Days Gone – Recensione

Days Gone

Sviluppato da SIE Bend Studio, Days Gone è un open world narrativo, a tema survival horror.
La storia ci fa vestire i panni di Deacon S. John, biker dell’Oregon alla ricerca di Sarah, sua sposa perduta. A farci compagnia ci sarà Boozer, compagno d‘avventura e tuttofare, che ci aiuterà in questo mondo invaso da una misteriosa epidemia che trasforma le persone in zombie divoracarne.
Ma attenzione, non solo queste creature saranno un rischio, perché in questo stato di anarchia, anche gli altri esseri umani sono una minaccia costante.

Indice:

Days Gone Screen01

Prefazione personale

Si potrebbe definire Days Gone come un The Last of Us wannabe, dove la storia traccia una linea netta e insormontabile lasciando poco spazio alle decisioni individuali.
E non sarebbe male, vista la carenza di avventure autoriali dinamiche nel mercato attuale e la grande richiesta da parte degli utenti. Peccato però che, a conti fatti, la trama ramificata non sia poi tanto un granché, supportata anche da un gameplay debole.
Forse piegato dal peso della sua stessa ambizione (ricordiamo che Days Gone ha subito non uno, ma bensì due cambi di data), il gioco soffre di uno sbilanciamento qualitativo piuttosto clamoroso.
Delle montagne russe, degli alti e bassi che non tracciano una coerente linea costante  a livello narrativo, di grafica e di gameplay.
Le poche scelte che possono essere attuate durante la storyline principale vengono compensate però dalla narrazione in background, con uno sviluppo (ad esempio), abbastanza profondo dei personaggi.

Opinioni personali a parte, andiamo ad analizzare il gioco dal punto di vista tecnico.

Days Gone Screen02

Punto di vista tecnico

Come detto, Days Gone è un open world, e qui si vede dove si sono concentrati maggiormente gli sforzi di Bend Studios. Il mondo è vasto, con un grandissimo punto di forza caratterizzato nel meteo dinamico. Potrà capitare, che da un momento all’altro capi il tempo. Pioggia scrosciante e neve andrà ad impattare anche sulla natura del mondo circostante. Il terreno si ammorbidirà, rendendo più pesante o scivoloso il controllo della moto, così come modificherà il comportamento e i movimenti dei vaganti.
Tuttavia, la presenza di pop-up grafici (davvero?! Nel 2019?!), glitch e rallentamenti fanno cascare le braccia. Due anni fa, alla Milano Games Week, erano stati mostrati alcuni footage in game, con ampi glith e bug grafici. “Tranquilli, dovete considerarla solo una beta” dicevano… menzogna!!!
Questo è un pessimo utilizzo dell’Unreal Engine da parte di Bend Studios.

Days Gone Screen03

Anche la longevità di gioco va un po’ a farsi benedire in Days Gone. La storia si può completare in una quarantina di ore, non tutte di omogenea qualità. Soprattutto la parte finale è stata ampiamente criticata dalla community online per essere troppo sbrigativa.
Nella media, le sequenze sono cariche di emotività, grazie anche a Deacon, un vero antieroe col quale è difficile non empatizzare. Certo, il doppiaggio scadente e soprattutto NON SINCRONIZZATO con il labiale non aiuta (davvero?! Nel 2019?! …forse l’ho già scritto).

Days Gone Screen04

Gameplay

Dopo un inizio di rodaggio, dove impareremo i comandi principali, verremmo subito lanciati nell’azione. Tutto ti uccide in Days Gone, passando dai furiosi e dai predoni.
Un approccio stealth sarà sempre la soluzione ideale, soprattutto perché il gioco non richiede un grosso tatticismo (basta marcare i bersagli con il binocolo ed è fatta) o una pianificazione elevata.
Se invece si ha un modo di porsi più alla Call of Duty, ci sono due possibilità: o buttarsi nel corpo a corpo, o allontanarsi e sparare.
Questo dipenderà dai nostri talenti, il cui albero in tre rami (combattimento in mischia, combattimento a distanza e sopravvivenza) verrà progressivamente alimentato da punti esperienza.
una buona idea quella della crescita nel tempo, che ci permette di crescere con Deacon. La mira migliorerà (inizialmente grossolana e rudimentale) , così come la velocità di ricarica o la resistenza nella corsa. Ad adiuvare le skills, ci sarà un arsenale costantemente migliorabile.
Anche qui, però, le note negative sono gli scontri a fuoco. Passando dalle hit box mal calcolate, e continuando con una IA imbarazzante.
Con i furiosi, letali in gruppo, cambia un po’ il discorso. Qui è l’adrenalina a fare da padrona.
Le tattiche possono essere quella di scappare (ottima idea, visto che le orde “obbligate” sono pochissime) o quella di far fondo a tutte le scorte, comprese trappole e molotov accuratamente preparate prima.
Se si sceglie di scappare, entra in gioco la fedele motocicletta, vera compagna in tutta la storia.
Andranno sempre tenute d’occhio le scorte di benzina e i danni al motore, che se inizialmente sono limitati (costringendo i giocatori a cercare la via più breve e a studiare accuratamente la mappa), possono essere accresciuti andando avanti nei progressi di gioco.
Ottenuti crediti sufficienti, si potranno acquistare miglioramenti e potenziamenti, come il nos, resistenza della moto e capacità del serbatoio. Migliorando il veicolo, migliorerà anche la guida, anche in condizioni meteo avverse.
Anche la salute di Deacon sarà migliorabile, grazie all’esplorazione di alcuni bunker sparsi contenenti sieri potenzianti, soprattutto, indizi sullo scoppio dell’epeidemia.

Conclusione

In conclusione, Days Gone si caratterizza per essere un gioco che si schiaccia sotto il peso delle sue stesse ambizioni. Troppo sbrigativo ed approssimato, il peso dei suoi enormi difetti si bilancia perfettamente con la solidità dei suoi punti di forza. Inevitabilmente, però, il risultato finale non può essere troppo sopra la sufficienza.

La recensione di Days Gone si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Days Gone
7.8 / 10 Recensione
Gameplay7.5
Grafica8.5
Longevità7.5
Pro
  • Storia immersiva con personaggi coinvolgenti…
  • Open world che lascia a bocca aperta, grazie anche al meteo dinamico…
  • Un onesto survival horror…
  • Contro
  • Tuttavia troppo sbrigativa e a volte poco approfondita
  • Ma i pop up e glitch grafici sono inaccettabili nel 2019
  • Che si è venduto come la manna dal cielo, ma che è uscito troppo tardi e tradendo troppe aspettative
  • Informazioni su Tommaso Ferraris (Tommy K) 157 Articoli
    Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.