The last of Us – Lore e riassunto: Parte 1 di 3

The last of Us - Lore e riassunto

[N.B.: Se avete il piacere di visionare e non solo leggere questo articolo, e soprattutto per un immersione maggiore nell’universo di The Last of Us, consigliamo il video in fondo alla pagina]

“Il mondo come lo conosciamo sta per cambiare tremendamente in fretta.

Un uomo ed una ragazzina camminano insieme verso la meta più ambita: l’apparente salvezza dell’umanità.”

Ciao belli, io sono EliRedZ e quella che vi andrò a narrare è la trama di The Last of Us. In trepida attesa del secondo capitolo andiamo a rivivere i momenti salienti dell’intero viaggio di Joel ed Ellie. Questo racconto sarà suddiviso in tre parti. Vi informo che per ovvi motivi il video è pieno zeppo di spoiler, dall’inizio alla fine. Per chi quindi non l’avesse mai giocato, consiglio vivamente di andarlo a recuperare in fretta e furia. Per chi invece l’avesse già completato, questo racconto   vi farà sicuramente riassaporare il primo capitolo targato Naughty Dog.

La storia di The Last of Us inizia nelle poche ore che precedono l’epidemia da Cordyceps, un fungo virus che porterà il mondo che conosciamo alla distruzione totale.

Siamo nell’anno 2013. Joel trentenne padre di famiglia, per il giorno del suo compleanno riceve in regalo un orologio dalla figlia Sarah. Più tardi i due vanno a dormire, non avendo la minima idea che quella sarebbe stata l’ultima notte “normale” per entrambi.

Sarah si sveglia nel cuore della notte in seguito allo squillo del telefono. Dall’altra parte lo spaventato zio Tommy la informa di correre a chiamare Joel perché un pericolo è imminente. La piccola allora si affretta a scendere le scale e finalmente trova il padre. Lui entrando di corsa in casa, recupera una vecchia pistola chissà da quanto inutilizzata, informa la figlia di stare distante quanto più possibile dall’entrata e si prepara ad un qualche tipo di attacco. In quell’istante il vicino di casa si scaraventa contro la vetrata della porta irrompendo in modo furioso; è visibilmente diverso dal uomo che conoscevano e Joel non può fare altro che sparargli.

Gli eventi si susseguiranno con una rapidità disarmante. Padre e figlia escono da casa e incontrano Tommy, partito subito dopo la telefonata fatta a Sarah. La radio parla di una non meglio specificata malattia che sta colpendo gli abitanti della città. Purtroppo, l’idea di fuggire prendendo l’autostrada, si rivela la scelta un po’ di tutti, e dopo aver visto un nuovo attacco alla vettura di fronte alla loro, decidono di scappare nella direzione opposta, andando però a completare la fuga pochi istanti dopo.

La città è nel caos più totale, le persone sono in preda al panico e i tre cominciano a fuggire in quello che sembra l’inferno in terra. Con la figlia in braccio ferita dall’incidente, Joel insegue Tommy in un piccolo vicolo, fino a che quest’ultimo non gli urla di scappare mentre terrà a bada gli infetti. Separato dal fratello, con le urla a pochi passi da lui e con la stanchezza ormai in evidente crescita, Joel sta quasi per arrendersi quando un soldato dell’esercito uccide i suoi assalitori. Ma l’incubo è solo all’inizio. Dopo un breve contatto radio in cui il soldato riceve gli ordini di uccidere sul posto i due possibili malati, padre e figlia vengono sparati a sangue freddo, ma prima di ricevere il colpo di grazia, Tommy interviene salvando apparentemente la sua famiglia.

The last of Us -Joel e Sarah

Anno 2033, sono passati 20 anni. Il mondo come lo conoscevamo è ufficialmente caduto.

Un Joel ormai cinquantenne apre di colpo gli occhi dall’incubo della morte di Sarah e va ad aprire la porta. Qui conosciamo Tess, partner d’affari che riguardano il contrabbando e lo scambio di beni necessari alla loro sopravvivenza, motivo per il quale i due hanno diverse conoscenze con gruppi al di fuori di Boston, città in cui vivono al momento. L’obiettivo primario sarà quello di trovare Robert, contatto fuori dalla zona di quarantena con il quale Tess sembra abbia avuto dei problemi.

La coppia arriva quindi al checkpoint, pattugliato dagli ufficiali FEDRA, e poco prima di avere il via libera, un’esplosione si scatena proprio dinanzi a loro. Un gruppo terroristico sta rivendicando la loro libertà. Le “Luci”, come vengono chiamate, sono dei ribelli rivoluzionari contro l’oppressione militare delle zone di quarantena. Hanno lo scopo di ricreare un governo ma soprattutto di trovare un vaccino, oramai dimenticato dai vertici alti, per l’infezione cerebrale da Cordyceps, unica piaga che colpisce chiunque si infetti; il fungo infatti cresce mentre l’ospite è ancora in vita, e come spiegherà un piccolo opuscolo trovato da Joel, le fasi di trasformazione sono esattamente quattro:

  • In prima fase le vittime diventano Runners, stadio debole dell’infezione ma tremendamente pericoloso, in quanto proprio in riferimento alla loro denominazione, questi infetti vedono, sentono e corrono incontro alla vittima.
  • La seconda fase è quella degli Stalkers. In un periodo che varia da una settimana fino ad un mese i Runners si trasformano diventando ancora più feroci e furbi, così da attendere le loro prede sino al momento in cui non saranno vicine abbastanza da poterle agguantare.
  • I Clickers sono la terza e penultima fase di infezione. Impiegano circa un anno a diventare tali e possiedono una forza che supera di gran lunga l’essere umano medio. Completamente ciechi riescono a muoversi usando l’ecolocalizzazione, producendo un suono sinistro e inquietante.
  • Con i Bloaters gli stadi di trasformazione si concludono. Ormai il fungo è attivo nel corpo da parecchi anni e funge da corazza per il mostro, avendo oramai uno strato molto più duro. Essi sono i più rari in circolazione ma trovarne anche solo uno è sinonimo di morte.

Ritornando alla storia, Joel e Tess scampati all’attacco delle Luci, trovano finalmente Robert e lo fanno fuori senza troppi ripensamenti, facendoci subito capire la crudezza del mondo in cui i sopravvissuti sono oramai abituati a vivere. La vittima inoltre, poco prima di morire li aveva informati di aver venduto le loro armi a Marlene, donna a capo delle Luci; ed è lei che compare da un angolo visivamente ferita chiedendo uno scambio: Se Joel e Tess avessero portato una cosa fuori città, lei li avrebbe restituito le armi. E questa “cosa” non tardò a farsi notare, essendo non una merce o un oggetto qualsiasi, bensì una ragazzina decisamente vivace da accompagnare indenne fuori dal perimetro di Boston. Ellie, questo il suo nome, a detta di Marlene cambierebbe il destino dell’umanità intera arrivando sana e salva a destinazione.

Dopo aver contrattato il doppio delle armi come ricompensa a raggiungimento dell’obiettivo, Marlene li informa che un gruppo di Luci li attenderà per lo scambio all’interno di un edificio governativo poco distante; così Joel e Tess partono insieme alla ragazza, la quale non ci mette troppo a mostrare il suo carattere forte ma allo stesso tempo sensibile nei confronti di un mondo che non ha potuto conoscere, questo essendo nata dopo lo scoppio dell’epidemia.

Sfuggiti all’attacco di alcuni soldati FEDRA, che stavano eseguendo la scannerizzazione per verificare se i tre fossero infetti o meno, Tess si accorge che l’aggeggio utilizzato da una delle guardie ha dato un risultato positivo su Ellie, rivelando così che la ragazzina è un’infetta. La missione che Marlene li ha assegnato è molto più importante di quello che pensavano, infatti Ellie è stata morsa più di tre settimane prima, ma del fungo e della trasformazione neanche l’ombra, solo una cicatrice sul polso aggredito. Tutto questo ad indicare che lei può essere davvero la cura tanto sperata e ricercata dal mondo ormai in rovina.

The last of Us -Tess

Consci e quasi increduli dell’importanza del loro viaggio, dopo aver superato diversi Clickers all’interno di un museo, il gruppo arriva nel luogo predestinato, ma ciò che li attende al suo interno è tragico. Le Luci che avrebbero dovuto recuperare Ellie sono tutte morte, quindi Joel si rende conto di essersi spinto troppo in là e vuole mollare. Un dibattito tra lui e Tess fa notare quanto la donna invece voglia portare Ellie a destinazione riconoscendo in lei l’unica speranza morta da tempo per un vaccino. E gli fa promettere che sarà lui da solo a portarla con se, questo in funzione del fatto che è stata purtroppo morsa nell’attacco al museo.

In quell’istante i soldati FEDRA cercano di fare irruzione nell’edificio, motivo per cui con un nodo in gola, Tess urla ai due di scappare, sacrificandosi per il bene superiore.

to be continued…

E così si conclude la prima di tre parti inerente all’universo di The Last of Us. Se volete conoscere la continuazione di questo capolavoro, seguite le nostre pagine su Gamepare.it e/o attraverso il canale YouTube  di EliRedZ.

Ciao belli

E’ disponibile anche la The last of Us – Lore e riassunto: Parte 2 di 3

EliRedZ

Informazioni su Elia Rossi 8 Articoli
Amante di videogiochi, musica e fumetti, EliRedZ nasce prima animatore e dopo presentatore di eventi in tutta Italia. Il pensiero di poter approfondire l’arte del videogioco insieme a tutto ciò che lo fa stare bene è un continuo motivo di stimolo per lui.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*