di mezzo: il videogioco!

Dead Space 2: Uno dei pochi sequel ad essere stati superiori al primo e al successivo capitolo. Gioco messo in commercio nel 2011 ha presentato un modo diverso di vedere gli horror che ha ispirato tantissimi altri titoli del genere, il giusto equilibrio tra horror, action e atmosfera ansiogena, senza le solite città deserte affollate da zombie. Una ricetta da veri Masterchef.

Super Smash Bros Ultimate: Fine 2018, il nuovo capitolo dell’amatissima saga picchiaduro arriva su Nintendo Switch, con il solito e sano fan service, un roster di 77 personaggi, tantissime modalità di gioco, gioco equilibrato e competitivo quindi giustamente entrato a far parte del panorama E-Sport in modo prorompente, credo rimarrà su quest’olimpo per anni.

Batman Arkham City: il 94/100 di Metacritic non è un caso, il combat system nonostante del 2011 è stato punto di riferimento per tanti altri giochi pubblicati a seguire, nemici sempre sublimi, indimenticabili perfino le atmosfere delle missioni secondarie a tratti superiori a quelle della storia principale, un must have per tutti.

Batman Arkham City

Forza Horizon 2: Per un appassionato come me era d’obbligo inserire in top un gioco di corse, mi è stato difficile scegliere tra i tanti titoli validi ma ho optato per il capitolo di FH uscito nel 2014 per tre fondamentali motivi: le sensazioni avute sfrecciando per il sud Europa, la sensazionale colonna sonora (Horizon Bass Arena radio preferita di sempre) e l’immersione provata per tutto l’Horizon Festival.

Cuphead: Run n’ gun che trova la perfezione stilistica con questo mood cartoonesco anni 30 che mi ha fatto subito pensare ad un’opera d’arte interattiva appartenente alla pop art odierna. Tutti da bambini abbiamo sognato di comandare un cartone animato nel modo più fedele possibile. StudioMDHR ci è riuscito alla perfezione nel 2017.

Apex Legends: Non ho nulla contro i vari battle royale sulla piazza ma credo che anche grazie a Source, motore grafico dei due Titanfall, Apex Legends sia stato il giusto compromesso tra divertimento, innovazione (eroi e abilità), shooting e soprattutto free to play. Una ventata d’aria fresca per i battle royale che mi ha fatto avvicinare nel 2019 ad un genere fondamentale per questa gen.

Bloodborne:  Pensando ad un souls-like da inserire in top 10, galeotte furono le splendide ambientazioni gotiche, la prondità dei personaggi e la lore di Bloodborne a spodestare la concorrenza. Miglior gioco del 2015!

Bloodborne

Informazioni su Antonio Feole 19 Articoli
Mi definisco ironicamente come un veterano dell'armata videoludica, diplomato come perito tecnico informatico e ricco di passioni con i miei articoli proporrò un modo diverso di approfondire il gaming.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*