Follow
Gamepare > Home > Jotun > Jotun – Recensione

Jotun – Recensione

In molti si ricorderanno un gioco di qualche anno fa intitolato Shadow of the Colossus, in cui dovevamo affrontare in battaglie lunghe e combattute dei colossi di proporzioni bibliche.

Per la gioia di tutti i nostalgici di questo tipo di atmosfere, Thunder Lotus Games ha deciso di regalarci questo nuovo titolo: Jotun, in cui potremo vivere un mix vincente di puzzle platformer e appunto battaglie contro boss giganteschi.

La particolarità principale di questo gioco, uscito per ora esclusivamente su Pc, sta nel fatto che è ambientato interamente nell’universo della mitologia nordica.
La protagonista è infatti Thora, chiamata così dai genitori in onore appunto del dio del tuono, che muore a seguito di un naufragio causato da una tempesta.
Si ritrova quindi nel Ginnungagap, ossia il limbo tra i vivi e i morti della tradizione norrena.  Per poter raggiungere il Valhalla, il paradiso dei nordici, deve conquistare la stima degli dei facendo fuori i colossali Jotun.

JOTUN Brigde

Inizieremo quindi un viaggio mistico e particolare in cui di mano in mano scopriremo il passato della giovane vichinga. Sarà anche un modo per saperne di più su questa cultura molto affascinante in cui rune, costellazioni, dei e miti della creazione molto particolari fanno da cornice al freddo scandinavo.
Ogni livello infatti rappresenta una particolare regione dell’aldilà dei miti nordici, con regioni che toccano ad esempio l’albero Yggdrasil o il lago Jormungandr. Ci ritroveremo quindi ad affrontare vari livelli con sfide ambientali legate proprio a questo tipo di zone molto particolari.

Ottima poi la caratterizzazione della narrazione, tutta in lingua scandinava ad opera della stessa Thora.
Nel corso dell’avventura dovremo affrontare i nemici con la nostra preziosa ascia che ha un attacco rapido ma più debole e uno più lento ma naturalmente nettamente più poderoso.
Potremo anche utilizzare una schivata a mo di capriola così come utilizzare dei super poteri che ci verranno dati dai vari dei e sbloccabili attraverso diversi altari sparsi nei livelli. Saremo in grado ad esempio di piazzare cariche esplosive o utilizzare il martello di Thor per potenziare ulteriormente i nostri attacchi.
La vita massima potrà essere incrementata attraverso il rinvenimento delle mele d’oro, che saranno quindi parecchio utili nei due livelli precedenti allo scontro con il Jotun.
La boss fight è basata su sfide ambientali che variano da isole battute dal vento in mezzo ai ghiacci, a fucine da fabbro gigantesche che erutteranno grandi massi.

JOTUN Shot

Lo stile grafico del titolo è interessantissimo, con personaggi interamente disegnati a mano, colori vivaci e animazioni fluide. Ottimo anche il level design e il comparto audio sempre ispirato, soprattutto nel caso degli scontri con i Jotun dove creano un clima molto coinvolgente.
Peccato purtroppo che il gioco sia molto breve e che quindi finisca parecchio in fretta. Infatti in totale la longevità del titolo si aggira dalle tre alle sei ore massimo.

Un titolo delicato e molto particolare che se fosse durato di più sarebbe stato certamente un vero e proprio capolavoro.

Positivo
  • Atmosfera piacevole e inconsueta
  • Design dei personaggi fluido e ben realizzato
Negativo
  • Sistema di combattimento poco profondo
  • Poco Longevo
7.3
Positivo
Gameplay - 8
Grafica - 7
Longevità - 7
Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0