Stranded Deep – Recensione della versione PS4

Cacciare, bere, craftare sopravvivere e ripetere da capo

stranded deep

Il 21 aprile 2020 è uscito per Playstation 4 il gioco “Stranded Deep”, un videogioco di sopravvivenza open world in prima persona, sviluppato e pubblicato dallo sviluppatore australiano Beam Team Games. Disponibile su PlayStation Store, questa versione è la stessa pubblicata il 23 gennaio 2015 in versione anticipata su Steam, ma con revisioni non da poco per la versione console. Scopriamole insieme in questa recensione.

stranded deep

Se siete alla ricerca di un survival nudo e crudo senza aiuti di nessun genere, dove l’unico modo di sopravvivere è basato solo sul vostro intuito ed esperienza con altri titoli similari, ecco che Stranded Deep è il gioco che fa per voi.

La storia non è molto originale, già infatti altre uscite di questo genere iniziano proprio così, ovvero con un viaggio sul nostro bellissimo jet privato quando, senza un perché, una parte del velivolo esplode e inizia una lunga picchiata verso il baratro. Per nostra fortuna siamo salvi, anche se non possiamo dire altrettanto per il povero pilota (R.I.P.). Il problema ora è che siamo precipitati da qualche parte nell’oceano e stiamo andando a fondo con tutto l’aereo.

Dopo una breve nuotata tra le lamiere del nostro jet riusciamo ad uscire e dirigerci verso la superficie, dove ad aspettarci, come per magia c’è un gommone di salvataggio con all’interno una pagaia e una piccola scorta di cibo, come se qualcuno sapesse che saremmo dovuti precipitare. A questo punto non ci resta che pagaiare verso la prima isola che ci troviamo davanti sperando che sia fornita di un’abbondante scorta di cibo e acqua.

Beam Team Games Stranded Deep - Screenshot 2a

Qui le nostre speranze di essere approdati su un’isola paradisiaca spariscono alla svelta e subito il gioco ci fa capire che qui comanda lui o meglio Madre Natura, e credetemi non è per niente magnanima e se solo la sottovalutate state pronti ad rincominciare più e più volte la partita. Il gioco vero e proprio inizia dopo un breve tutorial , che ci spiega le basi del gioco, come creare il primo riparo e come accendere un fuoco per la notte. D’ora in poi saremo abbandonati a noi stessi, con un menù di crafting che, lasciatemelo dire, risulta intuitivo ma allo stesso tempo un po’ legnoso, e che ci dimenticheremo presto, mentre saremo intenti a cercare di non morire di fame, di sete e di caldo. Ebbene sì, si può morire anche di caldo , e voi direte come teniamo sott’occhio le varie informazioni del nostro personaggio? Ecco qui che fa la sua entrata sua maestà l’orologio magico,un super congegno in dotazione che ci mostrerà sul display vita, fame, sete e temperatura corporea (altro che Apple watch e Samsung Gear).

Non solo il caldo però sarà nostro nemico: dovremo affrontare altri pericoli anche in mare e sulla sabbia. Sulla terraferma potremo trovare dai più semplici granchi che ci pizzicheranno se gli passiamo troppo vicino ai più temibili serpenti a sonagli, che ci avvertiranno della loro presenza agitando la coda, e credetemi se dico che è meglio starci alla larga. Per quanto riguarda il mare troveremo specie velenose come stelle marine, serpenti e pesci. Naturalmente non possono mancare i temibili squali, dei quali si possono trovare varie specie.

stranded deep

Uno degli elementi fondamentali di Stranded Deep è sicuramente il crafting , infatti avremo a disposizione una vasta lista di oggetti, quali gli utensili primari (coltello, ascia, canna da pesca, ecc…), strutture di sopravvivenza (distillatore d’acqua, tavolo da lavoro, fornaci ecc…) per arrivare a costruire case zattere ed un elicottero con pezzi di riciclo. Trattandosi di un survival, il gioco si basa tutto sul farming, infatti oltre a trovarci del cibo pescando e cacciando (anche con l’ausilio di trappole) dovremmo spostarci di isola in isola per trovare materiale per costruire le nostre attrezzature, e quindi sarà necessaria la costruzione di una zattera il prima possibile.

Parte fondamentale del gioco è la ricerca di materiale sott’acqua cercando tra i relitti di navi e aerei affondati, ed è qui che di solito si trovano casse di legno al cui interno ci sono veri e propri tesori. Quindi immergetevi il più possibile, con un arma in mano per tenere a bada gli squali, tenendo però presente che tutte le armi hanno un tempo limitato e si consumano per poi rompersi. Fate attenzione e se per caso siete stati morsi o avvelenati dovete subito correre ai ripari craftandovi bende e antidoti ricavati da piante ben precise, per non andare incontro a morte certa. Mentre siamo in acqua dovremo anche far attenzione ai 3 boss presenti per ora nel gioco: il megalodonte, il calamaro gigante e la murena gigante.

Beam Team Games Stranded Deep - Screenshot 3

Ora che ho elencato gli aspetti positivi del gioco non posso non parlare purtroppo anche dei suoi problemi, ovvero il suo comparto grafico. Il gameplay perde molto quando ci si ritrova con un calo di frame o addirittura con dei freeze che durano qualche istante , per non parlare di quelle volte che si rimane incastrati nei cespugli, o della zattera che si blocca su degli scogli facilmente superabili , o degli oggetti compenetrati nel terreno di cui si legge solo il nome. Su Playstation 4 la prestazione grafica è un po’ troppo bassa, infatti si fa molta fatica a mantenere i 30 FPS, ed è un vero peccato.

Anche l’audio ha delle grosse lacune. Bello ad esempio il rumore di quando si mette la carne sul fuoco (non è chiaro però perché quando la carne è cotta parte un suono che fa esplodere i timpani, ed è lo stesso del microonde)
Invece le colonne sonore che ci accompagnano per tutta la durata del gioco le ho trovate gradevoli e non invadenti.

Il titolo a differenza della versione per PC vanta la localizzazione in italiano, con una versione finale forse non troppo ottimizzata. Purtroppo i difetti che riscontriamo sono legati al fallimento della Telltale Games, che gestiva il publishing, quindi Beam Team Games per correre ai ripari ha ottimizzato con le sue sole forze il gioco per mantenere comunque l’uscita sul console.

Il difetto più grande di  Stranded Deep è la mancanza del multiplayer, cosa che davvero non comprendo; forse ci sarà più avanti la possibilità di vederlo, ma per ora ci dobbiamo accontentare di affrontare la fame, il caldo e gli squali da soli.

Stranded Deep
6.3 / 10 Recensione
Gameplay7
Grafica7
Longevità5
Pro
  • Rapporto qualità prezzo
  • Buona vastità di crafting
  • Contro
  • Comparto grafico
  • Assenza multiplayer
  • Informazioni su Simone Bignami (Simokiller) 239 Articoli
    Grande amante dei giochi sparatutto soprattutto contro gli zombie. Se volete passate dal mio canale youtube : simokiller! , risate e nuove avventure sono sempre di casa.

    1 Commento

    1. Bellissima recensione Simo, il gioco in se per sé e molto bello, ma se verrà portato al livello del pc anche per console con aggiunta di cose e vengano corretti i molti bagh del gioco, diventerebbe un gioco imperdibile.

    Lascia un commento

    L'indirizzo email non sarà pubblicato.


    *