Turok – Recensione

Correva l’anno 1997 e il primo Turok Dinosaur Hunter, personaggio preso direttamente dai fumetti, fece la sua comparsa nel mondo dei videogiochi.
Oggi, più di diciotto anni dopo e messo in cantina il mitologico Nintendo 64, esce su PC una versione remake di questo grande classico.

Il tutto è stato lasciato intatto, dalla musica, alla grafica sgranata, perfino i codici dei trucchinei livelli sono rimasti quelli di sempre.

Turok Screen 2

I giochi come questo all’epoca erano molto diversi dagli shooter di oggi: non vi era infatti la vita infinita o l’energia che si autorigenerava. Turok è un tipico esponente di questi classici, con scenari piuttosto ampi e portali per spostarsi da un livello all’altro.

Anche se il gioco non può essere definito open world secondo i parametri odierni, i livelli sono molto ricchi e spesso portano a luoghi nascosti e segreti con passaggi e armi molto utili: un passo avanti enorme all’epoca rispetto ai corridoi claustrofobici di DOOM.

Il gioco è sostanzialmente privo di trama: Turok , un pellerossa, combatte con una serie di armi che vanno da arco e frecce, fino a armi moderne dalla tecnologia aliena, contro umani, robot, ma soprattutto dinosauri, con l’obbiettivo di fermare un individuo malvagio dal conquistare il mondo.

Turok Screen 1

I combattimenti con dinosauri e umani danno sempre una certa soddisfazione, soprattutto grazie alle animazioni che rappresentano uno standard altissimo per l’epoca.
Ottimo anche il comportamento delle armi e i combattimenti con i vari boss di fine livello, con esplosioni e varie deflagrazioni molto ben realizzate.

La sensazione di nostalgia giocando a questo pezzo di storia del retrogaming è grande. Sicuramente i meno giovai fra di voi potranno godere a pieno di questo titolo, ricordando i giochi dell’epoca. Particolare è anche il caricamento delle partite salvate: sarà necessario ogni volta iniziare una partita da zero, mettere in pausa, e solo a quel punto caricare i progressi precedenti dal menù del gioco selezionando lo slot di salvataggio precedente.

Rimangono ovviamente anche i vecchi difetti, ovvero i nemici non si accorgeranno di voi finchè non gli andrete fin sotto il naso, ma in compenso le vostre armi avranno una gittata illimitata e sarà abbastanza semplice colpire i nemici da una notevole distanza.

Il gioco si attesta sui 60fps stabili e un sistema di controllo molto migliorato, grazie alle tecnologie attuali di cui potremmo usufruire su Pc. Se comunque siete troppo abituati ai vari Destiny, Halo o COD è meglio lasciare il buon vecchio Turok nei meandri della Storia a cui appartiene.

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2506 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.