Follow
Gamepare > Home > Recensioni > Recensione PS4 > Vampyr – Recensione

Vampyr – Recensione

Restare umani, nonostante una mostruosa trasformazione, o lasciarsi andare alla sete di sangue più sfrenata?
Uscito lo scorso 5 giugno per PlayStation 4, Xbox One e Microsoft Windows, Vampyr è sicuramente uno dei giochi del momento.
Dark fantasy sviluppato dai ragazzi di Dontnod Entertainment (autori di quel capolavoro di Life is Strange), Vampyr si propone come un mix di più generi, caratterizzandosi come un action RPG open world.

Vampyr-id-8

Ma è la grande narrativa il suo punto di forza, vero marchio di fabbrica dei ragazzi di Dontnod.
Si vestiranno i panni sudici di sangue del dottor Jonathan Reid, risvegliatosi dalla morte sotto forma di vampiro. Suo malgrado la sua prima vittima sarà la povera sorella, venuta a cercarlo in una fossa comune e caduta preda della cieca sete di Jonathan. Resosi conto dell’orrendo crimine, il dottor Reid proseguirà la sua avventura diviso tra la sua nuova natura vampiresca e quel barlume di umanità rimastogli.
Come detto, l’arco narrativo di Vampyr è sceneggiato magistralmente, e per nulla lasciato al caso. Tutti i colpi di scena, i cambi di trama improvvisi e soprattutto i finali multipli saranno sempre influenzati dalle scelte in game.

Vampyr-id-3

Ma se qualcuno teme che da tutto questo possa nascere un gioco complicato, si sbaglia di grosso.
Vampyr, infatti, nel suo semplice minimalismo riesce a non stufare, rendendosi accessibile ad ogni tipo di giocatore. Semplice e chiara la trama, gameplay funzionale, soprattutto nella gestione delle armi e gioco tutto sommato parecchio divertente.

Il gameplay si ispira molto a titoli come Dark Souls, ad esempio nella gestione della stamina, e in fase di combattimento offre al giocatore una doppia scelta. Si posso utilizzare le armi, oppure i propri poteri da vampiro. Scelto ciò, si potrà decidere se risparmiare o eliminare i propri avversari. Ma attenzione, queste scelte influenzeranno gli eventi futuri!
Man mano che gli scontri aumenteranno, si potrà progredire anche con l’albero delle abilità e dell’esperienza, acquisendo ad esempio nuove combo.

Vampyr-id-2

Come detto, le scelte sul futuro di alcuni personaggi influenzeranno il proseguimento del gameplay, ambientato in una Londra divisa in quattro quartieri. La distruzione o la salvezza di questi ultimi potrà dipendere addirittura dalla singola vita di uno dei sopracitati NPC.
Relazionandosi con loro, Reid può scegliere se trasformarli in vampiri, ucciderli o addirittura ipnotizzarli, estrapolando così preziose informazioni.

Vampyr-id-4

In conclusione, se avete poco tempo e vi serve un gioco per l’estate non molto impegnativo ma di grande soddisfazione, Vampyr potrebbe fare al caso vostro.
Un prodotto solido, nato da una casa che di sicuro non ha un budget da Tripla A ma tante idee buone.

https://www.youtube.com/watch?v=vwuukJrS7wg

Nota a margine, i ragazzi di Dontnod sono stati furbetti col tempismo. Gli orfani di Vampire: The Masquerade aspettavano da tempo un seguito “morale” di questo titolo.
Strizzando l’occhio alla fanbase, sono così riusciti ad accaparrarsi qualche copia venduta in più…

La recensione di Vampyr si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Positivo
  • Grande narrativa
  • Ottimo gameplay
  • Solida struttura della storia
  • Interessante il sistema di relazione/interazione con i NPC
  • Atmosfera avvolgente
  • Personaggi carismatici con un protagonista trascinante
Negativo
  • Gameplay tutto sommato minimale, sebbene divertente, easy e accessibile a tutti
  • Grafica super accettabile, i limiti ci sono, ma sono nascosti bene
7.3
Positivo
Gameplay - 7
Grafica - 7
Longevità - 8
Scritto da
Il primo amore non si scorda mai, e per Tommy si tratta della prima PlayStation. Cacciatore di trofei, da vent'anni fedele all'unica sua fonte di intrattenimento videoludico. La sua collezione contiene tutte le console Sony (anche in edizione limitata) e diverse centinaia di titoli marcati PS.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>