Dying Light: l’uscita della versione retail è confermata per il 6 marzo

DyingLight Gamepare

Un leggero ritardo nell’uscita per poter garantire una presenza capillare e uniforme su tutto il territorio italiano di quello che é già stato definito uno dei titoli survival horror più attesi della stagione.

Koch Media Italia, filiale italiana del Gruppo europeo leader nella produzione e distribuzione di prodotti per l’intrattenimento digitale, annuncia che la versione retail di Dying Light sarà disponibile dal 6 marzo per Xbox One, PS4 e PC.

La nuova data di uscita riflette la volontà da parte di Koch Media, distributore del gioco per l’Italia, di valorizzare al meglio il titolo soprattutto in termini di capillarità nella distribuzione. Un leggero ritardo nei processi di duplicazione ha, infatti, reso necessario spostare di qualche giorno l’uscita sugli scaffali per poter rispettare i canoni distributivi e la capillare e uniforme presenza del prodotto su tutto il territorio nazionale.

Dying Light è un entusiasmante survival action in prima persona ambientato in un vasto e pericoloso open world dilaniato da un’apocalisse zombie. A diverse settimane di distanza da una misteriosa epidemia, in seguito alla quale centinaia di migliaia di persone sono morte a causa dell’infezione stessa o del caos che ne è scaturito, l’unica speranza per i sopravvissuti è che le istituzioni sviluppino presto una cura mentre teorie della cospirazione prendono sempre più il sopravvento sulla città.

L’alternanza tra il giorno e la notte diventerà uno dei punti cardini dell’intero gioco.

Durante il giorno, i giocatori si troveranno, infatti, ad affrontare un ambiente urbano invaso da una feroce epidemia, alla ricerca di tutto ciò che possa tornare utile alla costruzione di armi per difendersi contro la crescente popolazione infetta.

Di notte, il cacciatore diventerà, però, la preda, poiché è il momento in cui gli infetti diventano ancora più aggressivi e pericolosi. I più spaventosi sono i predatori che appaiono solo dopo il tramonto. I giocatori dovranno utilizzare tutto quello che è in loro potere per sopravvivere fino all’avvento della prima luce del mattino.

All’inizio era pong, poi c’è stato l’avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin’s Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Lasciare una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*