INSIDE – Recensione

playdeadinsidehero

INSIDE, di cui era stato annunciato l’uscita all’evento Expo E3 2016, viene inserito subito nelle esclusive Indie di Xbox One e PC, quest’ultimo tramite Steam. Sviluppato da Playdead, grazie al finanziamento dalla Danish Film Institute, ha richiesto circa 5 anni di sviluppo e si preannuncia come il degno successore di LIMBO. Il gruppo Playdead ha iniziato lo sviluppo di INSIDE (chiamato Project 2 ai tempi) dopo pochi mesi dal rilascio di LIMBO. Il titolo era atteso per l’estate del 2015 quando fu annunciato per la prima volta all’E3 2014, ma fu successivamente posticipata la pubblicazione al 2016.

All’avvio del gioco vestiremo i panni di un ragazzino il quale, sceso da una rupe, si addentrerà in una tetra e oscura foresta cercando di fuggire il più velocemente possibile dai suoi inseguitori. In questa prima fase di gioco possiamo notare fin da subito la facilità di controllo del personaggio: bastano i tasti direzionali, salto e azione per dare al gioco un gameplay puro e pulito senza la necessità di ricordarsi quale tasto selezionare per effettuare una determinata azione al momento opportuno.

INSIDE_03INSIDE, al contrario di molti giochi, non ha una vera e propria introduzione al gioco. Gli sviluppatori di Playdead cercano di far capire la trama al videogiocatore mentre lo si gioca; cosa non facile, sopratutto in giochi in cui c’è azione, ma anche se la nostra mente dovrà pensare a come risolvere i rompicapi proposti dal titolo non perderemo nessun dettaglio della trama. Questa caratteristica, come già in LIMBO, sono punti essenziali per far godere a pieno la trama e la grafica offerta dal titolo.

Il gameplay viaggia per tutta la durata a scorrimento orizzontale, trovando la strada sempre libera per portare il nostro ragazzino alla libertà. Sicuramente la grafica è un punto molto forte di INSIDE che, a differenza di LIMBO dove tutto era piatto ed in bianco e nero, porta al gioco un 3D particolare ricco di stile e design. I dettagli dello sfondo ed ogni particolare sembrano unificarsi alla perfezione con le ambientazioni.

Un ottima nota è il sonoro, che si integra perfettamente con tutti i momenti proposti da INSIDE e coinvolge pienamente il giocatore.

Non ci sono dialoghi in INSIDE, il tutto è narrato dalle immagini e dai personaggi in modo visivo. Un tratto che distingue i giochi di Playdead è che tutti i personaggi presenti sono privi di volto. Questa caratteristica è alquanto strana, sopratutto se si vogliono esprimere emozioni in un personaggio. Gli sviluppatori però hanno dato il meglio per esprimere i concetti con immagini concrete e non soffermandosi ai sentimenti primari.

INSIDE_01Il gioco comunque cattura il giocatore, fin dai primi minuti, portandolo sino alla conclusione del gioco. Il gameplay è del tutto lineare e i puzzle sono abbastanza semplici senza grosse pretese. Questo non vuol dire che è facile, ma che i puzzle non saranno frustranti e daranno la loro piena soddisfazione nel risolverli, forse è proprio questo che permette al gioco di esser seguito fino alla fine capendo realmente la trama. INSIDE può essere completato con tutti gli obbiettivi entro le 4 ore continuative.

Nonostante la breve durata di gioco, vi possiamo assicurare che la trama e la grafica non farà rimpiangere la breve durata del gameplay.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2616 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.