Gamepare > Home > News > Hardware > PlayStation 4 > Transference, il thriller psicologico, è disponibile la demo su PlayStation VR

Transference, il thriller psicologico, è disponibile la demo su PlayStation VR

Transference

Ubisoft ha annunciato che una demo standalone del thriller psicologico Transference è ora disponibile su PlayStation VR e sui sistemi di intrattenimento PlayStation 4. Il gioco è stato sviluppato da Ubisoft Montreal in collaborazione con SpectreVision, la società di produzione fondata da Elijah Wood, Daniel Noah e John C. Waller. Il gioco sarà disponibile in tutto il mondo dal 18 settembre 2018, al prezzo suggerito di 24,99€, sia in versione VR che non VR, su PlayStation VR, Oculus Rift e HTC Vive, oltre che su sistemi Playstation 4, sulla famiglia di dispositivi Xbox One, che include Xbox One, Xbox One S e Xbox One X, e su PC Windows. È attualmente possibile prenotare il gioco.

“La risposta positiva che abbiamo ricevuto dalla stampa e l’eccitazione dei fan sono cose incredibili. Siamo entusiasti di poter offrire ai giocatori l’opportunità, a partire da oggi, di scaricare gratuitamente e provare il prequel, Walter Test Case, che presenterà la prima esperienza diretta dell’universo di Transference, svelando l’esperimento che ha dato il via a tutto,” ha raccontato Kévin Racapé, producer di Transference. “Lavorare a stretto contatto col talentuoso team di SpectreVision è stata una grande conquista e siamo emozionati di pubblicare il gioco il mese prossimo sia per gli appassionati di VR che per i giocatori non VR.”


I giocatori attraverseranno una riproduzione digitale della mente, cercando di svelare i segreti di una casa e la verità corrotta che nasconde. Esplorando e risolvendo gli enigmi dell’abitazione incontreranno i membri di una famiglia, ognuno dei quali possiede una storia e una prospettiva unica sugli eventi sepolti nei loro ricordi.

Scritto da
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Dite la vostra!

0 0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi HTML tag e gli attributi: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>