Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League, arriva a Milano in una competizione mondiale

Rainbow Six esports Milano

Milano, capitale mondiale della moda, del design, dell’architettura. Non c’è davvero città migliore di questa fucina di idee e talenti per ospitare l’appuntamento principale del fenomeno principe di questo decennio e di quello a venire: il mondo degli sport elettronici competitivi, conosciuti con il nome di esport. Un mondo che in Italia conta una base di fan di oltre 1 milione, in costante crescita, con ricavi che a livello mondiale si avvicinano al miliardo di dollari.  L’evento che consacrerà Milano per un intero weekend come capitale mondiale dell’esport è la finalissima della nona stagione della Tom Clancy’s Rainbow Six Pro League, la competizione di portata globale dedicata al videogioco Rainbow Six Siege, che vedrà i migliori atleti digitali da Asia-Pacifico, Europa, America Latina e America del Nord sfidarsi dal vivo per l’ambito titolo mondiale e un montepremi da capogiro di 275.000 $. Sabato 18 e domenica 19 maggio, il maestoso e iconico Palazzo del Ghiaccio di Milano sarà sotto gli occhi di tutto il mondo: oltre al live streaming che trasmetterà la sfida in ben 14 lingue, sono attesi migliaia di spettatori, che possono acquistare fin da ora il proprio biglietto (direttamente cliccando questo link di Ticketmaster).

Dopo aver girato le principali metropoli di tutto il mondo, sarà per la prima volta l’Italia a ospitare quello che si preannuncia essere il torneo più seguito di sempre della serie di videogame di Ubisoft. Un traguardo importante per il nostro Paese, che ha anche l’onore di essere la prima nazione europea, dopo anni, a ospitare la finale di una competizione di altissimo livello come la Pro League. E il merito è anche dell’ottimo riscontro che hanno dato i fan italiani: solamente nel 2018, infatti, le visualizzazioni degli streaming dei tornei dedicati a Rainbow Six Siege hanno quasi toccato i 3 milioni, senza contare che il brand vanta oltre 1 milione di giocatori unici in Italia. L’arrivo della Pro League a Milano viene celebrato all’interno di una location davvero esclusiva, il Palazzo del Ghiaccio: questo storico edificio, costruito negli anni 20 in puro stile Liberty per ospitare la pista di pattinaggio più grande d’Europa, è diventato negli ultimi anni un elegante spazio per i più importanti eventi del capoluogo lombardo e, per la prima volta, sarà il teatro di uno spettacolo esport senza precedenti. A riempire l’arena non saranno solamente gli spettatori e gli atleti internazionali, ma anche la tensione, la carica positiva, le luci, i suoni e i colori di un evento sportivo a tutti gli effetti, in grado di regalare tutte le emozioni che solo uno show esport sa dare.

Gli appassionati da tutto il mondo che desiderano vivere in prima persona l’esperienza di un torneo esport di calibro internazionale potranno acquistare due tipologie di biglietti, il Pass Standard oppure il Pass Diamond (basta aver compiuto 16 anni). Il primo, dal costo di 20 euro, consente l’ingresso per due giorni e permette di sbloccare un oggetto speciale all’interno del videogame Tom Clancy’s Rainbow Six Siege. Il secondo, da 70 euro, oltre all’ingresso per due giorni aggiunge anche la possibilità di avere posti premium all’interno dell’arena, una t-shirt esclusiva e in anteprima assoluta un Chibi, le statuette da collezione raffiguranti i personaggi del videogioco, della terza e nuova serie.

La sfida è già aperta, i migliori giocatori di Tom Clancy’s Rainbow Six Siege si sfideranno senza esclusione di colpi per raggiungere la qualificazione alle finali di Milano. Gli otto team che riusciranno a emergere avranno l’onore e l’onere di rappresentare il proprio continente all’evento esport dell’anno, l’attesa è altissima e carica di tensione. Chi avrà la meglio?

Informazioni su Andrea Raso (Andrea West) 2189 Articoli
All'inizio era pong, poi c'è stato l'avvento di Wolfestein 3D ed ora Assassin's Creed. Ogni volta che provava un gioco voleva scoprire cosa passava per la testa al team che ci ha lavorato. Appassionato fin da piccolo al mondo dei videogiochi non si stacca mai dal suo gamepad.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*