La strategia di Polaris Sector

Polaris Sector è un gioco 4x in tempo reale – con la possibilità di mettere in pausa – con un sistema di combattimento tattico avanzato, ambientato in un remoto angolo dello spazio profondo.  Il giocatore potrà esplorare una galassia generata in modo casuale con oltre 900 stelle, scoprendo pianeti da colonizzare e stabilendo contatti con nuovi imperi, e scegliere tra 9 razze completamente customizzabili, con immagini, tradizioni e modelli di navi differenti.

Oltre agli umani, quindi, sarà possibile scegliere tra altri 8 popoli, con i quali interagire.

Il gioco è stato realizzato con caratteristiche innovative, come la funzione del sistema di ricerca che impiega un flusso continuo di tecnologie. I giocatori potranno sbloccare nuovi sistemi in base ai loro investimenti nella ricerca applicata.

Polaris Sector è completamente “modificabile”, le possibilità sono infinite, i giocatori potranno quindi creare nuove razze, inventare minacce, costruire proprie navi scegliendo come dotarle di armi e dispositivi avanzati. Ma le stesse navi non saranno destinate solo a scopi bellici, ma rappresenteranno anche un elemento chiave per la rete di spionaggio, fornendo la possibilità di raccogliere informazioni cruciali sul nemico.

Sarà inoltre fondamentale il controspionaggio, attraverso la diffusione di false informazioni, che dovranno trarre in inganno il nemico.

Se la diplomazia fallirà, allora la guerra sarà inevitabile. Quando inizierà la lotta si dovrà affrontare il nemico manovrando le proprie corazzate nella modalità combattimento tattico in tempo reale pausabile.

Per tutti quelli che vorranno aiutare ad espandere l’universo di Polaris Sector è assolutamente imperdibile la Pagina ufficiale wiki in Gamepedia: http://polarissector.gamepedia.com/Polaris_Sector_Wiki

 

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2315 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*