The Legend of Zelda: Majora’s Mask 3D – Recensione

Dal rilascio di Legend of Zelda: Ocarina of Time per 3DS nel 2011, i fan si sono sempre chiesti quando Nintendo avrebbe rilasciato il suo sequel, Majora’s Mask uscito per la prima volta nel lontano 2000. Ecco che 15 anni dopo il rilascio originale del gioco su Nintendo 64, siamo pronti per giocare a Majora’s Mask per 3DS e rivivere il triste destino di Termina.

Screenshot_ZeldaMajora's Mask_1

Poiché The Legend of Zelda: Majora’s Mask è un sequel di Ocarina of Time, il gioco inizia con Link che sta cavalcando Epona, dopo avere sconfitto Ganondorf, attraverso la foresta di Hyrule alla ricerca di Navi, la fata che lo accompagnava ai tempi di Ocarina of Time. Durante la ricerca, Link viene attaccato da uno Skull Kid, con il volto coperto da una maschera, il quale gli sottrae Epona e l’Ocarina, facendo cadere il nostro eroe in una dimensione parallela, il mondo di Termina. Qui Link, trasformato in uno Deku Scrub, incontra il venditore di maschere già conosciuto nelle precedenti avventure, il quale li promette di farlo tornare umano in cambio della Majora’s Mask posseduta dallo Skull Kid. Appena arrivato nella prima città di Termina, Clock Town, Link scopre che entro 3 giorni il nuovo mondo in cui si trova verrà distrutto dalla collisione con la Luna, e il responsabile di questa catastrofe è proprio lo Skull Kid con la maschera di Majora, il quale potrà essere fermato solamente liberando i quattro guardiani dei templi. Grazie al recupero dell’Ocarina e la canzone Song of Time, Link riesce a sfuggire alla collisione e a tornare all’alba del primo giorno, da dove avrà inizio la nostra avventura per salvare il mondo di Termina.

Screenshot_ZeldaMajora's Mask_3

The Legend of Zelda: Majora’s Mask 3D è un gioco differente dai precedenti capitoli della serie, nei quali eravamo abituati ad acquisire oggetti che sarebbero stati d’aiuto durante la nostra avventura, come la Master Sword, oppure alla possibilità di diventare adulti, anche se è possibile ottenere una trasformazione con la Oni Mask. In Majora’s Mask avremo a disposizione numerose maschere, ognuna con un potere particolare. L’importanza della varietà di queste maschere è qualcosa che non era mai stato fatto in un gioco di Zelda: ogni maschera che raccoglieremo permetterà infatti di acquisire nuove abilità o addirittura cambiare forma per continuare l’avventura.

Ci sono quattro maschere necessarie per completare i dungeon e diverse altre che possono dare la capacità di esplodere, parlare con gli animali o anche di ballare; in totale è possibile raccogliere 24 diverse maschere nel gioco.
I controlli sono estremamente semplici con una mappa sempre presente sullo schermo inferiore insieme alla possibilità di utilizzare velocemente quattro altri oggetti personalizzabili. Ciò significa che si dovrà riorganizzare le combinazioni di tasti, selezionando e assegnando oggetti e maschere che ci tornano utili in quel momento. Un grande miglioramento rispetto al gioco originale è il Taccuino dei Bomber. Si tratta di un elemento che si ottiene all’inizio del gioco, e ci permetterà di tenere traccia delle missioni secondarie, personaggi e ricompense. Oltre a questo, sono stati introdotti altri diversi cambiamenti rispetto al gioco originale come ad esempio le posizioni delle maschere e il modo di affrontare alcuni boss.

The Legend of Zelda: Majora’s Mask 3D è un gioco più piccolo in dimensioni rispetto agli altri capitoli di Legend of Zelda, ma questo lascia il tempo di interagire e conoscere tutti gli abitanti del mondo in cui si svolge l’avventura. Utilizzando il sistema di 3 giorni, in tutte le missioni secondarie, ci troveremo ad interagire con tutti i personaggi di Termina e imparare i loro programmi. Non solo: interagendo con loro in giornate differenti vi saranno reazioni distinte. Nel tentativo di rendere il gioco più accessibile allo stile di gioco portatile, è stato reso possibile salvare il gioco in più punti dell’avventura.

Screenshot_ZeldaMajora's Mask_2Purtroppo pur giocando su un New Nintendo 3DS, l’ottimizzazione non sembra essere delle migliori: in alcuni punti di gioco riscontriamo alcuni problemi di frame rate evidenti, soprattutto distruggendo più massi di neve a Snowhead Temple, anche se per un paio di secondi. La colonna sonora per Legend of Zelda: Majora’s Mask è piena di canzoni memorabili, ma anche di suoni particolari come ad esempio i suoni di Clock Town, il fruscio di insetti sotto una pentola e i rumori di fondo nelle varie ambientazioni. Ogni suono ha il suo scopo, con un inserimento perfetto nella storia.

In conclusione gli amanti di questa serie rimarranno soddisfatti dalle migliorie che Nintendo ha apportato al gioco. Un altro valido motivo per l’acquisto è quello di sfruttare le potenzialità del C-Stick del New Nintendo 3DS che permetterà di ruotare la visuale come meglio desideriamo. Insomma, Legend of Zelda: Majora’s Mask è certamente un titolo da non perdere per amanti e non della serie.

Informazioni su Andrea R. 1976 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*