Sword Legacy Omen – Recensione

SwordLegacy
Sword Legacy: Omen è uno strategico a turni, opera prima di Firecast Studio. Sorprendentemente, questo team di sviluppo brasiliano propone una storia basata su una libera rivisitazione dei miti legati alla Britannia del leggendario periodo di Artù. Le vicende di gioco si svolgono in realtà prima dell’arrivo di Re Artù, e vedono una Britannia divisa in piccoli regni (tanto da essere nominata spesso “Broken Britannia” nel racconto di gioco), spesso in conflitto fra loro. Lungo le 11 missioni del gioco scopriremo che questa Britannia è una terra di leggende, come quella relativa a Excalibur, e in cui si pratica la magia, compresi gli oscuri studi alchemici ormai proibiti, e abitata da creature fatate. La trama, che percorreremo nei panni di Sir Uther, comandante delle guardie del regno di Mercia, e dei suoi alleati, non brilla in realtà per originalità. Il gioco inizia con l’assalto del castello di Mercia da parte del Regno di Wessex. Sir Uther, avvisato da Merlino, potrà arrivare solo ad assedio ampiamente in corso, per scoprire che il suo lord è stato assassinato e che la principessa Igraine è stata rapita. Uther dovrà quindi allontanarsi dal castello e cercare un modo per contrastare Gorlois, Duca di Wessex, e le sue misteriose macchinazioni. Per farlo, esplorerà, in un percorso prestabilito che non offre al giocatore alcuna possibilità di scelta, gran parte della Britannia, scoprendo via via che Gorlois è già riuscito a devastare anche buona parte degli altri regni. Sebbene non sia poi così rara in racconti di questo tipo, si ha troppo spesso la sensazione del classico nemico a cui riesce tutto, opposto ad alleati inermi ed incapaci, fino all’arrivo del nostro sparuto gruppetto di eroi a risolvere ogni possibile situazione.
Il “gruppetto di eroi” di cui parlo si viene a formare tramite vari incontri nel corso del gioco, includendo alla fine 8 personaggi dai tratti abbastanza stereotipati. Abbiamo quindi Sir Uther, cavaliere rude ma dall’animo gentile che nei combattimenti svolge il classico ruolo di tank; Merlino, il famigerato mago, fa uso di incantesimi che si riveleranno spesso molto utili; Duanne, paggio di Sir Uther, è un giovane piuttosto insicuro e appassionato di leggende, che ricopre la classe del lanciere; abbiamo poi Gwen, classica ladra scaltra e beffarda, liberata dalle prigioni di Mercia durante la crisi della fase iniziale del gioco. A questi 4 eroi iniziali si aggiungeranno poi un monaco con poteri curativi, un bruto combattente proveniente dalle Highlands nordiche e un paio di fauni, l’uno con abilità da arciere/ranger e l’altro con una insolita interpretazione delle caratteristiche di un fabbro, che lo rendono più simile ad un ruolo di supporto (non particolarmente ben riuscito, in realtà).
https://www.youtube.com/watch?v=CRO2FGmr3N4
Il combattimento porta premesse interessanti: durante l’esplorazione delle aree di gioco, il gruppo incontrerà dei nemici che affronterà muovendosi attraverso l’ambiente, diviso in quadretti. Movimenti, attacchi e mosse speciali costano Punti Azione, e il campo di battaglia è sempre disseminato di oggetti con cui si può interagire, vale a dire trappole e barili esplosivi, oppure pieni di olio, acido, o acqua. È inoltre possibile, con alcune mosse specifiche, spingere o tirare i nemici, facendoli in alcuni casi cadere da dirupi o addirittura fuori dalla mappa. Oltre a muoversi e usare attacchi e mosse speciali, i nostri eroi potranno spendere punti volontà per potenziare le proprie statistiche (ma una volta terminati tali punti, rischiano di impazzire, impedendoci di controllarne i movimenti), oppure possono mettersi in modalità Overwatch, pronti ad attaccare i nemici che si avvicinano nel prossimo turno.
In realtà, la costruzione degli ambienti e soprattutto un’IA scarsa rendono i combattimenti meno interessanti di ciò che potevano essere.  Le occasioni fruttuose per uccidere i nemici spingendoli non saranno poi molte, anche perché le linee di effetto di alcune abilità a distanza (soprattutto quelle dell’arciere) vengono spesso bloccate, anche inaspettatamente, da elementi dell’ambiente. Ad esempio, può sembrare una buona idea portare Merlino o l’arciere Flint in alto, facendo loro salire la scala che porta ai bastioni delle mura. Una volta in cima, scoprirete però che gli incantesimi di Merlino non possono raggiungere i nemici al “piano di sotto”, e che le frecce di Flint, a volte per ragioni misteriose, possono raggiungere solo alcuni dei quadretti più in basso. Non è chiaro come mai a Merlino basti, ad esempio, scendere due gradini delle scale per tornare a poter bersagliare i nemici a livello del terreno (ma non eventuali nemici sulle mura). Riguardo all’IA, i nemici si comportano spesso in modo illogico, attraversando spesso aree incendiate o cosparse di acido, e magari ci si fermano pure, anche quando non ce n’è alcun bisogno. I combattenti da mischia spenderanno spesso tutti i PA per avvicinarsi a voi, senza poi averne abbastanza per sferrare attacchi. Resteranno così inermi di fronte alla serie di attacchi con cui potrete bersgliarli nel turno successivo, facendo solo 1 o 2 passi.  “Inermi” anche perché i nemici non fanno mai uso dell’abilità Overwatch sopra citata. Gli arcieri nemici invece, in caso non abbiano già qualcuno entro portata, passeranno quasi sempre il turno (azione che non porta alcun beneficio, se non un lieve aumento della Difesa), piuttosto di avvicinarsi leggermente e sparare qualche freccia. Pericolosissimi invece i ladri, che per fortuna incontreremo solo nelle fasi finali, in grado, come la nostra Gwen, di rendersi invisibili e di sferrare un attacco in serie particolarmente potente. In generale comunque, vi basterà non gettarvi a capofitto nella mischia, restare abbastanza lontani dai nemici, e attaccarli senza pietà una volta che saranno loro ad essersi avvicinati. In verità comunque, il fatto che l’IA non sia particolarmente evoluta è una fortuna: per via di alcune caratteristiche specifiche, il gioco sarebbe altrimenti eccessivamente difficile. Va considerato infatti che potremo svolgere ogni missione scegliendo quattro personaggi fra gli otto del nostro party. Oltre alle rare pozioni curative, solamente il monaco ha un paio di abilità (da sbloccare) in grado di far recuperare punti vita; e il monaco fra l’altro non è particolarmente utile in combattimento, per il resto. Se un vostro personaggio dovesse arrivare a 0 punti vita, lo perdereste per tutto il resto della missione; al termine, potrete curarlo con un certo dispendio di soldi e/o oggetti. Considerate quindi che le battaglie vinte, ma in cui perdete uno o due elementi non sono in realtà delle vere vittorie, ed è quasi sempre opportuno in questo caso riavviare la missione, o riprendere dall’ultimo punto di salvataggio. Oltre alla scarsa possibilità di cure, nelle missioni più avanzate i vostri 4 eroi dovranno far fuori in una sola missione anche 20-25 nemici. Nelle prime missioni invece, si fa sentire l’assenza nel gruppo di un attaccante con arma a distanza (anche alla fine, ne avremo solo uno), mentre i gruppi nemici avranno quasi sempre degli arcieri. Da questo punto di vista, è piuttosto strano constatare che Merlino, che fa uso di un bastone magico, può usarlo per attaccare nemici distanti fino a 2 quadretti (abilità a disposizione anche del lanciere), mentre sarebbe stato più utile, e forse anche più in linea con il personaggio, dotare il bastone di una sorta di dardo magico, un attacco a distanza di base che avrebbe reso più versatile il gruppo.
Dal punto di vista della gestione dei personaggi, ciascuno di essi è caratterizzato da diversi valori nelle caratteristiche che sono Punti Vita, Punti Azione, Attacco, Difesa, Efficienza, Resistenza, e probabilità di Colpi Critici. Tali valori restano non progrediscono nel corso del gioco, vista l’assenza di livelli e di punta esperienza, ma possono aumentare o diminuire tramite l’utilizzo degli oggetti. Ogni personaggio ha infatti uno slot arma, uno slot armatura, e due slot aggiuntivi per oggetti di altro tipo. Ciascun oggetto è inoltre disponibile solo per alcune classi (le otto categorie di armi, in particolare, sono dedicata ciascuna a un singolo personaggio); le armature pesanti sono disponibili solo per il Cavaliere, mentre molti oggetti che potenziano l’attacco sono utilizzabili solo da Barbaro, Ladro e Lanciere. L’unica modalità in cui i personaggi progrediscono fa uso dei Punti Fama, ottenuti al termine di ogni missione; questi punti formano un pool condiviso fra tutti i personaggi da utilizzare per sbloccare nuove abilità, diverse per ogni eroe. Pur potendone sbloccare anche di più, ogni personaggio potrà avere 4 abilità disponibili in ogni missione, fra attive e passive. Come già accennato, questa capacità permettono potenti attacchi speciali (come i classici Palla di Fuoco, Carica, Attacco Furioso), mosse in grado di spostare alleati o nemici, di agevolare il movimento, di evocare creature, e altre cose ancora. Queste capacità sono senz’altro molto utili (alcune più di altre) ma, anche unite ai potenziamenti degli oggetti, non segnano davvero un netto miglioramento del personaggio nel corso del gioco. Questo aspetto potrebbe anche essere un pregio per alcuni, ma si ricollega al fatto che certe battaglie a fine gioco possono essere impegnative; o meglio, lo sarebbero se i nemici utilizzassero tattiche più intelligenti.
Fuori dai combattimenti, il gruppo si muoverà lungo la mappa della Britannia. In alcune città, oltre alle missioni, saranno disponibili la Locanda, in cui riposare a prezzi non particolarmente economici, oltre al Fabbro, alla Farmacia e al Mercato Nero, anche se non avrete mai grandissime quantità di soldi. Fra una città altra ci saranno invece zone adatte ad accamparsi, dove potremo scegliere di dormire per far recuperare le forze ai nostri avventurieri, spendendo un kit da esploratore. In questo caso, è possibile che il gruppo sia soggetto ad imboscate da parte di gruppi di nemici da combattere, in battaglie di solito piuttosto semplici. Queste battaglie possono essere fra l’altro buone occasioni per schierare il monaco e usare le sue abilità per curare eventuali personaggi ancora feriti, vista la scarsa pericolosità dei nemici in questi casi. In definitiva, il gameplay di Sword Legacy: Omen presenta buone premesse ma resta piuttosto involuto e insoddisfacente rispetto ai colossi del genere come XCOM, Banner Saga, o anche a prodotti meno conosciuti come Ash of Gods: Redemption. Da notare poi che il titolo presenta una rigiocabilità pari a zero, visto che la storia si svolge in un unico modo, e i personaggi hanno classi fisse senza un elevato numero di possibili percorsi di crescita. Come detto, la trama ha qualche spunto interessante ma si rivela piuttosto scontata e già vista, con una durata totale del gioco inferiore alle 20 ore. Le vicende vengono narrate tramite filmati con scritte, disegni, e racconto a voce, oppure tramite delle cutscenes con immagini statiche dei personaggi e dialoghi testuali. A questo proposito va sottolineato che gli sviluppatori hanno scelto di far parlare un particolare dialetto a un paio di personaggi, rendendo i loro dialoghi abbastanza ostici anche per chi conosce bene l’inglese, purtroppo. Riguardo al reparto tecnico, la grafica in stile cartoonesco è ben realizzata e riesce comunque a mantenere un carattere abbastanza epico per supportare la storia. Si registrano però alcuni bug, come ad esempio il mancato caricamento di tutte le texture in alcune occasioni. Inoltre, nonostante gli oggetti si vedano nei menu con vari design diversi, una volta equipaggiati non apportano alcuna modifica all’aspetto grafico dei personaggi. L’audio, infine, è di discreto livello, con un buon doppiaggio e una colonna sonora che accompagna adeguatamente il gioco.

Conclusione

Sword Legacy: Omen è quindi un titolo che può intrattenere e risultare anche gradevole, ma è lontano dai migliori esemplari fra gli RPG strategici a turni, frenato da una trama non eccelsa e da un gameplay non profondissimo, seppur affiancato da un comparto tecnico di buon livello, soprattutto trattandosi dell’opera prima dello studio. La recensione di Sword Legacy Omen si basa su esperienza e sensazioni personali scaturite durante la prova prodotto.

Sword Legacy

9

Gameplay

9.0/10

Grafica

9.0/10

Longevità

9.0/10

Good

  • Setting ispirato alle leggende di Artù
  • Interazione con l’ambiente nei combattimenti
  • Buon comparto tecnico
  • Gameplay discreto

Bad

  • Trama non eccelsa
  • IA limitata
  • Gameplay comunque migliorabile
  • Scarsa rigiocabilità
Informazioni su Davide C. 69 Articoli
Giochi di ruolo, simulazione e strategia sono il suo pane. In un videogioco cerca soprattutto originalità, coinvolgimento e ironia, sin dagli inizi su Commodore e Sega Mega Drive. In momenti di nostalgia, non può fare a meno di riprendere in mano i primi episodi di Final Fantasy o Monkey Island.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*